Il regista del piacere.

  • Scritto da baxi il 06/09/2021 - 12:28
  • 427 Letture

Serata strana al prive': poca gente, atmosfera stagnante, poca enfasi. Ci sono alcune coppie già viste. Poi una nuova: forse sono qui per la prima volta. Lui si guarda in giro, indeciso su chi dovrà scopare la donna che lo accompagna, che, sicuramente, sarà la moglie che, per un senso di malcelato pudore, si nasconde dietro di lui, cerca di coprire le splendide cosce, tirando giù la minigonna. Probabilmente è venuta tanto per far contento lui, ma non sembra molto decisa. Una bella donna. Due singoli le si sono avvicinati, ma non devono aver usato l'approccio giusto, forse sono stati troppo bruschi e determinati, mentre basterebbe un minimo di dolcezza, alcune parole pacate, senza dar l'impressione di volerla divorare e lei si illanguidirebbe; a quel punto la si potrebbe scopare tantissimo, ma io non ne ho voglia questa sera, mi sento inquieto, vorrei una cosa diversa. Poi c’è un’altra coppia. Lei una fica paurosa, che ha già scopato con me due volte, in altre serate: lui è un tipo che sta solo a farsi seghe in continuazione. Questa sera, lei ha occhi solo per la tipetta di un’altra coppia; si scambiano occhiate provocanti e bacetti; probabilmente la serata finirà con le due donne abbracciate, a leccarsi selvaggiamente. Guardo l’orologio, è quasi mezzanotte, sto appoggiato al bancone del bar e penso di andarmene, quando li vedo entrare: una coppia diversa. Lui alto, sulla sessantina, ben vestito, completo in doppio petto nero, capelli bianchi lunghi, occhiali neri. Lei, più giovane, forse quarant'anni o giù di lì, una strafica paurosa: alta, capelli biondi platinati, bocca ampia, labbra carnose e ricoperte da un rossetto rosso fuoco, seno una probabile terza abbondante. Cosce lunghe, sormontate da un culo a mandolino perfetto, che è una poesia quando si muove al suo incedere su dei trampoli dal tacco proibitivo. Indossa un tubino nero elasticizzato che, praticamente, non copre nulla. Lui cammina lentamente: è orgoglioso di esibirla, la mostra con misurata lentezza, come una modella ad una sfilata. Ad ogni singolo che si avvicina, lui chiede qualcosa con discrezione; per alcuni la risposta alla domanda è positiva, ma per la maggioranza è no. Fa il giro del salone, seguito da alcune persone, poi si avvicina al bancone del bar e si appoggia fra me e lei, che trova posto su uno sgabello che fa inesorabilmente salire ancor di più il vestito. La posizione assunta dalla donna mette, se mai ce ne fosse bisogno, in mostra la sua fica nuda, del resto non poteva esser diversamente. Lui ordina da bere.

 

«Un whisky».


Lei sembra distratta. Guardo le sue mani, dita lunghe ed unghie laccate di rosso, molto belle. Lui beve il liquore tutto d’un fiato.


«Un altro: doppio».


Poi si gira verso di me.


«Tu sei un super dotato?»


Mi chiede a brucia pelo.
Annuisco affermativamente.


«Che misure?»


Lo guardo.


«23x8, reali».


Lui prende il bicchiere con il liquore in una mano, e con l’altra lei.


«Seguimi».


Entriamo in una saletta privata. Lui, lei, io ed altri cinque maschi che aveva scelto prima. Lui chiude la porta, tutti gli altri restano fuori. Nella sala c’è uno specchio di quelli esistenti nei commissariati di polizia per i confronti. Le persone che vogliono guardare, ci si metteranno dietro per godersi lo spettacolo. Lui si siede su di una poltroncina, noi ci spogliamo. Non c’è molta luce, ma comunque sufficiente per vedere tutto in ogni minimo particolare. Mi rendo subito conto che è lui il regista, ma lei è la protagonista. Lui si porta il bicchiere con il whisky alle labbra, è un segnale. Lei si spoglia con un semplice movimento del corpo. Noi le siamo tutti intorno, ma lei con una precisa indicazione, ci fa posizionare su due file, in maniera che lui abbia sempre una visuale perfetta di quello che lei fa a noi. Ci sistema in base alla dotazione. Prima i due che sembrano esser i meno forniti. Poi altri due, che sono ben messi, ed in fine io e un altro che ha il cazzo, sicuramente più corto del mio, ma mi batte in circonferenza. Lui sorseggia di nuovo dal bicchiere. Lei si accovaccia davanti ai primi due e li succhia e li sega, con incredibile maestria. È esperta. Si vede benissimo che sa quel che vuole, ma sempre in modo che lui possa ben vedere quello che lei fa e nemmeno lei lo perde di vista. Ad un cenno impercettibile di lui, lei si distende sul letto e noi le siamo addosso. La tocchiamo, lecchiamo, titilliamo tutta, ma sempre lasciando la visuale libera a favore del suo uomo. Lei, nel frattempo, continua a succhiare i primi due prescelti, poi prende il preservativo, che il tizio tiene in mano, lo apre, glielo appoggia alla punta del cazzo e lo srotola con le sole labbra. Un giochetto che ho visto fare a poche donne, perché richiede una certa perizia. Ad un certo punto, lui porta di nuovo il bicchiere alle labbra, ma quasi non beve. Lei si muove subito, fa distendere il tipo e gli sale sopra; s’impala direttamente sul cazzo teso, mentre continua la preparazione del secondo allo stesso modo. Lui la scopa con impeto, ma lei che non emette alcun suono, però dirige la scopata. La vedo muoversi in un modo veloce, infilando ben dentro il cazzo. Lo munge con i muscoli interni, ed il risultato è che lui sborra quasi subito. Lo fa uscire e il secondo prende rapidamente il suo posto, dentro di lei. La osservo segandomi lentamente, mi gusto il gioco. Mi domando quale sarà il mio ruolo. Intanto che quello la scopa, lei non perde tempo, sta già preparando il numero tre. Gli mette il preservativo allo stesso modo, anche se con una piccola difficoltà, dovuta alle maggiori dimensioni del membro. Ben presto anche quello che la sta scopando sborra velocemente. Lei si gira, lo spettatore si aggiusta gli occhiali neri: è incredibile come s’intendano a gesti. Lei risponde a questo nuovo segnale. Si distende con la testa quasi fuori dal letto, rivolta verso di lui, solleva le gambe; il prescelto l’infila davanti, per tutta la sua lunghezza. Lei comincia a dar segni di godimento, ma in silenzio: è solo il suo viso a tradire il piacere che sta provando. Mi rendo conto che dovrò dare il meglio di me, se vorrò divertirmi con una femmina così. Il tizio la sbatte con forza, lei solleva le gambe e le annoda dietro la sua schiena, questo gli permette di assecondare ed imprimere il ritmo a lei gradito. Ancore una volta, è lei a dirigere la scopata, ma almeno gode. Lui le spinge con forza il cazzo dentro, nel tentativo di farla urlare. Lei chiude gli occhi nel momento in cui, penso, stia godendo: è il solo momento, in cui non ha scambiato lo sguardo con il suo lui. Il tizio la pompa, ma, ad un certo punto, lei, pur assecondando il movimento dell'estemporaneo amante, con una spinta in alto del bacino, fa sì che quello eiaculi. Il tizio si sfila imprecando, strappa il profilattico e schizza le ultime gocce sul suo ventre. Lei ignora il tutto e si posiziona di nuovo, allo stesso modo, per accogliere l'altro dentro di sé. Il quarto resiste di più. La pompa cercando di spingere dentro il cazzo con meno impeto, con più calma, lei lo asseconda, guarda verso il suo uomo, che ora ha accavallato le gambe. Credevo fosse un nuovo segnale, o forse mi sbaglio; invece si rivela che lo è. Me ne rendo conto quando lei lascia che l’altro la scopi lentamente. Era evidente che era quello che voleva lui: sono affascinato da questa coppia. Lei si lascia scopare intensamente e continua a fissare il suo uomo, che rimane impassibile. Sembra, che la cosa non lo tocchi minimamente, ma, dentro di lei, la libidine sta lentamente emergendo. Il singolo se ne rende conto e, a mio avviso, commette l’errore di intensificare, sia il ritmo, sia l’affondo. Lei reagisce, lo asseconda, lo segue, lo pompa dal basso, con il risultato, che lui viene. Sono sempre più affascinato, questa femmina sa il fatto suo come la migliore delle cortigiane di un tempo. A questo punto, restiamo fuori io e l’altro, che abbiamo pazientemente atteso il nostro turno. Finora non siamo stati degnati di nessun'attenzione. Lui porta il bicchiere alla bocca, beve una buona dose di liquore. Lei lo nota e mi chiedo quale sia il significato di quel gesto: lo scoprirò subito. Lei si distende verso l’altro, lo succhia, lo lecca, lo prepara a dovere, ma il giochino del preservativo srotolato con le labbra non gli riesce. Quando lui è ben in tiro, si gira, si posiziona quasi in ginocchio, se lo fa infilare da dietro. Lui la prende per i fianchi, la tiene stretta e bloccata. Appoggia la grossa cappella fra le labbra della sua vulva ben aperta e, con un solo affondo, la penetra. La spinta poderosa, la costringe a puntare le braccia sul letto. È duro il colpo che riceve e, se pur mordendo le labbra, è costretta ad emettere un grido. È il solo gemito, che le esce dalle labbra. La cosa sembra destare l’interesse del suo uomo, che la osserva, mentre il toro la sfonda con una vigoria incredibile. Le imprime dei colpi fortissimi, nel vano tentativo di farla gridare di nuovo. Lei gode. Si gode il cazzo sicuramente grosso, che le sta slabbrando la fica. Il suo uomo ne è consapevole. Osserva la scena, poi porta di nuovo il bicchiere alle labbra. Lei china il capo e, immediatamente, comincia a ruotare i fianchi, assecondando il movimento di colui che la sta montando, finché schizza con un grido. Spinge ancora una volta il cazzo dentro di lei, poi se ne esce, con tutta la sborra contenuta nel preservativo. Lei resta per un momento a capo chino. Il respiro è rallentato, lui l’ha scopata bene ed a lungo. Lei, anche se non l’ha dato a vedere, ha goduto molto. Ora è il mio turno. Lei si gira verso di lui, che porta il bicchiere alle labbra e lo vuota in un sol fiato. La sua reazione mi stupisce. La vedo quasi contrariata, sembra quasi che non voglia eseguire quello che le è stato ordinato. Mi distendo davanti a lei. Ora le sue labbra si prendono cura del mio cazzo. Lo lecca: mi piace, è brava, lo succhia infilandosene circa la metà dentro la bocca. Mi stupisco che ci riesca, considerando che il mio cazzo a quelle sollecitazioni è diventato, sicuramente più grosso e teso. Poi prende un preservativo, lo srotola con le mani, si gira ancora una volta verso di lui, che rimane impassibile. Lei scuote il capo, in segno di diniego, ma lui resta immobile. Allora si alza, si posiziona a terra con le gambe divaricate, le braccia appoggiate al letto. Mi posiziono dietro di lei, sto per infilare il cazzo nella fica, ma lei lo porta più in alto. Devo farle il culo! Certo: ecco cosa voleva significare la contrarietà esternata. Nessuno, fino a quel momento, l’ha presa lì. La prendo per i fianchi, guardo verso di lui, che non muove un muscolo, ma mi osserva attento. Prendo un respiro e affondo con decisione il mio palo dentro di lei, che s’irrigidisce e grida.


«Aaaahhhhhhiiiiiiiii........ Piano!»


Continua a guardare verso di lui, che ha un sorriso soddisfatto. Dunque era questo che voleva, sentirla urlare, ebbene ora l’accontento io. Spingo con forza tutto dentro, fino a che sento le palle sbattere sulle sue chiappe. Uno dei maschi presenti si avvicina, le mette una mano sotto e cerca di titillarle il clito, nel tentativo di farle provare ancor più piacere. Lei lo allontana, con un deciso gesto del braccio. Resto fermo per un momento, per darle il tempo di abituarsi a me. È sicuramente stretta, o forse io sono eccitato e grosso, in ogni caso, prendo a chiavarla con forza. Ad ogni affondo, lei piega le ginocchia, per reggere il colpo. Le mani stringono a pugno e con rabbia la coperta. Lei grida.


«Aahahhhhiiii…No! Sì No! Daiiiii....!»


La sbatto, con un ritmo deciso, ma non veloce. Voglio godermi questa femmina. Voglio riuscire a godere di questo culo stretto, che sto profanando con estremo piacere. Lei, dopo un momento di dolore, incomincia a godere. Asseconda i miei movimenti, la sento contrarre i muscoli anali, sta cercando di farmi sborrare, per metter fine al supplizio. Non mi lascio fregare. Per battere questa strategia, aumento il ritmo delle pompate, devo essere più veloce delle sue contrazioni. Lei intuisce, che non sono uno sprovveduto e si rilassa, allentando tutti i muscoli. Poi incomincia con la mano destra a toccarsi e finalmente gode. Lo fa in silenzio, con stoicismo. Me ne rendo conto e le assesto due sgroppate fortissime.


«Dai.... godi!»


Le ordino. Lei si gira verso di lui, che ha il viso raggiante. Lui le sorride, lei si rilassa, poi esplode in un orgasmo stupendo.


«Sì.... Vengo! Eccomi.... Godo!»


Il suo grido mi coglie alla sprovvista, mi eccita, e decido che le voglio cavare anche l’anima. La pompo con ancora più forza, se possibile; me la godo tantissimo, poi lei ad un certo punto, m’implora.


«Dai... sborra! Dai... ti prego. Non ne posso piùùùùù!»


Sono soddisfatto. Guardo lui che, sorridendo mi fa un cenno d’assenso con la testa; aumento il ritmo e sborro. Le schizzo tutto dentro. Quando lo sfilo, mi rendo conto che, nell’impeto dell’introduzione, il preservativo si è lacerato. Lo estraggo dal culo slargato, dal quale cola della sborra, ma lei non se ne cura. Ci rivestiamo tutti in silenzio. Loro si abbracciano, lo spettacolo è finito, lei ha recitato la parte della diva, lui ne è compiaciuto, è stato il regista del gioco e noi le comparse. Lui ha avuto quello che voleva da lei. Lei ha recitato la parte che lui le ha ordinato. Noi siamo state le comparse del loro divertimento, siamo dei toy-boy, che lei ha scelto per divertirsi o recitare per lui. Per noi, è stata ciò che eravamo venuti a cercare: dei buchi da riempire, da godere. Escono senza esternare un solo gesto, né parole. Me ne vado pure io. Esco, sento uno strano amaro in bocca; l’aria fredda mi colpisce il viso come uno schiaffo. Mentre attraverso il parcheggio, una grossa auto mi passa accanto, dentro vedo una donna dai capelli neri, corti, che tiene in mano una parrucca, biondo platino. Mi guarda, mi sorride, mi saluta, con un cenno del capo, poi spariscono immersi nell’anonimato della notte.

 

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.