Dominazione Racconti Erotici e Storie Porno

miss_gennaio_2020_122.jpg

La schiava tutta d'un pezzo

Dal racconto web La mia storia con Roberta.

italsex, 1 settimana fa | letto 883 volte

943_1000.jpg

Un grosso tubo per ricominciare

Un signore di una certa età apre per noi il baule dei ricordi trasgressivi. E ci trasporta in un mondo pieno di sesso e piacere inimmaginabile.

Giovanna, 1 mese fa | letto 7268 volte

455_1000.jpg

Il clistere

“Sulla spiaggia vediamo solo le onde, mai l’oceano; in realtà esiste solo l’oceano, le onde sono superficiali”. Osho

Giovanna, 1 mese fa | letto 3732 volte

45cc3cdc62ecbb2db2277b9c8c2a4008.jpg

Sottomesso da tutti

La “Dark Lady” è una seduttrice, manipolatrice anche se non necessariamente malvagia, comunque pericolosa. È spregiudicata e sensuale, infedele e dannatrice; tuttavia non è infrequente il caso di ritratti femminili la cui ambiguità è solo il prodotto di un distorto sguardo maschile. Anonimo

Giovanna, 1 mese fa | letto 861 volte

699_1000.jpg

Un clistere pubblico per la milf

La virtù e il perbenismo di una donna in carriera vengono messe a dura prova da uno scherzo molto violento. La manager saprà essere altrettanto brava a lasciarsi dominare?

Giovanna, 1 mese fa | letto 1024 volte

369_1000.jpg

Tutto per una figlia - Parte 3

Dolores si sfoga. 3 Non raggiunsero la scogliera, come aveva creduto Dolores, appena girato l’ angolo, si infilarono in una porticina. Si inerpicarono su una piccola scala di legno e salirono l’unico piano della struttura, raggiungendo una porticina. Dall’interno del ristorante, che comunicava con il retro attraverso la cucina, una ragazza li raggiunse, in silenzio e con aria complice, porgendo a Damiano una chiave. Egli nella penombra aprì la porta ed entrarono in una torretta con una grande vetrata da un lato, che dava sulla scogliera e sul mare, nero nella notte. La stanza era un’alcova, ar...

italsex, 2 mesi fa | letto 781 volte

584_1000.jpg

Tutto per una figlia. Parte 2

Invito a cena, invito al sesso. 2 2 Solo tre giorni dopo, il venerdì mattina, un fioraio consegnò un bellissimo mazzo di piccole rose bianche con un biglietto del marchese su cui era scritto: “Alle belle signore di Catania” … e null’altro. A Dolores cominciò a battere il cuore, sperava tanto in quell’aiuto e poi, di nascosto dei figli, carezzò quelle rose, permettendosi un attimo tutto per se e per i suoi ricordi più nascosti. Poco dopo, quando i ragazzi erano a scuola, si concesse un momento del tutto privato. Chiuse accuratamente la porta per evitare di essere disturbata dalla vecchia suocer...

italsex, 2 mesi fa | letto 1217 volte

18484495699_06c7eb1d02.jpg

Disciplina di una milf ribelle

La metamorfosi di Selene. I Maggio – … e quindi?- Nella penombra dello studiolo lo schermo del portatile di Selene all’improvviso si illuminò, attirando, ovviamente, l’ attenzione di Carlo. Voleva dire che il PC non era spento ma si era solo posizionato sulla funzione: risparmio energetico ‘ però, non era spento. Chi diavolo poteva essere? Erano passate le due della notte! Benché assonnato, Carlo realizzò con rapidità la situazione. Era solo, nel letto, a dormire: quando il telefono aveva squillato, infatti, Selene non era con lui. Al momento aveva pensato, ancora intontito tra veglia e sonno,...

italsex, 2 mesi fa | letto 1216 volte

ok0232_10212022088660771_316333994_o.jpg

Il vizietto dello Chef

Il nuovo Chef non si accontenta della biancheria pulita e dell'ordine in cucina: la giovane sguattera deve imparare a soddisfare ben altre voglie del vecchio depravato.

italsex, 2 mesi fa | letto 865 volte

trans-genova-cerca-donne-aquila-cuckold-fratticciola-prima.png

Lo zio scopa mia mamma sotto i miei occhi

Morto mio padre mia madre è condannata a subire le violenze di mio zio porco.

italsex, 2 mesi fa | letto 5632 volte

shkola-studiya-varda-ladies-club--g--moskva--kutuzovskii-prospekt--36--stroenie-11-663x800-59172.jpg

Un Master crudele per la Callas

1 - Signora, le medicine, ancora... ma insomma? Sapevo che Carmen se la prendeva davvero e la cosa, come sempre, mi faceva sorridere. - Carmen cara, non mi sgridare... non mi servono più! - il sorriso lento si spense. Non solo per la tristezza, che ormai faceva parte della mia vita di tutti i giorni, come un ombra che non schiarisce, ma per il dolore fisico che adesso mi costava ogni piccolo gesto. La povera donna non capiva che quegli intrugli non curavano niente. Non c'era cura per la mia malattia: in realtà prendevo solo dei potenti antidolorifici. Ero talmente assuefatta ai farmaci che a m...

italsex, 2 mesi fa | letto 635 volte

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.