Il rozzo camionista bulgaro

  • Scritto da Scribakkino il 27/11/2020 - 11:14
  • 440 Letture

A me e Sara piace giocare e lei ama mostrarsi e provocare.
Uno dei nostri preferiti si svolge in autostrada.
La mia auto ha il tetto panoramico che permette di vedere il cielo e di conseguenza si essere visti dal cielo, quindi dai camionisti che dall'alto del loro mezzo possono apprezzare ciò che Sara decide generosamente di mostrare loro.
Prima che la vita di tutti noi venisse stravolta dal devastante arrivo del covid non era raro che percorressimo tratti di autostrada con l'intenzione di stuzzicare qualche autista ed abbiamo vissuto eccitanti esperienze.
L'ultima volta che abbiamo fatto questo gioco è stato attorno alla metà di settembre dello scorso anno.
Faceva ancora caldo.
Sara indossava un leggero abito che non arrivava a metà coscia con un ampia scollatura ed un reggiseno di quelli trasparenti senza ferretti e di un tessuto molto fine. Naturalmente da brava zoccola qual'è non si mise le mutandine. Sapete , lei è spesso distratta e se ne "dimentica".
Andavano verso il crepuscolo ma c'era ancora luce a sufficienza.
Sara inclinò leggermente lo schienale del sedile all'indietro , si sbottonò aprendo ulteriormente la scollatura in modo che si vedesse una generosa parte delle mammelle fino a un assaggio visivo di uno spicchio di capezzolo sotto il bianco velo del reggiseno.
Si tirò su la gonna fino all'inguine , allargò le gambe mettendo in mostra la sua bellissima passera accuratamente depilata.
"Fai finta di dormire tesoro , ora tocca a me"
Puntai il primo camion ed iniziai il sorpasso salvo indugiare nel concluderlo all'altezza della cabina del pesante mezzo.
Il camionista dimostrò subito di apprezzare la vista di Sara messa in quel modo dando alcuni decisi colpi di clacson.
Mentre mi allontanavo potevo chiaramente notare dallo specchietto il lampeggiare dei fari e dissi a Sara "quello scommetto che ha Il cazzo che gli scoppia dentro i pantaloni , come sempre hai fatto centro”.
Continuammo il nostro gioco facendo arrapare diversi autisti fino a che raggiungemmo un autoarticolato con targa bulgara. Ripetei la manovra di sorpasso e come con tutti gli altri rallentai all'altezza della cabina. Alla guida c'era un omone grande e grosso con dei folti baffi neri. Indossava una canottiera che permetteva di capire che l'uomo era parecchio villoso.
"Sara amore penso di aver trovato il tipo adatto , tu non ti muovere , ora mi metto davanti e lo guido fino alla prossima area di servizio.
Il solito lampeggiare dei fari del mezzo pesante confermava che il tipo non era certo rimasto indifferente a ciò che aveva visto.
All'altezza del primo autogrill imboccai la corsia di ingresso.
Non avevo dubbi che il camionista dietro di noi avrebbe fatto lo stesso.
Mi diressi nel parcheggio posteriore , quello dedicato a camion e caravan. Parcheggiai in un punto che dava lidea di garantire un certo riparo e lì mi fermai. L'autista bulgaro parcheggiò giusto dietro di noi. Ormai era giunto il tramonto ed il sole , una frande sfera di un rosso intenso stava adagiato sulla linea dell'orizzonte.
Scesi dall'auto raccomandando a Sara di continuare a fingere di dormire. Nel frattempo anche l'omone era sceso dal suo mezzo. Mi incamminai verso di luì e lo salutai rivolgendomi a lui in Inglese.
"Non ce n'è bisogno , parlo la tua lingua , ormai sono anni che faccio la spola tra Bulgaria e Italia e ho avuto modo di imparare a parlare l'italiano discretamente"
"Lo vedo e direi che lo parli molto bene.
Senti , vorrei chiederti un favore. Devo andare in bagno , non daresti un'occhiata alla mia compagna che sta dormendo mentre mi allontano ?"
"Molto volentieri , ci penso io a lei"
Ciò che successe durante la mia assenza fu Sara a raccontarmelo.
Il tizio si avvicinò all'auto e aprì con cautela la portiera dove era Sara.
Si fermò alcuni istanti ad osservarla.
Lei sbirciò facendo attenzione a non farsi notare.
Un uomo massiccio , dal folto pelo che dava l'idea di essere molto virile , un vero maschio a tutti gli effetti.
Sara era particolarmente attratta dai tipi rudi ai quali piaceva trattare le donne come se fossero cosa loro.
Difatti non perse tempo , si chinò e le mise una mano sulla figa iniziando ad accarezzarla.
Lei cominciò a bagnarsi e quando lo fu a sufficienza sentì due dita che la penetravano.
Mentre lui muoveva le dita nella sua passera a Sara scapparono I primi gemiti.
L'uomo le prese la gamba destra e la portò a sporgere dall'auto così poté accucciarsi e leccarle la figa ormai fradicia. Passava dalle lappate che la percorrevano per tutta la sua lunghezza affondando tra le labbra aperte al piacere a leggeri e rapidi tocchi con la punta della lingua.
Quel modo di fare le dava un enorme piacere.
Non era più il momento di fingere si dormire.
Gli mise una mano sulla testa e premette nel momento in cui sentì giungere l'orgasmo che l'uomo gustò con sommo piacere.
Lui sollevò lo sguardo.
"Devi essere una gran troia e il tuo compagno un felice cornuto. Sapeva benissimo quel che faceva quando mi ha chiesto di dare un'occhiata a te che dormivi. Sono convinto che era tutto preparato e tu fingevi di dormire"
Senza attendere una sua relazione le infilò la lingua in bocca e mentre limonava con passione le stringeva le tette con entrambe le mani per poi estrarle dal reggiseno e succhiarle.
"Accidenti che mammelle che hai , potresti sfamare un vitello con tutto il latte che potrebbero contenere.
Ora però è giunto il momento di soddisfare me.
Ti preswnto il mio cazzone"
Le prende una mano e la fa scendere dall'auto.
Ormai il sole è scomparso dall'orizzonte e sta per venire buio.
L'accompagna alla fiancata riparata del suo camion.
La fa chinare a 90 gradi , le mani appoggiate al serbatoio.
Si slaccia i pantaloni e dalle mutande estrae un cazzo che supera abbondantemente la media.
Le si mette di fianco per mostrarglielo.
"Che ne dici , è abbastanza grosso e duro per soddisfare una zoccola come te ?"
"Scopami e te lo saprò dire"
Le si mette dietro , le solleva il corto vestito e dopo averle dato un paio di sonore sculacciate la penetra senza esitare.
"Prendi troia mangiacazzi e goditi il mio bastone"
Nel frattempo ero tornato e mi ero messo leggermente in disparte ad osservare.
Quando se ne accorse "eccoti qua , come vedi mi sto prendendo cura di tua moglie e lei apprezza molto le mie attenzioni e soprattutto da brava puttana qual'è Il mio cazzo che ho intenzione di spingeglelo fino in fondo alla figa da farle sembrare che gli arrivi in gola"
Si mette a pompare con vigore e Sara gode ansimando e gemendo.
L'uomo è potente e la sbatte.
Le mammelle di Sara ondeggiano di qua e di là senza controllo.
"Godi troia , cagna , puttana"
"Si porco sbattimi con quel cazzone , sfondami la figa.
Sei un gran bastardo ed io adoro farmi trattare da troia da quelli come te"
Passano pochi secondi e la vedo squirtare abbondantemente tanto da lasciare una pozzanghera sull'asfalto come se avesse pisciato.
"Hai una gran bagascia di donna , gode davanti al suo uomo e squirta. Non ha nessuna vergogna la tua vacca"
Vanno avanti così per parecchio con lui che accompagna la monta con frasi oscene e lei che gli risponde per le rime mentre gode intensamente e viene un paio di volte.
"Ti sborro in figa cagna ?"
"No , voglio che mi vieni in bocca"
Lui si stacca da lei che si gira e si accuccia con le gambe aperte di fronte a quel grosso cazzo duro e ritto come un palo grondante umori in abbondanza.
Lo prende con la mano stretta a pugno e lo sega.
Mentre glielo mena lo prende anche in bocca e succhia.
Una mano scende a toccarsi la figa ed inizia a sgrillettarsi.
Il tizio geme "che bocca , fa concorrenza alla tua figa"
Lei continua a segarlo e a spompinarlo con decisione.
Le vedo togliere la mano dalla figa.
Capisco il perché quando inizia a pisciare.
"Che porca che sei , pisci mentre meni e succhi il mio cazzo , mi fai impazzire , non resisto sborro"
Lei allora aumenta il ritmo pronta ad accogliere il gustoso nettare che presto le esplode in bocca. Una buona parte le esce dalla dagli angoli delle labbra colando sui seni mentre il resto lo manda giù tutto.
Esaurita l'abbondante sborrata gli pulisce diligentemente il cazzo con la lingua.
Lui si dimostra un autentico porco perché come ultima cosa le lecca la figa appena pisciata.
"mmmm che scopata fantastica , saresti una da tenere in cabina durante i miei lunghi viaggi per poteri usare ogni volta che mi viene voglia"
Ma è ora di andare , ha dei tempi da rispettare per cui ringrazia e risalito sul suo mezzo riprende il suo viaggio.
Io mi avvicino a lei "amore sei stata stupenda"
La bacio , poi scendo a leccarle via la sborra dalle tette e la bacio di nuovo.
Torniamo a casa e dopo esserci spogliati ci infiliamo a letto. Lei mi racconta quel che è successo durante la mia assenza e le sensazioni che le ha fatto provare quel rozzo porco mentre io la lecco dappertutto gustandomi gli odori ed i sapori di maschio che avvolgono il suo corpo misti ai suoi.
Mentre lei continua a parlarmi di quanto l'ha fatta godere quel maiale straniero mi metto a scoparla e dopo pochi minuti le sborro in figa. Mi ero trattenuto in precedenza per potergliene donare in abbondanza.
Stanchi ma appagati ci addormentiamo abbracciati.

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.