La mia terza moglie

  • Scritto da Lizbeth il 28/07/2020 - 16:41
  • 630 Letture

Alla fine sono arrivati i temibili 40 anni. Sposato con Angelica, a dire il vero sono al mio secondo matrimonio, sovrappeso, stressato e giustamente cosa penso di fare, mi iscrivo in palestra.

E' proprio lì che vedo per la prima volta Marina. Una altissima bionda, con un fisico mozzafiato. E' una delle proprietarie della palestra, ed è lei che firma la mia iscrizione. Mi sento immediatamente attratto, ma una voce risuona nella mia testa. “Sei sposato, testa di cazzo”.

Purtroppo ha un secondo lavoro e la vedo raramente, ma ogni volta che è in giro, la sua presenza si sente , è come se illuminasse tutto quello che tocca. Tranne me.

Forse gli sto antipatico, sta di fatto che ogni volta che mi guarda sembra che mi odi. Lei sorride sempre, tranne in mia presenza. A volte penso che cambi strada appena mi vede. Io penso sempre a due cose, quanto è bella e, cazzo, sei sposato idiota.

Forse dovrei parlargli, ma a che scopo, lei sa che sono sposato, pure mia moglie si è iscritta in palestra. Forse gli potrei chiedere consiglio per gli esercizi, ma ci sono i preparatori atletici per quello.

Sono così perso nei miei ridicoli pensieri che non mi accorgo che sono rimasto da solo. Addirittura alcune luci sono state spente. Ho capito, è ora di tornare a casa. Faccio per avvicinarmi allo spogliatoio quando vedo Marina in uno dei suo capi ultra sexy. Un top bianco mono-spalla e un pinocchietto bianco e nero, che gli risalta le forme del sedere. Noto pure che è scalza e indossa dei quanti d'allenamento.

“Ciao” - La sua voce mi sveglia dall'incantesimo.

“A si scusa, ciao” - Posso essere più imbarazzante di così?

Apro la porta dello spogliatoio per andare a farmi la doccia e sento ancora la sua voce - “Stavo pensando di allenarmi, potresti aiutarmi” - Un sorriso da parte suo, miracolo - “di solito prendo a pugni il sacco, ma io adoro menare gli uomini”.

Dentro di me penso che è un ottima occasione per conoscerla, quindi le dico di si.

Lei mi porge un caschetto, è obbligatorio, e un paio di quanti da kickboxing. Accende le luce al neon del ring e ci saliamo sopra. Pure con il casco è bellissima. Sempre quella voce - “Sei sposato!!!”

Inizialmente sono timido, ho paura di fargli del male, e mentre ho quel pensiero, mi arriva un gancio sulla mascella, per fortuna avevo il casco. Mi metto in difesa, e cerco di parare ogni colpo che mi scaglia. Ogni tanto mi sembra che mirasse alle mie parti basse.

“Femminuccia” - E' proprio stronza.

Dopo quella parola cerco di colpirla, lei mi schiva e mi molla un destro alle costole, finisco in ginocchio, mi rialzo a fatica. Stavolta cerco di fare sul serio, ma nulla lei è più brava di me.

Schivo un calcio che mi arriva dalla sinistra. Schivo un pugno dentro, ma alla fine mi arriva un calcio sul ginocchio e cado ancora per terra. Adesso basta.

Appena mi rialzo la prendo a pugni, lei si protegge con le braccia. Stranamente la vedo sorridere - “Era ora, mi sembravi un bradipo”.

Faccio una finta e provo a colpirla al petto, ma vedo il suo seno e mi fermo. Errore. Lei se ne approfitta, mi fa uno sgambetto, crollo al tappeto all'indietro, e lei mi monta sopra. Mi minaccia con un pugno, mi copro la faccia. Per un attimo non succede nulla. Mi allarga le braccia, non oppongo resistenza, poi mi bacia. “E' successo davvero”

Ancora quella voce - “Sono sposato”. Cerco di rialzarmi. Ma lei mi tiene imprigionato con le sue gambe. Il mio pene inizia a gonfiarsi nei pantaloncini. Se ne accorge. Si scosta, mi abbassa gli short e il mio cazzo svetta nel vuoto.

“Ti prego fermati”

“Zitto che è da quando che mi conosci che mi vuoi scopare”

Passa la punta della lingua sulla mia cappella, poi se lo prende in bocca. La sua mano guantata mi accarezza la mazza. Si china leggermente all'indietro e fa scorrere la sua lingua dal mio buco del culo al prepuzio. Gemo silenziosamente. Mentre mi accarezza la cappella, mi passa la lingua tra le palle.

Questa volta penso - “Sono...”- Non ricordo come continua.

Mi mette due dita nel culo. Lurida porca. Si infila il cazzo fino alla gola e sento la sua lingua accarezzarmi l'asta. Si gira. Il suo culo mi sfiora la faccia e si rimette in bocca il cazzo. Mando a puttane tutto. Gli abbasso i leggings e, per la prima volta, vedo la sua figa bionda. Inizio a leccarla, Facciamo a gare di lingue. Sento chiaramente il suo respiro cambiare ritmo.

La mia lingua scorre dentro di lei. Alza leggermente la schiena e sento che prende in mano il mio cazzo, me lo sega, sento i suoi guanti di gomma che scorrono sul mio pene. Poi usa le mani per spostarsi, vedo il suo culo scivolare verso il mio cazzo. Ha ancora in mano il cazzo e, metaforicamente, me. Lo fa entrare nella sua fregna matura e lo sento umidificarsi. La sto scopando, si la sto scopando, o forse è lei che è scopa me.

Sento che dice qualcosa, ma non intuisco le sue parole. Il mio cazzo esce dal suo paradiso, non ci penso un attimo, e lo rimetto dentro. La voglio, l'ho sempre voluta.

Si alza, si spoglia, vedo la sua bellezza illuminata. Si appoggia alle corde del ring. Passa le mani sul suo corpo - “Vieni qui cagnolino” - ed è così che mi sento.

Mi metto a quattro zampe, mi avvicino a lei. Si allarga le figa con le dita. Lecco e mordo le sue labbra carnose. Succhio il suo clito. Il mio cazzo duro tocca il tappeto. Gli l'allargo ancora di più con le mani e la mia lingua la invade. Mi tira i capelli e mi spinge ancora di più verso di lei.

In quel momento pensai “sono il suo giocattolo”. La frase prima era diversa.

Mi alzai, per la prima volta gli misi la lingua in gola. Il mio cazzo dondola tra le sue gambe e poi la infilo. Le corde dietro di lei si piegano. La penetro sempre più forte. Lei lo sente, sobbalza. Le lecco le tette. Le mordo, li capisco che la troia se l'è rifatte, ecco perché, a 40 anni, sono cosi belle e sode.

Mi allontana con un ginocchio. Si gira, mette il collo sulla corda più alta. Si allarga il culo con le mani, ma è così troia. Mi avvicino e la inculo. E' cosi aperta che sembra una seconda vagina, scorro così velocemente che sento le palle sbattere sulla su figa. Lei si masturba. Con il collo sulla corda sembra che soffochi oppure sta semplicemente godendo.

Ho paura di venire prematuramente, ma sto impazzendo. I miei coglioni si ritraggono. È il segnale, estraggo il pene velocemente. Inizio a schizzare. Appena sente la prima goccia si gira, si inginocchia, il mio seme giunge nell'ordine, sulla sua faccia, sul suo collo e sul suo seno. Mi lecca la punta e mi accarezza i coglioni.

Fa uno strano gesto. Allarga di poco le ginocchia, si china all'indietro. La sua testa raggiunge il tappeto. Si palpa il seno, si tocca la figa. Vuole la sua parte. Ho ancora il cazzo semiduro. La prendo dai fianchi. Le alzo il sedere di qualche centimetro, le avvicino la cappella e la rimetto dentro di lei. Il mio cazzo riprende vigore e la fotto.

“Fottimi, fammi godere”

Obbedisco e la scopo sempre più forte. Vedo il mio seme, scaricato in precedenza, tracciare linee sul suo corpo. Per aver un miglior appoggio, le metto le ginocchia sotto il sedere. Sento il mio cazzo tirare. Le passo le mani sul corpo. La sento tremare. Crolla sul ring. K.O tecnico. Pure io faccio fatica ad alzarmi. Rimaniamo sdraiati uno affianco all'altra. Il mio cazzo è ancora duro, ma non serve più. Cerco di baciarla, ma torna ad essere la stronza di prima, mi allontana. Si rimette in piedi. Mi dà un calcio violento alla cappella - “Coglione è ora di fare la doccia”.

Cerco di riprendermi, mi reco allo spogliatoio, non so più dove sono i miei calzoncini, me ne frego. Sotto l'acqua non posso fare altro che segarmi. Appena esco noto che questa volta la palestra è totalmente al buio, vedo solo lei che mi aspetta sulla porta con le chiavi in mano e usciamo.

Cosa succederà dopo, non lo posso sapere, ma ho come il sospetto che divorzierò per la seconda volta e mi sposerò per la terza volta. Sempre che lei mi voglia, ma ho quasi la sensazione che sia così.

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.