Su mia madre - Capitolo 1

  • Scritto da giorgioca il 02/09/2021 - 13:17
  • 2.1K Letture

Capitolo 1

DISCLAIMER: La seguente storia è frutto della fantasia dell'autore. Tutti i personaggi sono maggiorenni.

Elvira era una che oggi potremmo chiamare una classica “milf”, mi iniziai ad accorgere di lei non appena mi approcciai con l’autoerotismo. La mamma si presentava con dei capelli lisci rosso scuro che solitamente portava al collo, pelle bianca latte e poi c’era il suo pezzo forte: due grandi tette da vera pornostar. Una volta infatti mentre mi trovavo chiuso in bagno per farmi una sega azzardai nel pensare a lei come protagonista, il cazzo mi iniziò praticamente a pulsare dall’eccitazione, stavo provando a fare una cosa che mai avrei pensato di fare. Il risultato fu che mentre la immaginavo con il mio cazzo fra le sue tette scoppiai in una sborrata violenta.

Passarono anni e le mie fantasie crescevano sempre di più fino a quando si verificò un evento che stravolse di molto la routine quotidiana. Mia madre stava divorziando da mio padre in quanto lui si era invaghito di un’amica di entrambi per poi alla fine cornificarla. I mesi successivi alla separazione e al divorzio furono travagliati ma arrivato ai 21 anni la situazione si era abbastanza normalizzata. Vivevamo assieme, lei era rimasta single per quel periodo ed io mi ero anche trovato una fidanzata. Nonostante questo ogni tanto quando entravo nel cesso per svuotarmi le palle la protagonista era sempre lei.

Una sera d’estate avvenne poi un evento che stravolse la situazione ordinaria. Eravamo soli a casa come quasi sempre e per cena aveva messo in frigo due bottiglie di vino in quanto voleva festeggiare una sorta di promozione a lavoro. Per l’occasione si era messa un vestito nero lungo alle ginocchia, semplice quanto provocante. Ai piedi due sandali sempre neri. Il suo davanzale era abbastanza scoperto e mentre la osservavo leggermente china a preparare il cibo ebbi un’erezione. Feci finta di nulla e ci sedemmo a tavola, uno di fronte all’altra. Alla fine della prima bottiglia di vino non potevo non fare a meno di osservare le sue grandi tette compresse dal quel reggiseno. Ero arrivato a un punto che non mi creavo neanche grossi problemi nel caso in cui se ne fosse accorta. Lei però notò i miei sguardi e disse:

E - “Giorgio, figlio mio, non posso fare a meno di notare che stai guardando incessantemente il mio seno”.

G: “Scusa mamma sarà colpa del vino e poi comunque lo dicono tutti che sei una gran bella donna”.

E- “Scusami chi è che dice che sono una bella donna? Adesso sono curiosa,”

G- “I miei amici, gli stessi che conosci tu da una vita me lo dicono spesso”

E- “Ma va smettila, voi dovete pensare alle vostre coetanee, non alle signore come me”

Li rimasi stordito, sembrava quasi considerarmi un ragazzino tra i tanti e non suo figlio, il fatto stesso che le avessi fatto un complimento non l’aveva completamente messa a disagio.

La cena continuò e nella successiva mezz’ora era anche finita la seconda bottiglia di vino. Continuammo a parlare dell’attrazione fisica tra uomo e donna in modo normale. L’alcol però stava facendo il suo corso fino a quando non mi fece un’esplicita richiesta;

E- “amore della mamma ma che ne pensi se mi massaggi leggermente il collo come fai di solito?”

Effettivamente spesso capitava che le facessi massaggi ma questa volta la situazione era diversa.

G- “Si mamma, prendo la crema e arrivo”

Rimase seduta nella sua sedia, le abbassai leggermente le bretelle del reggiseno e iniziai a massaggiarla decisamente. Lei praticamente mugolava dal piacere e questo scatenò in me una nuova erezione. Tra il vino e l’eccitazione non avevo più freni inibitori, anche perché da sopra vedere quelle tette era una visione quasi magica. Abbassai la mia mano sinistra a uno dei due seni scendendo piano piano mentre con l’altra continuavo a massaggiare delicatamente il collo. Lei teneva gli occhi chiusi continuando a fare quei versi come se stesse scopando.

Ero deciso ormai a proseguire, si stava materializzando una delle tante scene che fin dall’adolescenza avevo sognato che si verificasse con quella che si era mia madre, ma anche una gran bella donna.

Infilai quindi una delle due mani prepotentemente dentro il reggiseno e lei sussultò dalla sedia

E- “Giorgio cosa stai facendo?”

G- “Scusa mamma è che non lo so che mi è preso”

Lei si alzò dalla sedia con il reggiseno mezzo tolto, mi afferrò per la mano e mi portò nel divano vicino sedendoci.

E- “Giorgio io sono tua madre, quello che sta accadendo non è normale lo sai?

G- “Si mamma ma tu sei bella, e lo sai…io non posso fare a meno di pensarlo”

E- “Lo vedo dai tuoi jeans cosa pensi di me, forse è anche colpa mia, non avrei dovuto vestirmi così”

G- “Sei una dea anche in vestaglia”

A quella risposta prese e mi abbracciò iniziandomi a baciare la guancia. Io ero immobile mentre i suoi baci iniziavano a diventare più languidi. Io le presi il vestitino e lo alzai senza però fare altro. Lei prese i miei pantaloni e li abbassò. In un paio di minuti ci ritrovavamo seduti nel divano con lei che mi masturbava.

E- “Giorgio hai proprio un bel cazzo, la mamma ti ha fatto un gran bel cazzo”

G- “Mamma sei una dea, mi stai facendo una sega da urlo e ho le tue tette davanti, mi stai facendo sognare… spogliati ho voglia di farlo con te…”

E- “Amore non possiamo, non pensarci neanche”

Nello stesso istante che io provai a spogliarla lei iniziò prepotentemente a menare il mio cazzo

G- “Mamma così mi fai venire…aspetta…aspettaahhh!”

Scoppiai come non mai in vita mia, lo sperma le arrivò fino in faccia. Eravamo entrambi inebetiti di come tutto si era concretizzato in pochi minuti. Lei mi disse: “amore mio oggi è capitato ma non accadrà più” baciandomi in bocca proseguì “adesso vado a lavarmi che mi hai sporcata tutta, anche le tette che tanto desideri.”

Andò in bagno mentre io rimanevo nel divano a pensare a ciò che era successo quella sera. Gli diedi la buonanotte attraverso la porta e andai a letto. Riflettevo sul fatto che si era sbloccato qualcosa tra me e lei quella sera e che sicuramente non potevo fermarmi. Non ancora.

per commenti: giorgiocalistro121@outlook.it

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.