All’ombra di un uomo

  • Scritto da pennabianca il 30/07/2023 - 09:48
  • 1.6K Letture

Il vento mulinella la neve. Guardo fuori dalla finestra, stà nevicando da ore. Ricordo il caldo dell’estate, mi manca, sento il freddo attanagliare le mie ossa, anche se sono dentro casa mia. Il ricordo dell’estate scorre nitido nella mia mente. Già, l’ultima estate, mi sembra ieri e invece sono passati già sei mesi. Quest’anno passato siamo andati in una nota località della Riviera, quelle con tanti ombrelloni tutti allineati e con tanta gente, mia moglie lo desiderava tanto che ho finito per accontentarla. Lei ha la pelle molto delicata, di solito andiamo al mare la mattina presto, verso le otto, poi lei quando sono le dieci al massimo prende e se ne torna nella casa che abbiamo affittato per la vacanza. Di lato al nostro ombrellone vi era una coppia più giovane di noi. Avranno avuto circa trentacinque massimo quaranta anni. Lui un tipo molto egocentrico, sembrava come se il sole dovesse sorgere per illuminare la sua persona. Sempre in piedi, sempre al centro dell’attenzione in ogni circostanza. Molto curato, fisico quasi perfetto adorava la figlia, una ragazzina di circa quindici anni, che a sua volta chiedeva e otteneva tutto dal padre.

“Papi, vorrei questo, papi, andiamo lì, papi, io, papi tu.”

Così via per tutto il giorno una sola persona al centro delle sue attenzioni. La madre, una persona di solito silenziosa, sempre dietro di lui, al servizio di lei, era una discreta donna. Il fisico un poco rotondetto, ma assolutamente non grasso, i fianchi larghi, le gambe non troppo lunghe ma ben messe, il seno poi una quarta abbondante. Al mattino arrivava in spiaggia portando tutto, stendeva il telo sul lettino, poi ubbidiente aspettava i loro ordini, e li eseguiva in assoluto silenzio. Mia moglie si era convinta che fosse muta, ma di una cosa era certa, la signora era il peggior esempio di sottomissione femminile. Tutte le mattine poi il padre e la ragazzina se ne andavano lasciandola solo senza nemmeno chiedere se voleva seguirli. Mia moglie a quello spettacolo si sentiva bollire il sangue per lei, quindi verso le dieci mi dava un bacio e via.  Una mattina, dopo che tutti se ne erano andati, la signora stava cercando di aprire una nuova confezione di crema solare, ma con scarsi risultati, si gira verso di me, mi guarda.

“Scusi se la disturbo, ma non è che, mi aprirebbe questo flacone?”

Io con un semplice gesto le apro la bottiglietta.

 “Se vuole, le spalmo il contenuto sulla schiena.”

Lei, rimane un momento stupita, io credo di aver esagerato.

 “Mi scusi non volevo importunarla, ma….”

 

 Lei sorride, si gira, abbassa un poco le spalline del sopra del costume, io le spalmo delicatamente la crema. Quando si gira, vedo che le brillano gli occhi dalla contentezza. Mi ringrazia, poi vedo che sta cercando un argomento per dialogare con me, io le parlo del tempo, di altre banalità, sembra la persona più felice del mondo. Poco dopo vediamo tornare padre e figlia. Lei quasi inspiegabilmente, si chiude di nuovo nel suo mutismo, lui va con la figlia al bar, io a quel punto preferisco fare un bagno, quasi a volerli lasciare soli.  Quando torno, li saluto con un semplice cenno del capo e me ne torno alla mia casa. Il giorno dopo stesso copione, appena mia moglie mi lascia solo, lui prende un pattino, e se ne va con la figlia a fare il bagno al largo.  La signora mi guarda, poi mi chiede una cortesia.

“Scusi gentilmente, mi guarderebbe alle mie cose che ho dimenticato la crema solare nella gabina dove mi sono cambiata?”

 Annuisco, lei sparisce per pochissimi minuti, poi torna e aggiunge.

” Scusi, se la importuno ancora, ma non riesca ad aprire la cabina, deve essere la chiave o la porta, le chiedo troppo se mi viene ad aiutare.”

Prendo e la seguo verso le gabine. La loro, è in seconda fila, dietro il bar della spiaggia. Lei mi passa la chiave io apro la porta che striscia leggermente in basso, resto perplesso, mi rendo conto subito che si tratta di una scusa. Mi giro, m’invita a entrare, cosa che faccio, lei richiude la porta dietro di me. S’inginocchia ai miei piedi e senza dire nulla mi abbassa il costume. Mi prende il cazzo in mano e incomincia a succhiarlo con estrema maestria. Dopo un momento di stupore il mio cazzo ha la giusta reazione, si gonfia, mi eccito. Mi succhia e infila tutto il mio palo in gola, sembra molto esperta, lo lecca, mi succhia le palle, mi accarezza dolcemente. Io allungo una mano, e riesco a prendere il sopra del costume, lo sfilo, attanaglio il suo seno, duro, pieno, sodo, con i capezzoli già fuori, eccitati. Lei continua, di colpo si rialza, si sfila la mutandina del costume, mi fa sedere su di uno sgabello e mi sale sopra le ginocchia. Vorrei toccarla, ma mi rendo subito conto che non c’è bisogno, lei afferra il mio cazzo e se lo mette direttamente fra le labbra della fica già fradicia e ben lubrificata, con un solo affondo, lo pianta tutto dentro impalandosi su di me. Afferro i seni, li impasto, lei gode subito. Sento il suo piacere colare sotto di me, geme in assoluto silenzio. Si muove avanti e indietro e raggiunge velocemente un orgasmo dopo l’altro con incredibile facilità.  Le accarezzo i seni, la bacio in bocca, il suo respiro si fa sempre più affannoso, percepisco benissimo il momento in cui lei viene. Le lascio sempre qualche secondo per assaporare ogni orgasmo. Mi sento pronto a schizzare in lei, che lo intuisce,

“Non venirmi dentro, ti voglio in bocca.”

 

Mi sussurra con un filo di voce. Dopo l’ennesimo piacere si solleva, s’inginocchia davanti a me che resto seduto. Infila di nuovo il mio cazzo in bocca fradicio dei suoi umori, lo lecca, lo succhia, io scarico in bocca tutta la sborra delle mie palle con un lungo gemito a denti stretti.

 ….. hhhhmmmmmuuuuuuu …. UHUMMMM…..

Poi, silenzio. Lecca, succhia e ingoia tutto, senza lasciarne nemmeno una goccia, mi sorride, si rialza e dice che forse è ora che io esca.  Esco, e con un breve giro torno verso il mio ombrellone, vedo lui tornare e decido di fare il mio bagno quotidiano. Mentre lei si distende di nuovo sul suo lettino al sole. Quando torno, li saluto e me ne vado. Per quattro giorni si è ripetuta la stessa scena, via lui, io dentro di lei. L’ho scopata con tantissimo gusto, poi il sabato, ho notato che quel giorno lei era più passionale del solito. Godeva più lentamente ma con molta più intensità, quasi ad assaporare bene il piacere che le davo. Quando ha capito che ero prossimo al piacere si è sollevata dalla solita posizione e mi ha stupito con la sua richiesta.

 

“Mettilo nel culo, ti voglio dietro, dai inculami bene che  voglio sentirti schizzare dentro.”

C’è mancato poco che non sborravo dal piacere di una simile richiesta. Mi ha dato una crema da spalmare sul buchetto, mi sono messo dietro di lei, ho appoggiato la punta del cazzo, sul fiorellino anale. Quando ho cominciato a spingere ha fatto una smorfia di dolore, io mi sono fermato, era strettissima, forse vergine di culo.

“Dai spingi, dai non ti fermare, dai che lo voglio.”

 Mi incitava. Ha appoggiato le braccia al muro e si è spinta indietro infilando il cazzo fino alla radice. Per un momento sono rimasto fermo, si vedeva che provava dolore, mi ha incitato a spaccarle il culo.

 “Dai, dai, non ti fermare, dai scopami il culo, poi sborraci dentro, dai.”

Ha quel punto l’ho afferrata per i fianchi, ho cominciato a pomparla di brutto. Le davo, colpi forti secchi e tremendi, lei respirava forte, non sono sicuro che provasse piacere. Ho sentito che stavo per schizzare, ho aumentato il ritmo, e appena il primo schizzo le ha bagnato il buchetto, lei se lo è sfilato da dietro. Si è inginocchiata, l’ha preso in bocca, sporco dei suoi orgasmi e umori anali. Ha leccato, pulito a dovere, mi ha guardato, sorriso.

“Domani, partiamo ora vattene.”

Ho fatto il solito giro largo, lui stava tornado a riva io mi sono fatto un bagno. Quando sono tornato al mio ombrellone, lui stava raccogliendo lei sue cose.

 “Ha visto dov’ è andata mia moglie?”

 “Credo verso il bar.”

 Lui ha guardato in quella direzione, poi ha aggiunto:

 “Domani, partiamo. “

 L’ho guardato e salutato.

 “È stato un piacere, avervi come vicini di ombrelloni. “

Lui ha raccolto le ultime cose, e ha risposto al saluto.

“Si, anche per noi è stato un piacere avervi come vicini, e in particolare per mia moglie.”

Mi ha stretto la mano e se n’è andato. Io mi sono rifiutato di pensare che sapesse tutto, ma il dubbio rimane.

 “Accidenti come nevica.”

La voce di mia moglie mi riporta alla realtà lei si appoggia alla mia spalla, mi bacia sul collo. “Certo che questa estate si stava meglio al mare, che dici, ci torniamo in Riviera?”

La guardo, le sorrido.

 “Siamo solo a Febbraio, avremo tempo per decidere.”

 Le do un bacio, lei torna in cucina, io guardo fuori, il vento continua a mulinellare la neve e i miei pensieri.

 

Complimenti ! Sei bravissimo in assoluto il mio autore preferito ! Ti seguo anche su altri siti web e sei il mio idolo ! :)
Concordo in pieno il racconto è davvero molto eccitante !
Ciao puoi seguire anche me sono bravo ti racconterò le mie esperienze cerco avventure solo per donne vere 3348942050
grazie spero di essere sempre di vostro gradimento..
Mi associo alle altre persone che ti hanno commentato, un racconto davvero intenso e molto bello.
un racconto molto intenso e coinvolgente. Bravissimo
caspita!! che splendido questo racconto!
Bel maschio cerca avventure o racconti per telefono o foto 3348942050 solo per donne sono etero
Bel maschio cerca avventure o racconti per telefono o foto 3348942050 solo per donne sono etero

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.