Black noir

  • Scritto da Lizbeth il 06/06/2021 - 17:19
  • 335 Letture

La sigaretta, che ho posato sul posacenere, non smette di emettere un lento fumo bianco. Mi domando come mai ho accettato questo lavoro. Nella mia vita volevo solo catturare dei criminali, ora mi tocca seguire mogli con mariti gelosi. Che vita di merda.

Sono ormai dieci giorni che seguo questa signora, ma fino ad ora nessuna prova concreta. Ho affittato per un mese l'appartamento di fronte a loro, ovviamente pagato dal cliente.

Sicuramente è una bellissima ragazza, direi particolare, è di colore, non che questo c'entri qualcosa, ma è raro vedere persone come lei da queste parti. A volte, mi dispiace ammetterlo, la spio mentre si spoglia, ha un corpo divino, altissima, magrissima, tonica, sinuosa, con un seno piccolo e armonioso. Capelli lunghissimi che gli arrivano al sedere. Chi non vorrebbe fare sesso con una dea simile.

Sono le tre di pomeriggio, fa un caldo bestia. Ogni tanto la guardo attraverso la finestra, è sempre sdraiata sul divano senza dare segno di vita. Mi sto per addormentare. Anzi penso di essermi appisolato un minuto, perchè lei è scomparsa. Al suo posto vedo una bionda che sta ballando. La riconosco è la cognata, si vede che si stanno divertendo. Riappare Chanel, si chiama cosi la mia vittima, è in topless, non mi sorprendo, del resto fuori ci saranno 30 gradi.

Ridono si abbracciano, pure Monica, sua cognata, si toglie il reggiseno e il suo seno prosperoso inizia a ballare. Mi si stà indurendo, maledetto lavoro.

La situazione si trasforma in modo improvviso e insospettato.

Vedo la dea di colore accogliere il seno dell'altra donna nella sue mani, la vedo stringerlo. Allungo la mano verso la macchina fotografica, ma mi fermo immediatamente. Ora gli sta leccando il seno, questa è grossa, tradire il marito con sua sorella, impressionante.

Il suo viso è immerso completamente su quel seno generoso. Vedo che allunga la mano verso il basso, ma la visuale è impedita dal bordo delle finestra, ma da come sta ansimando Monica, probabilmente la sta masturbando.

Mi avvicino alla finestra per vedere meglio, in modo poco professionale dimentico la macchina fotografica sul tavolo, in compenso afferro altro, il mio pene. Le guardo baciarsi, sono sensualissime. Chanel guarda verso di me, sembra che mi abbia visto, impossibile da quella distanza, sarà solo una mia impressione.

Lei fa stendere sua cognata sul divano le apre le gambe, come vorrei essere li in quel momento. La vedo leccargli le gambe, la sua linqua ispeziona in modo diligente ogni parte di quel corpo, fino ad arrivare all'apertura agognata. La sua lingua sparisce dentro a quel tunnel e la cognata emette un urlo che giunge alle mie orecchie, ormai sono eccitatissimo. Non smetto, anche se dovrei, di masturbarmi.

Nella mia testa sento una voce, forse quella del mio cliente, ricordati di raccogliere le prove, la ignoro. La mia mano scorre velocemente sulla mia asta dura, penso solo a godere.

In un lampo la donna che sto spiando si sdraia sopra il corpo della sua amante e inizia a baciarla. I loro corpi incrociati, sono meravigliose. Il nero che si incrocia con il bianco. Sono cosi appassionate l'una dell'altra, che sembrano innamorate. Non riesco a togliere gli occhi da loro, rimango incantato.

Per un attimo chiudo gli occhi, appena li riapro vedo Chanel in piedi, sta camminando verso la finestra, si ferma un attimo, si guarda in torno. Ancora una volta guarda verso la mia direzione, le ammiro il seno. In quel momento raggiungo l'orgasmo e lei chiude le ante. Spettacolo finito.

Vedo quello che ho combinato e mi dò dell'idiota, senza prove nessuno mi crederà. Almeno però so chi è il suo amante, o meglio chi è la sua amante e sono sicuro che si rivedranno un altro giorno, basta che aspetti.

 

Sono tre giorni che aspetto, ma ancora nulla della cognata. Del resto mi sono informato, lavora in televisione ed è spesso fuori per lavoro. Dentro di me non riesco a smettere di pensare all'altro giorno , in effetti sono una bellissima coppia. Forse dovrebbe lasciare il marito.

Bussano alla porta.

Appena apro vedo una bellissima ed elegantissima donna, ha i capelli cotonati. Indossa un tubino nero aderentissimo ricoperto da una giacca di pelle nera. La riconosco subito è la mia vittima, rimango paralizzato.

"Che fai li impalato, fammi entrare, tanto sai chi sono" – mi scosto leggermente e la faccio entrare.

Chiudo la porta, ma non so esattamente cosa fare e cosa dire. E' la prima volta che mi trovo davanti una persona che seguo, e devo dire che è imbarazzante.

Lei si toglie la giacchetta e la butta sul letto. "Bel posto di merda"

Si gira mi guarda – "Senti veniamo al punto" – Si accende una sicurezza - "Perchè non ti fai i cazzi tuoi?"

"Ma come, cosa?" - Oltre all'imbarazzo, sono incantato dalla sua determinazione.

"Non credere che non mi sono informata su di te" – Si avvicina in modo minaccioso, mi punta un dito al petto – "Mio marito ti ha pagato per spiarmi" – mi spinge via – "E ora hai scoperto il mio segreto".

Finalmente riesco a parlare - "Si, però fino ad adesso non gli ho detto nulla"

Sorride – "Bene ora fai il bravo e mi dai le foto delle prove" – Il mio sguardo va alla fotocamera, lei non sa che non ho nulla, mento – "Non sono qui, le ho portate in ufficio"

Si riavvicina a me, mi stringe le palle con la mano destra – "Scommetto che mi stai mentando"

Il mio razzo si indurisce subito.

Mi abbassa la lampo e afferra la mia asta – "Dimmi ti sei divertito l'altro giorno a spiarci" – Mi sputa in faccia – "Non mentire ti ho visto"

Sono cosi duro che il pene mi esce da solo dai pantaloni e lei inizia a masturbarmi, fissandomi negli occhi – "Allora vuoi conoscere la verità?" - mi stringe la cappella tra le dita – "Sono innamorata di Monica da quando l'ho conosciuta, sto con suo fratello solo per i soldi. Questo credo l'hai capito da solo" – annuisco – "Bene, quindi ora senti cosa facciamo. D'ora in avanti tu lavorarai per me, mi aiuterai con il divozio e se lo farai avrai delle agevolazioni"

Non attenge la mia risposta e si inginocchia, da una leccatina alla mia cappella – "Non sei messo male" – inizia a succhiarmelo.

Istintamante gli accarezzo i capelli. Sento la sua lingua esperta correre sulla mia asta. Fanculo il mio cliente. Se contiuna così mi farà venire in pochi secondi, ma è troppo furba per farlo, infatti si rialza in piedi, mi mostra il palmo della mano destra – "ora le prove".

Prendo coraggio – "Prima spogliati"

"Quindi ora pensi di comandare, mi piaci" – si abbassa la lampo del tubino– "cosi va bene?"

Sento di averla in pugno – "Tutto"

Lei si sfila il vestito e rimane in intimo, stavolta sono io che mi avvicino e la bacio, mi inginocchio, le sfilo le mutandine, mi torna in mente come leccava la sua amante e faccio la stessa cosa, la mia lingua scivola dentro di lei. Tutto è in silenzio.

Me l'assaporo. Sento che inizia ad eccitarsi, il mio cazzo duro picchia contro le sue caviglie. Affondo le mie mani sul suo culo sodo.

La sento ansimare, cerca di parlare – "ora mi devi dare la prove"

"Peccato iniziavo a divertirmi" – mi rialzo, devo continuare a mentire. Mi dirigo verso la macchina fotografica, prendo la schedina, gli la mostro – "sdraiati sul letto".

Non obbedisce, mi risputa in faccia, certa di rubarmi la tessera ma non ci riesce, questa volta la spingo io verso il letto e cade all'indietro.

"Apri le gambe" – lo fa. Io spezzo la scheda sd, tanto conteneva foto inutili. Mi avvicino, le accarezzo le gambe, gli bacio le ginocchia. Lei mi afferra per il cazzo e mi attira verso di se. Fa entrare la cappella dentro al suo corpo e inizio a scoparla.

Certo di baciarla, lei me lo impedisce, so il motivo. Non mi perdo d'animo. Le sfilo li reggiseno e gli bacio i capezzoli, li mordo.

Ho fatto sesso con parecchie donne, non voglio vantarmi, ma nessuna mi aveva mai dato questa soddisfazione, faccio scorrere velocemente il mio pene dentro di lei, mi voglio gustare ogni momento. Vedo il suo corpo reagire ai miei colpi. Vedo che non è in estasi, ma l'ha voluto lei e continuo.

Ormai non capisco più nulla – "Vuoi che ti aiuti" – Lei annoisce – "allora girati".

All'inzio sembra protestare, ma poi si gira e ammiro il suo sedere sodo, lo accarezzo, lo desidero.

Passo la mia lingua sul suo buco del culo, la indurisco e la penetro.

"Ho capito perchè stai con lui per soldi" – le infilo due dita nella figa – "Perchè sei una puttana"

Non ci penso due volte e la inculo, la sento urlare, però le piace, lo sento dal suo corpo, lo vedo dal suo viso. Le rubo un bacio e facco scorrere il mio pene fino in fondo.

Sono un bastardo e ora l'ha capito.

Appoggio le mie mani sulla sua schiena muscolosa, non ci metto molto a venire, e il mio sperma gli riempe il cavo anale. Sorrido e mi rialzo.

Lei non dice nulla, si riveste, prende la scheda spezzata, mi afferra le palle con la mano – "Allora ora abbiamo un patto" – Annuisco e se ne va.

Dopo dieci giorni consegno il mio lavoro, Chanel è casta come una suora, si fa per dire. Non finisce qui. Vengo a scoprire di una tresca del marito e l'aiuto a divorziare. La parte triste? Non l'ho mai piu scopata ne rivista, va bene così, in fondo me la sono scopata gratis, anzi suo marito mi ha pagato per farlo e la cosa mi fa ridere.

 

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.