Da ragazza ero terribile

  • Scritto da Scribakkino il 10/11/2020 - 01:15
  • 1.9K Letture

Da ragazza ero terribile. Amavo provocare , mi piaceva osservare la reazione di colui che prendevo di mira. La cosa diventava ancora più eccitante quando lui o in certi casi lei non paghi del solo guardare erano abbastanza intraprendenti da decidere  di andare oltre e prendersi il frutto che così sfacciatamente avevo mostrato ai loro occhi.
Una sera in metropolitana , seduti  dall'altra parte del vagone c'erano un uomo sui 50 anni ed un paio di ragazzini presumibilmente tra i 16 e 17 anni. Io che non portavo l'intimo sotto la minigonna iniziai ad aprire le gambe. L'uomo  aveva già da un po posato lo sguardo su di me e non poté fare a meno di accorgersi subito che non portavo le mutandine. Ci fu uno scambio di sguardi mentre i due ragazzi a loro volta si erano accorti che avevo messo il mio sesso in bella mostra. La loro reazione fu la più prevedibile per dei ragazzi di quell'età , si misero a sogghignare scambiandosi occhiate e qualche commento tra di loro. L'uomo era invece sicuro di se , incontrai di nuovo il suo sguardo che si fece penetrante.
Mi sentii piano piano bagnare di sotto , lui aveva la mano sul pacco a nascondere un erezione e mi faceva sentire come se mi stesse scopando con gli occhi. Avevo una gran voglia di masturbarmi ma non ebbi il coraggio di osare. Sentivo il ventre in tumulto.
Passarono ancora pochi minuti di quella eccitante tortura ed arrivammo ad una fermata che non era la mia e probabilmente nemmeno la sua. Il tizio si alzò deciso , mi prese per mano e mi trascinò fuori con lui. Senza dire una parola , tenendomi stretta mi guidò all'uscita e raggiunta la superficie mi condusse in un androne. Al riparo di un portone e protetti dalla semi oscurità si slacciò i pantaloni , mi prese la mano e la infilò nella patta aperta. Sentii il suo cazzo spingere sotto le mutande. Frugai all'interno di esse e lo estrassi. Per quanto non potessi averne un immagine chiara potei notare che era un bel membro duro come il legno che la fiera erezione aveva fatto scappellare. Mi piantò nell'angolo tra la parete ed il portone , mi prese per le natiche e mi sollevò. Il suo cazzo premeva contro il mio sesso a cercare l'ingresso e una volta trovatolo spinse deciso.
In un colpo solo fu interamente dentro di me. Io mi aggrappai a lui con tutte le mie forze , per un attimo mi mancò il respiro. Lo sentivo ansimare mentre mi sbatteva con spinte vigorose. Mi aveva letteralmente impalato con la sua asta di carne. Mi mordevo le labbra per non urlare da quanto mi faceva godere.
Non ci volle molto che quel pistone  instancabile nello spingersi fino in fondo al mio ventre mi portò ad un intenso , interminabile umido orgasmo.
Lui sentì il calore degli umori che il mio godere aveva liberato e grugnendo mi disse "ti vengo dentro......problemi ?"
Gli risposi di andare fino in fondo che non c'erano pericoli.
Un grugnito piu forte e da quell'istante ad ogni colpo un caldo getto di sperma si liberava da quel suo cazzo dentro di me. La sua sborrata si esaurì dopo  5 o 6 potenti ed abbondanti schizzi.
Mi posò a terra , le gambe mi reggevano a malapena , sentivo la figa dolorante ma ero decisamente appagata da quella scopata. Lui si riaggiustò i pantaloni e dopo avermi detto "mi hai svuotato le palle per bene troietta" se ne andò senza voltarsi.
Ripresi la metro e tornai a casa stavolta tenendo le gambe ben strette per non rischiare che mi colasse fuori parte della sborra che avevo dentro.
Quella notte tornai col pensiero all'avventura da poco vissuta e mi masturbai usando come avevo imparato a fare un cucchiaio e uno spazzolino da denti e mi regalai un ulteriore orgasmo che assaporai immergendo le dita nella fica fradicia per poi portarmele alla bocca.

Caro italsex passi per il primo che perlomeno in questo sito hai specificato che il racconto non era il tuo anche se ne hai cambiato il titolo che in origine era "amore materno". In altri siti lo hai spacciato per tuo come spacci per tuo questo racconto. Io il racconto l'ho costruito ed è frutto della mia creatività. .Facile copiare il lavoro di un altro ma quello che mi domando è che soddisfazione si può provare a pubblicare per proprio un racconto che non lo è ? Personalmente trovo che essere l'autore di ciò che si scrive e trovare riscontro nel numero di letture e in eventuali commenti sia ciò che maggiormente premia il lavoro di chi scrive. Non ti diffido dal ripubblicare cose mie ma ti chiedo cortesemente di avere l'onestà di citare la fonte come hai fatto la prima volta su questo stesso sito. Cito "il sorpasso di GattaSusanna con "figlio mio tornami dentro" titolo originale "amore materno"
Gentile amico scrittore, ti chiediamo scusa ma, semplicemente, questo racconto non aveva più SCRITTORE nel nostro DB. I file senza proprietario spariscono dal Front End e non sono più fruibili. Se ci dici a quale dei tuoi molti account attribuirlo lo faremo al più presto. PS Se leggi il profilo ITALSEX scoprirai che è tutto chiaro e alla luce del sole... Noi desideriamo gli scrittori, non spaventarli rubandogli il mestiere.
Un dolce risveglio che è il primo racconto che ho pubblicato è stato firmato con lo pseudonimo di Maturamante come del resto gli altri che hai ripubblicato con il tuo nik. Trovo strano che tutti i racconti che ho pubblicato anche prima di quelli di cui stiamo parlando siano tuttora presenti mentre proprio quelli citati con l'eccezione di Un dolce risveglio sono stati cancellati
Tecnicamente non so cosa sia successo. Praticamente le prime pagine dei racconti caricati avevano molti racconti, non più visibili a causa di "Utente Cancellato" Lo carichiamo come Scribakkino?
Si , puoi usare questo pseudonimo. Grazie. Perdona il mio sfogo ma per un autore , seppur dilettante come me vedere ciò che ha creato pubblicato sotto altro nome dando l'idea che il racconto sia un'opera originale infastidisce non poco. Senza rancore Scribakkino

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.