Ferragosto

 

La splendida cornice delle colline venete e il campanile che scandiva le ore del giorno, accompagnavano quel bel Ferragosto del 2021 che , anche causa pandemia, aveva deciso di non arrestarsi, quantomeno fra famigliari stretti. Poco fuori il paese , una famiglia si era radunata, forte di diciassette persone, per festeggiare quella domenica tutti assieme. I nonni oramai anziani, gli zii da lontano che erano giunti con i loro figli e i padroni di casa che avevano ospitato tutti.

Anna, stupenda donna poco più che cinquantenne, di fianchi un poco larghi, una 5 di seno scesa causa i suoi tre figli, una bocca carnosa sempre molto truccata, capelli ondulati e scuri, aveva allestito il giardino della villetta a due piani dove abitava con il marito e i suoi due figli; il mezzano, Michele di 23 anni ed il piccolo , Gianluca di 20, visto che il maggiore, Luca di 25 anni era oramai fuori casa, anche se non lontano. Quel giorno però era lì con loro, tutti assieme.

Gli zii facevano sfoggio del loro accento austriaco, visto che il marito di Luisa, la sorella di Anna, era di Salisburgo, dove abitavano. A passare quel Ferragosto italiano, erano andati anche Alex e Simone, i due figli di Luisa, di 24 e 21 anni.

Dei tre figli di Anna va detto che tutti avevano un bel rapporto con la mamma, anche se Michele era maggiormente attento a tutto, con un pizzico di gelosia. Difatti quando la mamma usciva le chiedeva come mai sempre quei rossetti così forti, come mai quegli abiti corti. Anna ci rideva su; anzi le faceva piacere che suo figlio fosse geloso di lei, anche perché è sempre una dimostrazione di affetto ed attenzione, quella nel quale Nicola, il marito, da qualche anno scarseggiava.

Quella domenica verso le 13:00 tutti si misero a tavola e Anna, assieme alla sorella – seppur la prima non volle – servivano a tavola dopo aver tolto dai fornelli il cibo. Si parlava del più e del meno, come anche del lavoro, delle vacanze e della pandemia. Nicola aveva preso il Covid, così come anche Simone, il figlio 21 enne di Luisa. Purtroppo però per il ragazzo ci volle più tempo per riprendersi e ciò causò la rottura con la sua ragazza. Il discorso volse su questo per un po’, nell’attenzione di tutti. Michele però era attento a sua madre e al silenzio del cugino che, seppur non dicendo nulla, i suoi sguardi dicevano molto. Michele si accorse di quante volte Simone guardava la bocca di sua zia Anna che, di rimando, anche per via di ciò che aveva passato in maggio, sorrideva amorevolmente a suo nipote.

Verso le 14:00 l’ultima pietanza, accompagnata da un fresco vino bianco, venne portata dalle due donne mentre gli sguardi di Simone erano sempre più insistenti, non ostacolati da Anna. Michele era attento a tutto, a differenza dei suoi fratelli che, uno parlava di lavoro mentre l’altro non vedeva l’ora di ritornare a giocare a calcio. Michele era un tipo silente e forse questo lo accostava al cugino.

Il pranzo passò come passò l’ora del caffè. Ora al cibo prendeva posto il rilassarsi, il ripassarti del trucco, seppur in casa, delle due sorelle ed il ping pong fra cugini.

Michele era molto bravo al ping pong e con suo fratello Gianluca sfidò i suoi cugini e, in un impeto di rabbia scagliò la palletta in modo così violento all’altezza dei testicoli di Simone che si accasciò in terra. Naturalmente la falsità del momento innanzi a tutti fece sì che Michele non esternò le sue colpe, ma la partita continuò con lo zio a sostituzione di suo figlio. Simone entrò in casa. Michele sembrava compiaciuto fino a che non vide sua mamma entrare in casa poco dopo il nipote. Da 10 a 2 iniziale, in cinque minuti Michele regalò 15 punti agli avversari suoi famigliari. Non vedeva l’ora che la partita finisse per chiedere una sostituzione. Ora la sua mente, la sua rabbia come anche la sua fantasia viaggiavano troppo. Non vedeva, fra diciassette persone, più la mamma ed il cugino; oramai da qualche minuto.

Stracciati completamente, col malcontento di Gianluca, Michele si fece sostituire da suo padre ed entrò in casa dicendo che sarebbe andato a sdraiarsi un po’. Naturalmente il suo intento era un altro: dov’erano sua madre e Simone? In tutta casa non li trovò, né a pian terreno né al secondo piano, né in mansarda. Ma la casa aveva due entrate: una che dava al giardino da dov’era venuto, e l’altra che dava verso il piccolo capanno degli attrezzi di suo padre, nel retro della casa. Così Michele si diresse lì, passando dietro degli alberi che davano su di una piccola finestrella del capanno. Lo stesso era ben tenuto da Nicola; piccolo ma ben sistemato, con due tavolini in legno da lavoro.

Arrivato, Michele si sporse piano poiché dentro potevano esserci la madre con il cugino ma...a far che?

Ecco che Michele, già un po’ complottista di suo, questa volta aveva visto bene. Le sue paure dettate dalle sue attenzioni essendo un perfezionista in tutto, non erano infondate. Il mondo gli cadde addosso in un istante, come in un istante iniziò a sudare di rabbia: Anna, sua mamma, era in seduta su di una sedia di legno e suo nipote Simone innanzi e vicino a lei. Anna succhiava il pene di suo nipote in modo molto passionale, con le mani poggiati sui glutei del ragazzi, che aveva solo i pantaloncini sbottonati, non calati. Anna era rimasta vestita invece. Michele aveva gli occhi aperti, il cuore a mille: sua madre stava facendo un bocchino – e che bocchino ! - a suo cugino. Simone aveva un pene sui 20 cm e bello largo, tanto che Anna faceva quasi fatica a prenderlo tutto in bocca. Alternava delle poderose succhiate all’asta, a delle succhiate ai testicoli di suo nipote, a quanto pare ora non più doloranti. Depilati, Anna non faceva fatica a succhiarli benché grossi anch’essi.

Simone ansimava forte e riempiva sua zia di complimenti mentre lei di rimando, prendendo di tanto in tanto delle pause, ringraziava suo nipote dolcemente, carezzandogli una gamba per poi riprendere il lavoro sino a che Michele non si accorse che suo cugino oramai era all’estremo del godimento. Non mancò poco che Simone avvertì sua zia dell’imminente eiaculazione. Anna non si mosse e continuò quel magistrale e profondo pompino fino a che il nipote non le svuotò una serie continua di schizzi, tanto da rendere incredula nello sguardo sua zia. Michele guardava tutta la scena. La rabbia ora era mista all’eccitazione, così come il suo membro divenne di marmo. Aveva anche notato che poco sperma era uscito dalla bocca rosso fuoco di sua madre, mentre l’altro doveva averlo ingoiato. La conferma avvenne quando Anna fece uscire il pene di suo nipote dalla bocca. Aveva ingoiato.

Anna si complimentò con Simone, che di rimando non faceva altro che complimentarsi con sua zia che lo pregava di non far parola con nessuno.

Michele rimase lì, sino a che i due non erano prossimi ad uscire. Prima di uscire, Simone tastò il culo di sua zia che, ridendo, diede una affettuosa spinta al nipote. Il mezzano figlio di Anna rimase lì, nascosto fra gli alberi che toccavano con i rami la finestrella da dove aveva visto quell’incesto orale. Mai si sarebbe immaginato che sua madre potesse fare un bocchino ad un suo nipote, al figlio di sua sorella. Mai ugualmente si sarebbe immaginato come sua mamma fosse però così brava nel fare i bocchini.

Però Anna non sapeva che suo figlio ora era divenuto uno scrigno che conteneva il suo segreto; ma non solo lui: anche il suo cellulare visto che Michele aveva registrato tutto.

 

Continua…

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.