Festa di compleanno

  • Scritto da Lizbeth il 09/06/2021 - 15:32
  • 875 Letture

Elisabetta: Quindi sono giunta a trentanni, non l'avrei mai immaginato visto la vita che ho trascorso. Sono stata sempre una viziata di merda. Sono diventata lesbica soprattutto per ripicca nei confronti di mia madre. Come mai? Mi voleva sposata a qualche rampollo di stirpe regale, ok qui ho esagerato. Io? Miss faccio quello che voglio, non sia mai. Così scappai a sedici anni con una sua amica che ne aveva circa quaranta, pensate che smacco. Comunque torniamo a noi. Oggi è il mio compleanno, ho organizzato una festa, anche se non ho tanta voglia. La mia ragazza mi ha lasciato un mese fa, fanculo a lei. Comunque è fatta ormai gli invitati sono arrivati e devo prepararmi, oggi voglio essere spettacolare. Cosa mi metto? Vediamo... vediamo. Guarda che bel costume da flamenco. L’indosso, è aderentissimo. Scollato al punto giusto sul davanti. La gonna davanti è leggermente più corta del dietro e non lascia nulla alla fantasia. Completo l'opera con delle scarpe rosse e un collarino nero. E' giunto il momento di scendere, gli stronzi mi aspettano.

Valentina: E' la prima volta che accetto questo genere di lavoro. E' la prima volta che devo sedurre una donna e portarla a letto, e la cosa straordinaria è che sia stata sua madre a contattarmi. Chissà come mai ha scelto me tra tante. La signora in questione mi ha detto che mi ha scelta per il mio fisico allenato, ma sopratutto per la mia quinta di seno, beh quello fa sempre colpo. Comunque 1000 euro fanno sempre comodo, in più mi ha regalato un vestito bellissimo: Un tubino nero elastico, che una volta indossato si è letteralmente incollato alla mia pelle, una profonda scollatura a V e mi arriva subito dopo l'inquine. Per completare tutto la madre mi ha prestato degli stivali, alquanto volgari, di sua figlia. Ora sono davanti al castello, dove è stata allestita la festa, presento il mio invito ed entro.

Elisabetta: Eccomi in cima alle scale, la regina sta per fare la sua comparsa. Ormai tutti gli invitati sono arrivati, ci sono pure delle facce sconosciute, i soliti imbucati. Tra di essi vedo una mora riccia molto formosa, mi chiedo chi l'ha invitata, probabilmente dopo m’informerò. Ora mi tocca fare gli onori di casa e iniziare le danze. Mi avvicino all'orchestra e faccio partire un Valzer. Tutti cercano di invitarmi a ballare ma io li evito. Sono concentrata su quella ragazza, la devo conoscere.

Valentina: La riconosco subito sua madre mi ha fatto vedere una foto. Fa la solita entrata da ragazzina viziata, si fa notare da tutti. Del resto è una bellissima bionda. Mi guarda. Che si sia accorta di me, beh fisicamente faccio sempre colpo. Si avvicina all’orchestra e subito parte una musica antica. La vedo rifiutare l'invito di molti maschi, cosa che faccio pure io e mi siedo. Mi annoio e abbasso la testa - “ti posso invitare a ballare?”

Elisabetta: Quella ragazza è l'unica che m’incuriosce, chissà come ha saputo della festa. Tra l'altro vedo che se ne sta in disparte. Molte persone cercano di essere gentili con lei, ma l’ignora, ora si siede, guarda verso di me, poi abbassa la testa. Penso che sia un segnale, mi avvicino:“Ti posso invitare a ballare?”

Valentina: E' la festeggiata, non pensavo che fosse così facile. Oppure sua madre conosce molto bene i suoi gusti. Gli faccio notare che di solito si balla uomo e donna. Mi sorride e con un leggero accento francese, se non ricordo male suo padre è nato a Parigi, mi risponde che non le importa nulla degli altri.

Elisabetta: Sembra che rifiuti la mia richiesta, questo lo trovo inacettabile. Mi parla di qualcosa riguardante gli uomini e alle donne, ma non ne capisco il significato. Certo che dall'alto la sua scollatura è impressionante. Ferma Lizzy non essere la solita pervertita, ma la voglio, la desidero, del resto è il mio compleanno. La tirò con forza verso di me, forse esagero perchè il suo petto collassa contro il mio, che bella sensazione. Gli metto una mano intorno alla vita e inizio a danzare. Lei si lascia accompagnare.

Valentina: Che forza, che impeto, mai immaginavo che avesse tutta questa energia in quel corpo minuto. Ora mi ritrovo letteramente tra le sue braccia. Ho avvertito un sussulto mentre i nostri due corpi si toccavano. Senza sapere come, mi ritrovo in mezzo alla pista, siamo sotto gli occhi di tutti e inizio a imbarazzarmi.

Elisabetta: Ma tu guarda è diventata rossa, gli metto la mano destra sul sedere, ora vediamo come reagisce. Comunque posso dire che balla bene, molto sensuale. Mi eccità, lo so non è una novità.

Valentina: Audace la signorina, e come stringe il sedere. Annuso l'aria, sento il suo profumo delizioso. Non devo distrarmi, sono qui per lavoro e lo devo terminare entro stasera. Improvvisamente mi vengono in mente i miei genitori e quando mi hanno sbattuta fuori di casa, cerco di cancellare quel ricordo dalla mia mente.

Elisabetta: il mio desiderio aumenta, ho bisogno di stare da sola con lei. Come posso fare. Vedo che la porta della terrazza è aperta. Le metto una mano sul fianco e l'altra nella mano e la spingo verso a quell'uscita e in men che non si dica rimaniamo da sole. La fisso negli occhi e non smetto di  ballare.

Valentina: Come mai improvvisamente l’aria si è raffreddata. Era così intenta a pensare ai miei genitori, che non mi sono accorta che siamo uscite, però non smettiamo di ballare. La guardo, quando mi sorride mi piace parecchio.

Elisabetta: Ecco finalmente siamo sole, sento in lontananza i suoni della festa, ma noi siamo in un’altra dimensione. Mi accorgo solo ora che ha gli occhi blu, è incantevole, sembra fatta apposta per me, mi sorge un dubbio che scanso. Mi avvicino e la bacio.

Valentina: Sento le sue labbra appoggiarsi alle mie, la lascio fare, sono qui per questo. Le dischiudo e faccio entrare la sua lingua che si agita all'interno del mio cavo orale, non pensavo che fosse cosi piacevole. Una mano mi sfiora il seno e lo stringe. D'ora in avanti non si torna indietro.“Tu chi sei?”

Elisabetta: “Tu chi sei?” - Smetto di baciarla, ora devo capire chi è questa ragazza - “Come sei venuta a sapere della festa” - Continuo ad accarezzarle il seno - “Io, di sicuro, non ti ho invitata”.

Valentina: Ci siamo, e ora che rispondo. Salve sono una escort che è stata pagata da tua madre per la festa. Credo che suoni male, forse dovrei dichiaragli una mezza verità. Dai Vale fatti venire in mente qualcosa. Alza la testa al cielo in cerca di ispirazione. Sento la sua lingua scorrere sul mio collo. “Beh” - tremo - “E' stata tua madre” - Mi mordo la lingua - “cioè, voglio dire, le nostre madri si conoscono” - ci siamo, continua - “e poiché stasera non sapevo che fare, Monica” - mi gioco il nome di sua madre - “mi ha fatto ottenere un invito ed eccomi qui” - Chissà se beve la mia mezza palla.

Elisabetta: Questa ragazza è proprio tonica, le lecco il collo. Ascolto tutte le sue parole, non so perchè non ci credo, ma in fondo ci voglio fare sesso, mica fidanzarmi. Sparò una battuta. “Quindi mamma ti ha mandata come regalo di compleanno” - si pietrifica.

Valentina: Era una battuta o ha indovinato... cosa faccio. L'unica cosa che posso fare è baciarla. Gli accarezzo i capelli e la bacio, succhio la sua lingua e palpo il suo seno. Per me è la mia prima volta, ma non so perchè sono eccitatissima.

Elisabetta: Uhn ha cambiato atteggiamento in tre secondi. Mi piace così agressiva. Le faccio uscire le tette dalla scollatura e le lecco, sono davvero enormi. Passo la punta della lingua in ogni dove, non smetterei mai. Lei accarezza le mie, brava signorina ti stai sciogliendo. Le alzo il cortissimo vestito e le tocco la figa, sorpresa non ha le mutandine, ma che...

Valentina: Sento il mio corpo vibrare, di solito con i clienti riesco a stare fredda. Le sue mani esplorano il mio corpo, inizia a penetrarmi la figa e inizio a gemere, che spettacolo.

Elisabetta: Ormai della festa non m’interessa molto, penso solamente a lei. Il suo carattere è totalmente diverso dal suo fisico. E' dolcissima e timidissima. Nell’angolo c'è un'altalena, afferro per mano la mia ospite e la ci porto, mi siedo per prima e mi alzo la gonna, quello che voglio è ovvio e scontato.

Valentina: Ora è seduta davanti a me e si sta toccando la figa leggermente pelosa, è bellissima, e la luce della luna la rende ancora più sexy. Guardo attraverso la vetrata, nessuno si accorge di noi, anzi  sembra che non esistiamo. Vedo che mi guarda, lo so cosa vuole. Mi tolgo il tubino, ormai è inutile, ma mi lascio gli stivali, non si è ancora accorta che sono suoi. Appoggio le mani sulle sue gambe, m’inginocchio. L'ultima volta che ho leccato una donna avevo sedici anni, chissa se sono capace. Intanto inizio ad accarezzarle il pube. Lei si abbassa il decolletè  e noto che ha il seno rifatto.

Elisabetta: Mi faccio uscire le tette, me le accarezzo. Che aspetta a leccarmi questa stronzetta, si fa desiderare. Uhnn. Le afferro i capelli, l'avvicino al mio monte di venere, sento la sua lingua inesperta premere sulla mia figa e la leccata inizia. Sento che è molto inesperta, ma non so perchè questo mi eccita di più, penso anche che in futuro avrà modo di migliorare. Oltre alla lingua sento due dita che cercano di insidiarsi dentro di me faticosalmente.

Valentina: Ci siamo, sto facendo il mio lavoro, quello per cui sono pagata, ma sento che questa volta è diverso, sento che mi piace farlo. Lei mi piace molto, e la cosa non dovrebbe succedere. Mi lecco le dita e gli le infilo nella figa, la sento gemere. Mi afferra i capelli con molta forza, sembra che me li voglia strappare. Spalanca sempre di più le gambe, io agito le dita sempre più velocemente, poi rallento. Sono stata pagata fino a domani mattina, sempre se lei voglia. Scorro la lingua lungo i suoi addominali, fino ad arrivare sul suo seno. Il mio struscia sulla sua passera, sobbalza.

Elisabetta: Oddio che brivido, cosa è successo, guardo verso la mia amante e vedo che sta accarezzando la mia passera con il suo enorme seno, anzi penso di sentire i suoi capezzoli sul mio clito. Certo che ho una forte immaginazione. Cerca di baciarmi, la blocco – “Ti prego scopami con le tette” – lei sorride e inizia a scorrere quel davanzale sulla mia passera e mi sembra d’impazzire. Intanto le sue labbra mi succhiano i capezzoli. Mi sto innamorando, ma che cazzo penso. Sento dei brividi, ma non è l’eccitazioni, la serata sta rinfrescando. La bacio e le dico di alzarsi. Siamo mezze nude, lei completamente, tranne che per degli stivali che mi sembra di riconoscere, non mi sembra il caso di rintrare nella sala principiale. L’accompagno verso una porta finestra e la faccio entrare nella stanza degli ospiti. E’ buio, accendo la lampada che so essere sulla sinistra, e la bacio.

Valentina: Appena accende la luce noto per la prima volta i suoi stupendi occhi azzurro mare, sembranno illuminati dal fuoco. Ci baciamo, ci palpiamo, e le sfilo il vestito, ha un corpo di marmo, mamma mia. Stavolta è lei quella che s’inginocchia, mi fa girare e mi lecca li sedere, anzi me lo morde. E’ così vorace che sembra che si stia gustanto un Crispy McBacon, mi allarga le grandi labbra e mi possiede con la lingua. Non ho mai avuto una cliente così capace, sto godendo per la prima volta. Vuoi dire che la mia attrazzione verso le donne è quacosa di più, molto di più, di un semplice apprezzamento.

Elisabetta: Credo che le sta piacendo la mia lingua, la sua figa sembra una grondaia durante una giornata di pioggia. Metto le mani sugli stivali e li riconosco, ma come è possibile? Ora non è il momento di fermarsi, anzi. Accarezzo lentamente la sua vulva, le mie dita l’accarezza dolcemente, la bacio all’interno della coscia, e mi avvicino lentamente alla passera, le bacio il clito e le soffio dentro la vagina. L’annuso. Con la lingua sfioro a ripetizione le labbra esterne e interne dal basso verso l’alto, sfioro il clitoride. Spingo dentro il muscolo con decisione. Lei fino allora era stata silenziosa, ma dopo quel movimento, esplode in un urlo impetuoso. Riesco e succhio le labbra. Mi fermo un attimo ad ascoltare il suo respiro ansimante. Infilo due dita dentro, le uncino e la masturbo. Lei si mette la mano sulla passera. Capisco quando una donna è eccitata e lei sta impazzendo. Mi rialzo le infilo le dita in bocca – “leccale” – lei lo fa subito – “Dove hai rubato i miei stivali preferiti?”

Valentina: Oddio se n’è accorta ora che le dico, devo mentire ancora. “Beh". com..” – Balbetto raramente, faccio un grande respiro e sputo il rospo – “Una settimana fa era il mio compleanno, me li ha dati tua madre” – Lei non risponde, forse se l’è bevuta. La vedo sdraiarsi sul letto apre le gambe e si tocca la figa.

Elisabetta: Sono sul letto, mi tocco, mi è venuta una idea malsana, ma la voglio mettere in pratica. Batto la mano sul letto, esattamennte davanti alla mia passera – “Metti il piede destro qui”.

Valentina: Ora cosa vuole questa pazza, sono stata pagata, obbedisco.

Elisabetta: “Quella stronza ti ha dato i miei stivali preferiti, dopo me li restituirai”. Lo dico serialmente, ci sono affezzionata – “Ora pero ti faccio vedere come si usano” – Dopo averlo detto l’afferro per la caviglia e faccio premere la punta dentro di me, sembra sconvolta. L’attraggo ancora con più forza e inizia a scoparmi, mi penetra, urlo.

Valentina: Da questa puttana non si finisce mai d’imparare, vuoi giocare allora giochiamo. Spingo la punta sempre più in profondita, si agita, la insulto – “Sei una puttana e sai di esserlo” – Mi guardo in giro e trovo una maglietta, l’annodo e la uso come frusta. La sbatto sulle tette, lei non si lamenta. In certi casi uomini e donne non sono diversi, tutti amano un po’ di dominazione, un po’ di dolore. Se l’è piaciuta la punta, penso che apprezzerà il tacco. Metto la suola sopra la passera e la stropiccio come se dovessi spegnere una sigaretta. Sento un ti amo, penso di aver capito male. Mi afferra la caviglia con entrambe le mani. Avvicino la punta del tacco, sarà larga 3 cm, e la penetro lentamente. La vedo piangere, mi sa che le ho causato dolore fisico, ma mi trattiene dentro. Quindi la scopo. Faccio scivolare quel pezzo misto di cuoio e gomma dentro di lei. Ansima, si tocca le tette, si morde la lingua. E’ piacevole comandare il gioco, ma dura poco. Fa uscire quel coso  inanimato dalla sua figa, spinge la mia gamba verso l’alto. Cado per terra, per poco non sbatto la testa.

Elisabetta: Il momento appena trascorso è stato fantastico, ma le devo far capire chi comanda in modo definitivo. E’ pur sempre il mio compleanno. Mi avvicino, per fortuna non si è fatta nulla, gli metto il mio piede nudo in bocca – “Leccalo” – Non aspetta un secondo, passa la lingua tra le mie dita del piede. Lo facco scivolare verso il basso, gioco sul capezzolo destro con il mio alluce. E’ la volta della pancia e poi della vagina, la penetro come ho fatto lei in precedenza. Ogni volta che spingo le mie dita dentro di lei, il suo seno balla. Mi ricordo di una cosa. Sono sempre generosa con i miei ospiti. Apro il frigorifero situato a destra del letto, trovo una piccola bottiglia di champagne, l’apro e faccio colare quel liquido dorato sul suo corpo, specialmente sul seno. Mi sdraio sopra di lei e assoporo quel liquido francese attraverso la sua pelle. Le succhio i capezzoli e la penetro con tre dita, come se avessi un pene. Sono vicina all’orgasmo, non mi sentivo cosi eccitata da secoli, forse sono davvero innamorata. Ancora questo pensiero ostruso riempe la mia testa.

Valentina: Cazzo, cazzo, cazzo, come mi scopa. Non posso fermare il tempo. Per poco non mi metto a piangere per la gioia. Le sue dita mi riempono tutta, e la sua lingua attraversa il mio corpo in modo sensuale. In quel momento raggiungo l’orgasmo, chissà se l’ha notato. Sia per lavoro, sia per goduria personale, sto zitta e la lascio fare. Mi sussurra all’orecchio – “Ora stupenda ti faccio venire” – L’hai gia fatto piccola…. Prende la mia gamba destra, me l’allarga. Sento chiaramente i suo umori scorrere sulla mia pelle. Ora sento qualcosa di appuntito contro il mio clito, stai a vedere che…

Elisabetta: Dalla sua mimica facciale ho capito che ha raggiunto l’orgasmo, però non mi fermerò finchè non lo raggiungerò io. Ora gli farò assaporare la vera essenza del sesso lesbo. Incastro le mie gambe nelle sue. Appoggio la mia vagina alla sua, siamo in sostanza incollate. La limono duramente. Inizio a spingere. La sbatto sempre piu forte, sempre più forte, è mia è solo mia. I nostri cliti si strusciano. I nostri respiri non sono mai stati cosi ansimanti, sento il mio cuore accellerare. Il suo clito s’indurisce e sembra che mi penetri. Per la prima volta in tutta la serata bestemmio. Intorno a noi stiamo creando un lago.

Valentina: Dio mio, non son mai stata fottuta cosi. Che impeto, che forza, i suoi occhi emettono una luce intesa. La sua lingua scorre sul mio seno, le piace molto. Non capisco se la sostanza appiccicosa che sento sulla mia pelle è sudore oppure i suoi umori. E’ instancabile. Le nostre passere strofinano con tale intensità che potremmo accendere un fuoco. Ansima, emette un suono gutturale. Non mi sono mai sentita cosi bagnata. Dopo pochi secondi lo divento ancora di più. Tutti i suoi umori mi travolgono, come lei travolge me, sdraiandosi sopra. È esausta. Silenzio.

Elisabetta: Silenzio, ora che dico, ora che faccio. Non voglio che sia solo una scopata di una notte. Anche se ho sempre la sensazione che sia stato troppo facile sedurla. Sciocca goditi il momento. “Tesoro vieni sul letto” – appena sdraiate l’abbraccio. Sento il calore del suo corpo sopra di me. La bacio ripetutamente. Voglio vederla domani mattina, voglio svegliarmi con lei – “Stasera tu dormi con me”.

Valentina: Mi fa piacere sentire quelle parole, non ricordo più il motivo per cui sono arrivata lì – “ E la festa?” – Che domanda scema che mi è venuta.

Elisabetta: “Che si fotta la festa, io voglio solo te” – La vedo arrossire – “Ora mi vuoi dire il tuo nome?”

Valentina: E’ vero non gli l’ho ancora detto – “Valentina” – non so se dire il mio cognome, non lo uso da anni – “Valentina Siciliani” – Lei si alza di scatto, ha riconosciuto il mio cognome.

Elisabetta: Che sia maledetta mia madre, ora capisco tutto, la guardo negli occhi – “Sei la figlia del noto imprenditore” – non aspetto risposta – “Che sia dannata mia madre, sono anni che cerca di accasarmi con qualcuno di ricco, ma poiché mi piaccono le donne, aveva perso la speranza” – le accarezzo il seno con un dito – “e poi mi manda te".

Valentina: Ora capisco tutto pure io. Non mi ha pagata per scopare sua figlia, mi ha pagato per fidanzarmi con lei. Dovrei essere incazzata, ma stranamente sono serena – “T’importa qualcosa del mio nome” – la bacio. Si mi sono innamorata, strana la vita, innamorata di una donna. Non so cosa ci riserve il futuro, ma da me non saprà mai del contratto stipulato con Monica.

Elisabetta: Accolgo il suo bacio, in fondo non ha tutti i torti, cambia qualcosa, questa ragazza mi piace da morire, rido, anzi esplodo in una fragorosa risata – “Sai Vale, non hai tutti i torti” – La riabbraccio, la stanchezza arriva di botto, l’abbraccio e la bacio.

Valentina: Accolgo il suo bacio passionale, sento gli occhi che si chiudono.  

Valentina ed Elisabetta: Ci addormentiamo.

 

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.