Figlio vergine+ madre zoccolone= incesto!

  • Scritto da Veronika7 il 21/09/2021 - 23:15
  • 3.5K Letture

Figlio vergine+ madre zoccolone= incesto!

 

1.

 

Quello che sto per narrarvi è qualcosa di sconcertante. Altro che il Trono di spade.

O forse si. Solo che io non ero nessun eroe, non ero nè Jon Snow nè qualsiasi altro eroe della serie. Lì anche il ciccione scopa. Io non lo avevo mai fatto.

Avevo vent’anni ed ero quindi arrivato vergine al primo anno di università, che frequento qui, ad Ancora, non ho avuto neanche la fortuna di essere fuorisede.

Vivevo quindi ancora con i miei genitori. Con mio padre, sempre assente per lavoro, e con la mia sexy mamma fin troppo presente e invadente. Lei è sempre stata in smart working anche prima del Covid. Tutti quanti hanno notato la differenza abissale fra lei e papà, un pò come Briatore e la Gregorace. Quando lei è rimasta in cinta, ossia alla mia età, lui aveva più del doppio dei suoi anni. Eccomi quindi con un vecchio papà prossimo alla pensione, ed una giovane mamma Milf più sexy che mai. Bona, giovanile ed invadente.

Non ho mai potuto invitare i miei amici a casa dato che ogni volta che la vedono iniziano a sbavarle dietro, ma questa è un'altra storia.

Quel giorno anche Cesira mi aveva detto di no. Ero disperato. Dovevo iscrivermi al secondo anno ed ero ancora vergine. Ci avevo provato con praticamente tutte le ragazze di Ancona, ma per fortuna c’erano le fuorisede. Dopo una valanga di rifiuti avevo abbassato sempre più le mie pretese, ero praticamente arrivato al “Basta che respira”. 

Lei era una cozza micidiale. Obesa, con il monociglio, lineamenti maschili, forse aveva anche più barba di me. Ma all’ultimo, un altro sfigato me l’ha portata via.

Alla fine sono il classico secchione imbranato. Sono affetto da una rara malattia genetica per cui soffro di malassorbimento e sono sempre stato lo scricciolo del gruppo, bassetto, ma soprattutto pallido, rachitico, con una leggera gobbetta.

Non ho quindi mai avuto particolare autostima in me stesso. E quella lì era stata la botta finale. Se il mio fisico e le mie relazioni interpersonali erano scadenti, la mia mente viaggiava a livelli altissimi. Sono un pò come tutti i maschietti ossessionato dall’eros, mi guardo i video porno, leggo i racconti erotici online, insomma sono fortissimo sulla teoria, ma bocciato sulla pratica. Adoro abitare in una città di mare perchè ciò che mi fa impazzire di più delle donne sono le loro gambe ed i loro piedi. Si, sono un feticista, spero più intellettualoide stile Tarantino che un pazzo dichiarato con tanto di prove come Peppe Fetish.

Non è che di una donna guardo solo i piedi, sia ben chiaro, adoro anche come tutto il culo e le tette, ma non posso negare che quella è la parte del corpo che mi colpisce per prima.

Ogni volta che nel periodo estivo vado sul lungomare è un erezione continua, fra zeppe, infradito, sandali e tacchi alti…

Insomma avevo questo travolgente uragano di eros dentro di me represso.

D’altro canto c’era lei. Giulietta. La mamma. Quarant’anni portati benissimo. Bona, atletica, sempre sorridente e che d’accordo con tutti. Io ci stavo male soprattutto perchè poi lei ci rimaneva male. Certo, per lei era tutto facile.

-Perchè non vai in spiaggia a divertirti con gli altri ragazzi?- mi diceva sempre.

Certo che se avessi avuto il fisico come te lo farei subito.

Ma non è bello stare in mezzo a dei palestrati, addominali scolpiti, bicipiti, deltoidi, tricipiti e gran dorsali ipertrofici, petto in fuori, senza pancia, tutti abbronzati a giocare a beach volley con le sciaquette di turno in perizoma. Dall’altro lato io, mezzo gobbo, rachitico, con un fototipo di tipo 1 tendente all’abino. La dermatologa mi ha proprio spiegato -Luchetto tu non potrai abbronzarti mai, devi sempre temere il sole…-

-Neanche se ne prende un pò al giorno?- ha chiesto mamma

-No signora, purtroppo lui non ha proprio melanociti. L’unica cosa che puoi fare è provare a non scottarti mettendoti ogni ora uno strato di protezione 50…-.

Insomma, non ero assolutamente un tipo da spiaggia.

Al contrario mamma lo era proprio. Ci andava tutti i giorni, lì sul lettino, a prendere raggi UV come una lucertola. Inutile dire che lei vantava addirittura il “Segno dell’abbronzatura imperfetta” che se non sapete cos’è, vi consiglio di cercare qualche immagine su google, essendo troppo difficile per me da spiegare.

 

 

Mamma è la classica donna tendente al giovanile, la tipica sciaquetta che va in stabilimento con altissime zeppe e perizoma, che appena parte una canzoncina di Baby K si lancia in pista a ballare.

Averla attorno per me è un’autentica tortura. Perchè poi, manco a farlo apposta, io sono un inguaribile feticista e lei ha davvero dei piedi bellissimi ed odia le scarpe chiuse.

Non ce la faccio proprio quindi a stare assieme a lei sia dentro casa che fuori, dato che il solo intravederla mi provoca un irrefrenabile erezione.

E’ la classica musa di noi podofili, dato che lei ama indossare cavigliere, anellini e provare ogni tipo di smalto per le sue curatissime unghie. E poi di sandali e scarpe aperte ne ha davvero una valanga!

Capite quindi quali sono le ragioni che mi rendono un segaiolo frustrato? E per l’ultima, anche se non meno importante, è il mio micropene. Per questo ho sempre evitato di fare la doccia con gli altri ragazzi, o tutte le battute del tipo “Escigli il cazzo in chat” o “Sbatti il pisello sul tavolo” e “Con il suo arnese ci rompe le noci di cocco”.

Nessuna ragazza lo ha mai visto, ma sono sicurissimo che non appena lo scorgesse inizierebbe a sganasciarsi dalle risate.

Ma nonostante ciò, o forse proprio per questi motivi, mi tiro le mie sei/sette seghe giornaliere, consumando video di ogni tipo.

Sarei perfetto come regista di video hard, so tutto di spagnole, footjob, treesome, bondage, anale, cunnilingus, golden shower, pecorine e via dicendo…

Dopo aver incassato l’ennesimo no, tornai a casa distrutto e mi rinchiusi in camera in cerca di qualche nuovo porno amatoriale su cui masturbarmi, quando sentii bussare alla porta.

-Non aprire!- ordinai, ma puntualmente mia madre entrò.

Eccola lì. Zeppe con i tacchi alti, due cavigliere, un anellino, smalto nero, stacco di coscia da velina, un mini pareo da cui c’intravedeva il perizoma a filo interdentale, e sopra un toppino che metteva in evidenza il suo percieng sull’ombelico. Sorriso da modella e lunghi capelli castani.

-Sto andando in spiaggia, vuoi venire con me?- mi propose

-Per l’ennesima volta, no…- sbroccai.

-Come mai sei così triste oggi?- mi chiese avvicinandomi

Fui dannatamente sincero -Ho preso un due di picche…-.

Prima di tornare a casa ero troppo giù e per smaltire quella delusione mi sono bevuto mezza bottiglia di Amaro del capo da solo. Ero sincero. Ed in vino, o in questo caso amaro, veritas.

-Tesoro, dai che prima o poi troverai quella giusta- mi rassicurò lei carezzandomi la guancia.

Il mio pene era già in erezione alla vista del suo smalto, ma era talmente tanto mini da non essere visibile.

-Se avessi un fisico come il tuo…- sospirai.

Mia madre sbirciò il pc.

-Ma che ti stai vedendo del porno?-

-Si- ammisi, spiegando -Se non posso farlo voglio almeno vederlo…- stavo quasi per piangere. Mamma mi strinse a sè. 

-Ma che hai bevuto?-

-Qualche cicchetto di amaro…-

-Poverino…- commentò lei, che aggiunse -Vuoi che sto un pò con te? Ci beviamo qualcosa insieme?-.

Non potevo dire di no a quella che in quel momento era la mia unica amica con cui confidarmi e la mia unica fonte di consolazione.

 

2.

 

Mi ritrovai quindi sul tavolino del salotto a farmi dei cicchetti con quella gnoccona stratosferica di mia madre.

-Ma come fai a berti questo schifo?- mi disse annusando l’amaro

-E’ buono!- cercai di convincerla

-Troppo amaro…- lo bocciò lei, che scelse del limoncello.

Dopo cinque giri di shottini, le avevo raccontato tutta la mia disavventura con quel cesso, che aveva annullato l’appuntamento con me il giorno stesso, solo mezz’ora prima.

Mamma non beveva davvero mai, era completamente ubriaca.

-Che stronza che è stata!- commentò, aggiungendo -E tu ora sei tornato a casa per masturbarti davanti al pc per vendetta?-

Oramai si era creato un clima di confidenza.

-Si, almeno passo il resto della giornata in maniera piacevole…-

Mia madre iniziò a ridere a squarciagola.

-Posso chiederti una cosa mamma?-

-Si Luchino, tutto quello che vuoi…-

-Ma con papà fai sesso ogni tanto?-

-Luchino!-

-Si, lui è sempre fuori per lavoro, ma anche quando torna… dopo il terzo infarto e l’impianto di pacemaker, non lo vedo tanto in forma- dissi

-Va bene Luchino, visto che sei stato molto sincero con me, anche io lo sarò con te.

No, non ci scopo e faccio niente da non so quanti anni, anche prima del pacemaker- ammise Giulietta

-E come fai?- chiesi

-Mi stai chiedendo se ho un altro?-

-Si-

-No Luca ti giuro che non ho nessuno. In famiglia siamo così, tipi tranquilli, fedeli..- spiegò lei

Mi spinsi davvero oltre dicendo -Ma con un corpicino bello come il tuo, così giovane, con tutti che ti sbavano dietro… non ti è mai venuta voglia?-

-No- rispose lei con sincerità, aggiungendo -Chi è che mi sbava dietro?-

-Bè mamma, un pò tutti, il signor Carlo in particolare…-

-Hai capito Luchetto…- scherzò su lei, che aggiunse -Sei più sul pezzo di quanto credessi-.

Mi scolai altri due cicchetti di botto. E poi feci ciò che non avrei dovuto fare.

-Mamma sei troppo bella…- sbiascicai e mi buttai a terra a leccarle i piedi

-Luchino ma che fai?- protestò

-Lo vedi che non ho davvero più nessuna speranza, se anche tu mi dici di no?- piagnucolai. 

Avevo fatto scatto matto. Oramai era mia, in maniera scorretta, per via dei sensi di colpa, ma l’avevo in pugno.

Anche lei svuotò un altro bicchierino per sballarsi un pò di più e convincermi a lasciarmi fare.

Stavo leccando i suoi piedi perfetti attraverso le scarpe, che dopo gli tolsi, per continuare senza. Mentre lei continuava a scolarsi del buon Limoncello che avrebbe attenuato i suoi sensi di colpa, salii su e misi la testa sotto il pareo. Tolsi il costume e iniziai a sbranarle la fica. Era la prima che vedevo dal vivo in vita mia. 

Come ho fatto a perdermela per tutti questi anni, da dopo il parto? Ci scherzai sù.

Era tutta rasata e liscia come la seta. Iniziai a leccarle il clitoride, poi gliela aprii ed entrai dentro. Su internet avevo fatto davvero troppo ore di pratica.

La sentii bagnarsi. Il passo successivo fu scoprirgli gli splendidi seni a coppa, che mordicchiai senza sosta. Dopo di che arrivò anche il momento del mio primo bacio, vero, intenso, appassionato, con la lingua.

La stesi sul divano e tirai fuori il mio cazzetto. Lei con molta professionalità lo prese in bocca. Sentii le sue labbra dall’interno e la sua lingua, e dopo pochi secondi lo tirai fuori, già stavo rischiando di venire. Provai a fare una spagnola, ma era troppo piccolo rispetto le sue tette. Andai diretto verso la vagina, ma lei disse- Rischi di venirmi dentro, prova da dietro…-.

“Un anal anzichè un vaginale? Subito!” pensai.

Ma il mio pisellino era troppo piccolo e flaccido che attraversare il suo sfintere anale, che ci rinunciai subito. Allora lei iniziò un footjob, almeno fino a quando non la pregai -Mamma ti prego, mi manca solo quello, fammi perdere la verginità- 

-Va bene, ma promettimi di non venirmi dentro-

Dopo che lo feci, lei aprì le cosce ed entrai. Dodici secondi dopo la mia sborra aveva invaso il suo caldo utero bagnato.

Era troppo ubriaca per arrabbiarsi.

 

3.

 

Da quel giorno le cose sono molto cambiate. Io non sono più vergine, cosa volete, in un colpo solo ho dato primo bacio, primo pomino e prima trombata.

Dopo la mia prima scopata avevo iniziato ad usare proprio lei, Giulietta, come la protagonista dei miei porci pensieri.

E capii che immaginarla come oggetto del desiderio di biechi uomini poco raccomandabili mi eccitava da morire, anche più dello stare io stesso con lei.

Quel giorno scoprii che oltre che essere un gran feticista ero anche un voyeur.

Ormai mi ero quindi messo l’anima in pace, ero il tipico “Voyeur”, ossia quello che gode più nel guardare qualcuno scopare che nel farlo lui stesso. 

E nello specifico ero proprio un “Cuckhold”, uno che ama vedere fare sesso la propria partner.

 Ero quindi diventato di colpo molto più sicuro di me stesso e tornai quindi più sicuro che mai a fare la mia solita vita sociale.

Con mamma era nato un bel rapporto di fiducia e confidenza.

Ogni sera, dopo cena ci ubriacavamo e parlavamo di sesso senza censure.

-Sai Luchino di cosa sono davvero contenta?- mi chiese

-Di cosa?-

-Che dopo quella volta non mi hai più chiesto di rifarlo…-

-Eh già- confermai.

-Mamma-

-Si Luchetto-

-Ma ora che ti ho risvegliato, non hai voglia di rifarlo?- le domandai, aggiungendo -Con qualcun altro?-

-Se vuoi sapere la verità… si- mi confessò.

Le spiegai quindi che mi sentivo un Cuckhold, e che morivo dalla voglia di vederla scopare con un altro. Cercai di essere il più convincente possibile

-In un colpo solo ti fai una bella chiavata ed io godo come un riccio, prenderesti due piccioni con una fava… cosa vuoi di più?-

-Ci sto... - disse lei, che poi proseguì domandando -Ma con chi?-

-A me mamma arrapano i grandi figli di puttana con un cazzo enorme, e Carlo calza perfettamente nella descrizione- dissi

-Carlo? Non so…- Giulietta era dubbiosa.

Carlo era il marito di Letizia, una collega di lavoro di Giulietta. Alto, palestrato, calvo, con il pizzetto. Letizia un tempo doveva essere stato una grande fica, ma al contrario di mamma, almeno da quando me la ricordo io, è sempre stata una cessa atomica.

Avete presente quelle persone che invecchiano subito e male?

Letizia dopo i trenta si era ingrassata, gonfiata, ed il viso aveva iniziato a deformarsi sotto il peso delle rughe ed i capelli a sfoltirsi. Addirittura io non so se ci sarei andato a letto.

-Si mamma, lui è perfetto, ci sarà da lavorarci un pò, ma non è questo il bello? Troieggiare e sedurre?- proposi

-Ci sto!- Giulietta mi diede il cinque, e poi domandò -Ma tu come farai ad assistere alla scena?-

-Monterò delle telecamere in casa e vedrò tutto live…-

-Va bene Luchetto, perchè in fondo io lo faccio soprattutto per te!- mi disse.

Iniziammo quindi a lavorare al grande piano. Io attrezzai la casa come un grande fratello hard e mamma invitò Carlo e Letizia a pranzo da noi.

Adesso veniva una delle parti più entusiasmanti, rendere mamma davvero seducente.

La accompagnai a cercare l’outfit perfetto. Non vi dico che goduria è stata portarla in giro a provare sandali, intimi e vestitini.

Optammo per dei sandaletti swaroskati con un vertiginoso tacco, ed un libidinoso vestitino rosso girofica. Ovviamente senza nè mutande, nè reggiseno.

Le misi io stesso del sexyssimo smalto rosa shocking, fra una leccatina di piedi e l’altra, e le rasai a zero con la lametta la bellissima figa che non potei esimermi dal leccare anch’essa.

I due ospiti arrivarono. Letizia era più cessa che mai, vestita da casa di riposo, Carlo, che da quando ho memoria l’ho sempre visto sbavare e flirtare con quella zoccola di mia madre, ebbe un sussulto ed un erezione nel vederla.

Dopo aver salutato andai via, in garage, dove mi vidi tutta la scena in streaming.

Giulietta fece la zoccolona provocatrice per tutta la durata del pranzo, sotto lo sguardo inconscio di Letizia che non sospettò nulla.

Giulia diede a Letizia il compito di prendere il vino, e mentre lei eseguiva, scavallò le gambe alla Basic Instinct, mostrando a Carlo la sua bellissima figa da me rasata.

Per poco non ci rimaneva secco il pelato. Dopo di chè durante il primo lo stuzzicò prima facendogli piedino sulla gamba, e poi massaggiandogli con il piede la zona inguinale, che a malapena riusciva a contenere il suo cazzone in erezione.

Carlo sembrava stare al gioco. Il match point ci fu quando, approfittando di un momento di distrazione di Letizia, gli diede un bigliettino scritto da me: “Se dopo vuoi rivedermi, butta qualcosa sotto al tavolo, così poi torni da solo con la scusa di essertelo scordato!”.

E così Carlo si sfilò l’orologio dal polso, e senza essere visto dalla moglie, lo nascose sotto la sua sedia.

Dopo il lauto pranzo la coppia ci congedò, e Carlo dopo aver riportato quella bagascia di Letizia a casa, suonò il campanello.

Mamma nel frattempo si era scolata un pò di Zedda Piras e si era iniziata a masturbare sul divano ripensando a quanto era stata troia.

Giulietta aprì il campanello. Carlo non disse nulla. Entrò, chiuse la porta, l’abbracciò ed iniziò a baciare in bocca.

-Non sai da quanto ho aspettato questo momento!- le disse

Giulietta era un pò impacciata, era da tantissimo che non andava con un uomo.

Nel dubbio, fece la cosa più semplice da fare, ossia spogliare Carlo, prima della camicia, poi dei pantaloncini corti, ed infine liberare il suo enorme cazzo dalle mutande che lo costringevano ed iniziare a succhiarglielo con rara passione e dedizione.

Anche Carlo era confuso. Aveva aspettato quel momento da una vita, ed ora non sapeva come procedere. Resosi conto di non poter sprecarle l’erezione in fica, le alzò la gonnellina e glielo infilò dentro.

-Ah!- urlò mamma. Stavolta non aveva un cazzetto, un ramoscello dentro, ma un autentico baobab.

Quella troia non scopava da decenni ed aveva quindi la figa troppo stretta per quel cazzone, che la fece accomodare sul letto per trapanarla senza sosta.

Giulietta gemeva come una scrofa e muoveva le gambe estendendole o accavallandole dietro il pelato, facendo così assumere nuove posizioni tantriche al suo perineo e di conseguenza al suo punto G.

-Ora Giulia te lo metto in culo, dove Letizia non vuole mai-

-No, in culo no…- piagnucolò mamma

-Zitta troia!- disse il calvo body-builder che la costrinse a mettersi a pecorina, pronta a ricevere il suo membro gargantuesco.

Carlo dopo essersi sputato sulla cappella, iniziò a spingere per farglielo entrare.

Giulia iniziò prima a mugugnare, poi proprio ad urlare di dolore.

-Zitta puttana!- le ordinò tappandogli la mano con la bocca.

Una volta entrato tutto, iniziò a trivellarla come un ossesso, mentre lei era rigida in un misto di intenso dolore e acutissimo piacere.

Con una mano Carlo iniziò a masturbarla sul clitoride e lei iniziò a squiratre come un fiume in piena. Infine egli uscì fuori, e costrinse Giulia ancora stordita ad inginocchiarsi per accogliere in bocca il suo enorme cazzone.

Se il primo pompino era stato qualcosa di inaspettato ed anche un pò sentimentale, questa volta fu una scena davvero rude, con l’uomo pelato che le stava letteralmente scopando la bocca quasi strozzandola con l’immensità del suo cazzo, fino quando non gli sborrò in bocca e le ordinò- Zoccola, ingoialo tutto fino all’ultima goccia-.

Detto ciò, il Bull si rivestì ed andò via, lasciando mia madre nuda e sconvolta sul divano, scordandosi nuovamente l’orologio, stavolta non intenzionalmente.

Quando entrai, lei si ritrasse come per vergogna.

-Mamma è stato fenomenale! Una vera scena di dominazione BDSM!- esclamai esaltato

-Cioè quello stronzo mi ha praticamente violentato e tu lo trovi fenomenale?- sbottò lei quasi piangendo

-Ma si dai, che sotto sotto è piaciuto anche a te…-.

-Hai ragione Luchino..- mi rispose, e proseguì- Vuoi sapere un segreto?-

-Certo- risposi

-Vuoi sapere perchè tu sei nato con tutte queste deformità, tra cui un cazzetto davvero microscopico, malattie e perchè io sono stata inibita sessualmente da quasi vent’anni?- mi domandò

-Si-

-Dai che sei un ragazzo sveglio, hai già capito- mi esortò lei, che non voleva rivelarmi ciò che avevo appena intuito

-Mi stai dicendo che quindi quel vecchio non è il mio vero padre e che quello con lui è stato solo un matrimonio di facciata?- azzardai

-Esatto, continua- mi esortò lei

-E sei stata sessualmente inibita perchè evidentemente io sono nato con uno strupro…- ipotizzai

-Si- mi confermò lei

-Ed ho tutte queste malattie perchè è stato un incesto!- avevo capito tutto

-Si, ed adesso hai anche capito perchè non hai mai conosciuto tuo nonno materno, ossia mio padre, che è morto poco prima che tu nascessi, quando decisi di vendicarmi… Ma questa è un’altra storia…-.

 

FINE

Coinvolgente

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.