Mentre dorme (parte 1): Figlio

  • Scritto da Gilda il 17/04/2022 - 10:34
  • 5.8K Letture

La porta era aperta, con un piccolo raggio di luce che illuminava il corridoio. La camera dei suoi genitori era aperta , e lui che aveva sempre cercato di spiare dal buco della serratura o ascoltando dalla parete , ora poteva entrare.

Era notte , e la madre si era di nuovo addormentata mentre leggeva uno dei suoi tanti romanzi. Il giovane figlio entrò piano piano nella camera  e la vide . I suoi occhi erano sbarrati per quella visione incantevole. Una visione di una posa che nello stesso istante era artistica , sensuale e piena di perversione . Lei dormiva su un fianco e dava le spalle alla porta della stanza, era coperta da un lenzuolo ma solo il fondoschiena , un gran bel fondoschiena di un rosa leggero , un bianco ottone , poteva essere anche di mille altri colori, quel lenzuolo che lo copriva leggermente, era da infarto. Era come una statua, un opera d'arte da condividere con altri mille occhi. 

L'eccitazione si impadronì del ragazzo. Mentre fissava quel culo, cominciò subito a masturbarsi. Aveva il cazzo ritto come una baionetta di un soldato della guerra di secessione. Mentre sbavava si masturbava e immaginava , si stringeva anche il più grande e turgido dei suoi capezzoli. Gli piaceva toccarseli. Godeva di più. 

La madre dormiva ferma in quella posizione, quel culo che quasi parlava al figliolo dicendogli: Dai, toccati, schizza e poi inculami, toccami tutto, baciami , leccami e poi inculami di tutto. Sono il sedere di tua madre , è la cosa che più desideri da sempre penetrare. Fallo oppure masturbati quanto vuoi. 

Lui si avvicinò, cominciò ad accarezzarlo e baciarlo lentamente mentre si masturbava sempre più veloce. Da dietro vista la postura della madre , si notava anche benissimo entrambi i buchi. Il buco del sedere . E poi la fica abbastanza aperta e carnosa , anche un po' pelosa. Era stupenda. Lui cominciò a leccare prima il buco del sedere . Sperando che la.madre non si svegliava subito. Dal buchino che lasciò pieno della sua saliva, passò alla fica. Con il dito però continuava a stuzzicare il buco del culo penetrandolo un po'. Lui ormai era già agli sgoccioli, nel vero senso della parola . Dopo alcune prime leccatine alla passera della madre prese l'uccello , appoggiò la cappella tra i due buchi in mezzo alle natiche della madre e spruzzò tanto nettare bianco. Ansimava , a bassissima voce , sembrava di vedere quasi un sordomuto venire. Lui era a bocca spalancata , ma non emetteva nessun grido, nessuna parola . Il cazzo suo invece , il contrario. Aveva cacciato tanto liquido. Mai come quella sera, aveva avuto un orgasmo così forte ed emozionante. Si mise il pisello nelle mutande , fissò per qualche minuto il culo della madre tutto sporco e bagnato del suo sperma e lasciò la camera .

Meraviglioso, anche se un po di domande le fa sorgere
Aspetto che la madre si svegli

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.