Mia cognata Claudia e George (prima parte)

  • Scritto da Oldtower il 06/04/2021 - 03:33
  • 1.9K Letture

Premessa:

Da circa 12 anni faccio sesso con mia cognata Claudia (la moglie del fratello di mia moglie), poiché io abito in Lombardia e lei in provincia di Cagliari ci vediamo solo quando vado in Sardegna per le vacanze estive, per le feste di Natale o per fare visita ai suoceri con mia moglie; in quelle occasioni tra un impegno e l'altro tra una visita ai parenti e una cena di famiglia, riesco a trovare un po' di tempo per incontrare da solo Claudia e spassarcela un po' assieme.

Quando ci ritroviamo con i parenti lei è affettuosa con suo marito, lo coccola, lo sbaciucchia, è sempre vicina a lui, insomma recita alla perfezione il ruolo della brava mogliettina, poi lontana dai parenti, c'è la Claudia che conosco io, la Claudia troia, vogliosa, voluttuosa che se ne frega di tutto e perde ogni inibizione, sempre alla ricerca di nuove emozioni e si lascia andare ai giochi più trasgressivi con gli uomini al fine di godere.

I fatti esposti sono realmente accaduti, e li racconto così come li ricordo, i dialoghi e le espressioni vocali sono riassunti in maniera semplificata e in modo veritiero.

 

Il racconto.

Durante le ferie estive di qualche anno fa, una domenica di agosto, io con mia moglie, sua sorella con il marito e suo fratello con la moglie Claudia eravamo in spiaggia al Poetto di Cagliari, dopo un paio d'ore passate tra bagni nel mare e rosolate al sole per l'abbronzatura ci raccogliemmo tutti e sei a chiacchierare sotto i due ombrelloni che avevamo piantato, io ero seduto su una sedia da spiaggia tipo “regista” e gli altri, chi sul lettino o su altre sedie.

 

Claudia per provocarmi si mise a sedere su un telo per terra davanti a me a gambe incrociate per cui era a cosce aperte, indossava un bikini bianco che in quel momento era ancora umido dopo l'ultimo bagno e le rimaneva aderente mettendo in risalto il gonfiore della figa e il segno dello spacco, io con indifferenza davo spesso una sbirciatina la in mezzo, non riuscivo a evitare di guardare quel particolare, anche se conoscevo molto bene la sua figa.

 

Stavamo chiacchierando quando si avvicinò un ambulante nero col suo carico di cianfrusaglie da vendere, si inginocchiò tra di noi e iniziò a esporre la sua mercanzia, io e i miei cognati non eravamo minimamente interessati a quella roba, mentre le nostre donne frugavano tra la merce.

 

Iniziammo così a conversare con lui, ci disse che veniva dal Gana che aveva 50 anni, una moglie e 4 figli e che non li vedeva da molto; così discorrendo, arrivammo al capitolo dimensioni, poiché si sa che i neri sono messi molto meglio di noi; senza giri di parole lui disse di averlo lungo 22 cm, noi maschi commentammo un po' invidiosi, mentre le donne si guardarono tra di loro sgranando gli occhi e annuendo con espressioni compiaciute. In quel momento colsi negli occhi di Claudia la scintilla maliziosa del desiderio, lo sguardo della troia che è in lei emerse in un istante.

 

Mi balenò subito nella mente l'idea di farla montare da quel mandingo, ma per organizzare dovevo avere la possibilità di mettermi in contatto con quel uomo.

Finite le trattative per la vendita di un paio di collanine, tre braccialetti e due prendisole, George (così si chiama) raccolse la merce sparsa sul telo, si alzò e si allontanò; poco dopo, con la scusa di andare in bagno lo raggiunsi mentre girava per la spiaggia e con vari sotterfugi riuscii a farmi dare il suo numero di telefono.

 

Nei giorni seguenti venni a sapere che mio cognato doveva andare due giorni a Sassari per un lavoro importante, lo stesso giorno un messaggio di Claudia mi invitava a sganciarmi dalla famiglia ed andare da lei il venerdì seguente perché sarebbe stata a casa sola.

Chiamai George e dopo avergli ricordato chi ero, quel giorno che ci siamo conosciuti in spiaggia ed avere avuto la conferma che si ricordava anche di Claudia, gli dissi:

«Passo a prenderti venerdì e ti porto a scopare con lei». Lui rimase in silenzio, subito dopo gli ribadii:

«Ti piacerebbe scopare con quella donna?». Lui mi rispose:

«Tu vuoi che scopo tua moglie? Va bene, quanto mi dai?»

«Non è mia moglie» gli risposi.

«E' mia cognata» e dopo alcune spiegazioni sui rapporti di parentela lui tornò a parlare del compenso che voleva e mi chiese:

«Quanto mi dai per scopare con lei?» Era troppo forte il desiderio di vedere quella troia alle prese con un cazzo nero che ero disposto a pagare per assistere allo spettacolo. Iniziammo la trattativa, lui voleva 100 euro, ma trovammo poi un accordo a 50 per due ore e alla fine concordammo un posto, l'ora e il giorno per incontrarci.

 

Quel venerdì, passai a prendere George, avvisai Claudia che la stavo raggiungendo e mi diressi a casa sua, lei era ignara della sorpresa che le stavo portando, arrivati da lei, quando ci aprì la porta rimase stupita nel vedermi con quel uomo, ci fece entrare e subito mi chiese un po' stizzita e imbarazzata:

«Come mai lui?» Le risposi:

«Ho voluto farti una sorpresa, non sei contenta?» E senza dire altro la limonai prendendola per le chiappe con le mani, dopo il bacio la troia che aveva già capito tutto mi disse con uno sguardo e un sorriso compiacente:

«Sei il solito porco», Ci fece sedere sul divano e si allontanò sculettando.

 

Indossava un abitino bianco corto quasi trasparente dal quale si intravvedeva lo spacco del suo culo e il triangolino del perizoma nero, un paio di autoreggenti nere col pizzo e decolletè nere ai piedi, mentre si allontanava le dissi:

«Ti si vede tutto dietro con quel vestitino da puttana di strada.»

Lei come se niente fosse si fermò, si alzò la parte del vestito che le copriva appena il culo, si piegò a novanta aprì le gambe, si allargò le chiappe ondeggiando e ci chiese:

«Vedete meglio ora?»

Lo spettacolo che avevamo di fronte era di quelli che ti fanno rizzare il cazzo all'istante, la porcona ci mostrò il culo in tutta la sua bellezza, il filo nero del perizoma che partiva dal triangolo superiore non era sufficiente a coprirle il buco del culo che appariva scuro ai lati assieme alle pieghe, appena sotto, lo stesso lembo di stoffa si allargava e si gonfiava per contenere tutta la sua figa.

 

Io e George ci guardammo, lui con aria incredula e occhi sgranati mi disse:

«Suo marito è cornuto con un moglie puttana come lei.»

Io annuendo con la testa gli risposi:

«A lei piace farsi scopare e tu sei qui per scoparla e farla godere.»

Un sorriso si formò sul suo viso allibito e gioioso.

 

Claudia tornò poco dopo con due birre, le posò sul tavolino e si mise a sedere tra di noi, dalla trasparenza del vestito si vedevano chiaramente le sue tette con i capezzoli turgidi; senza perdere tempo la puttana posò subito le sue mani sulle nostre patte e iniziò a massaggiarci e a palparci seguendo la forma dei nostri cazzi che piano piano si indurirono facendo aumentare in lei l'eccitazione e il desiderio che esprimeva con mugolii di piacere.

 

Dopo qualche minuto di massaggi sopra i pantaloni la porca ce li slacciò per infilare le mani dentro, noi l'agevolammo sfilandoceli completamente rimanendo mezzo nudi con i cazzi in bella mostra, appena Claudia vide l'uccello semiduro di George si bloccò stupita con la bocca spalancata e con meraviglia esclamò:

«WOOW, allora era vero quello che hai detto in spiaggia».

Si girò verso di lui, lo prese con le due mani, lo scappellò e se lo guardò attentamente sopra sotto di qua e di la, soppesò le grosse palle, poi aggiunse:

«Questo si che è un cazzo con la c maiuscola» e dando dei colpetti con la mano sotto a quel cazzo lo fece dondolare su e giù come se volesse giocarci.

 

Piano piano iniziò una lenta sega, mentre con l'altra mano gli prese i coglioni per massaggiarli, lo scappellava e poi lo ricopriva e poi ancora, su e giù, su e giù; George si mise comodo allungò le gambe, le divaricò, appoggiò la testa allo schienale e si lasciò masturbare beatamente.

 

Claudia, tutta presa da quel grosso cazzo nero che per la prima volta aveva tra le mani non si curò più di me, così io le posai una mano sulla coscia e presi ad accarezzarla lentamente, lei aprì le gambe per agevolarmi e la mia mano scivolò sulla sua figa, iniziai a palparla premendo sul clitoride, la troia aprì del tutto le gambe appoggiandone una su di me e l'altra su George, le spostai il perizoma di lato lasciandola con la sua bella figa in vista e con l'altra mano iniziai a masturbarla.

 

Sapevo che mia cognata se ben stimolata sbrodolava come una fontana e schizzava, così le tolsi il perizoma, le sollevai le gambe facendole appoggiare i piedi sul divano, George le tenne una gamba aperta, l'altra gliela divaricai io e le infilai nella figa l'indice e il medio, a quella penetrazione la puttana ebbe un sussulto e un gemito di piacere, iniziai a muovere le dita dentro e fuori, prima piano e poi sempre più velocemente, la troia godeva e intanto segava George, io continuai a sditalinarla finché dopo un aio di minuti lei mollò quel cazzo, buttò la testa all'indietro, si aggrappò con le mani al divano, facendo forza con le gambe sollevò il bacino e iniziò a muoverlo avanti e indietro mentre io la scopavo con le dita; Claudia godeva, godeva e si dimenava urlando:

«AAAH, AAAH, SIII, SIII, SIII, COSIII, COSIII, DAAAIII, DAAAIII,» io con le dita la penetravo freneticamente dentro e fuori, dentro e fuori, si sentiva il suono della mano che sbatte sulla figa bagnata ciak, ciak, ciak, ciak, nel giro di un minuto la puttana tra gemiti e versi di godimento urlò:

«DAI CHE GODO, FORTE, FORTE CHE VENGO, SIIIII VENGO CAZZO, VENGO, DIO CHE BELLO VENGOOOOOOO», spinse il bacino in alto e si bloccò un attimo, tolsi le dita e dalla sua figa partì uno schizzo che arrivò sul tavolino li davanti e poi un altro subito dopo, continuò a muovere il bacino su e giù dimenandosi per almeno un minuto in preda ad un orgasmo incontrollato.

 

Dopo l'orgasmo Claudia riprese a segare George, poi gli impugnò il cazzone alla base, lo tenne bello dritto, si chinò su quella mazza nera e come per assaggiarlo gli passò la lingua sotto la cappella, poi prese a leccarlo dal basso; un colpo di lingua qui, una slinguata di la, piano piano risalì fino alla cappella, la baciò, con la punta della lingua la leccò tutta attorno e subito dopo la fece sparire nella sua bocca; io seduto vicino mi gustavo quella scena, vidi le guance di Claudia infossarsi mentre succhiava il cazzo nero.

 

George le mise una mano sulla nuca e le fece abbassare la testa, poi gliela sollevò, poi giù ancora e poi su e giù, con la mano George guidava la testa di Claudia per dare ritmo al pompino che la troia gli stava facendo.

«Pensa se entrasse ora tuo marito e ti vedesse con il cazzo di George in bocca.»

Le dissi ridendo mentre la guardavo succhiare.

«Non dirlo neanche per scherzo, geloso com'è ci ammazzerebbe tutti.»

Mi rispose lei riprendendo a succhiare subito dopo.

 

In seguito la troia si mise in ginocchio sul pavimento tra le gambe di George e continuò a succhiarlo voracemente e con passione; li conoscevo bene i suoi pompini, me ne ha fatti in varie occasioni, a volte anche col rischio di essere visti da qualcuno. Mi avvicinai a lei da dietro, mi chinai, allungai la mano sotto al suo culo e presi a palparle la figa fradicia, passai più volte le dita tra le labbra carnose e sul clitoride incitandola a continuare:

«Succhia troia, succhia questo cazzone nero,» le dissi mentre la sgrillettavo.

«Quanto sei troia Claudia e come sei bella con quel cazzo nero in bocca, sei una bellissima puttana, succhialo,» aggiunsi e le infilai due dita nella figa.

 

Lei ogni tanto lasciava il cazzo per leccargli le palle, poi glie le succhiava una ad una e poi ritornava a succhiargli la cappella; George allungato si godeva quel pompino, si prendeva in mano il cazzo, lo toglieva dalla bocca della puttana e lo sbatteva sulle guance di Claudia che subiva quel martellamento a bocca aperta pronta ad accoglierlo ancora e lui glielo infilava in bocca di nuovo; poi con le mani le prese la nuca e il mento immobilizzandole la testa e velocemente la scopò in bocca emettendo versi animaleschi.

 

Ad un certo punto, mentre la troia lo sompinava, lui sollevò le gambe, le aprì, si prese con le mani sotto alle ginocchia e sollevò il culo, poi spinse la testa di Claudia giù, lei oppose resistenza, ma lui con forza la spinse fino a farle arrivare il viso sul suo culo, io che seguivo quanto stava succedendo con due dita nella figa, lo aiutai tenendola ferma e le dissi:

« Lecca puttana, leccagli il buco del culo, dai che ti piace fare la troia così. », intanto le muovevo la testa strusciandole il viso tra le chiappe del nero.

 

Claudia iniziò a leccare prima sotto le palle, poi scese lungo il perineo sino ad arrivare al buco del culo, gli aprì le chiappe e si mise a leccare l'ano con gusto e desiderio, George si teneva le gambe piegate e godeva, mentre io continuai a masturbarla da sotto, le infilai il pollice nel buco del culo e con il medio la sgrillettai, la porcona iniziò a muoversi su e giù come fosse seduta su un cazzo, poi si mise a pecorina con la schiena inarcata offrendomi il suo culo da dietro e intanto leccava tutto quello che George le faceva leccare.

 

In quella posizione Claudia mi mostrò la sua figa gonfia, con le labbra sporgenti e carnose, il clitoride che sbucava dal cappuccio, il buco del culo scuro fatto di mille pieghe che pulsava e le due chiappe sode, alte e ben fatte, un spettacolo inebriante.

 

Con le mani la aprii bene e mi abbassai per leccarla, era tutta bagnata, poi mi inginocchiai dietro di lei, le strusciai la cappella tra le chiappe, dal clitoride al buco del culo, su e giù, mi inzuppavo la cappella dei suoi umori e quando arrivavo all'ano glieli spalmavo sopra per inumidirlo, la porca spingeva il buco facendolo sbocciare come un fiore.

 

Appoggiai la cappella a quel fiore e spinsi piano, entrò subito metà, con un altra spinta la cappella fu dentro tutta, poi presi la troia per i fianchi e me la tirai contro spingendo il bacino in avanti e il mio cazzo entrò completamente nel suo culo, Claudia si staccò un attimo dal cazzo di George, si girò verso di me, mi guardò con la bocca aperta, gli occhi socchiusi e un'espressione di godimento poi riprese a succhiare quel cazzo nero..............

 

(continua)

 

 

 

 

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.