Prima pompa

  • Scritto da Raf90 il 07/06/2020 - 00:28
  • 6.0K Letture

Avevo da sempre saputo che aveva un grosso cazzo. Avevo da sempre saputo che lo eccitavo e che avrebbe voluto fare porcate con me e, nonostante volessi negarlo a me stesso, desideravo anche io fare cose porche ed inenarrabili con lui, nudi, in segreto. Desideravo ardentemente sparargli un pompino da antologia, ma mi vergognavo a dirglielo, lui non faceva il primo passo ed io ero bloccato dalla vergogna, ma sempre a fantasticare. Un giorno, essendo ambedue appassionati di musica, mi invitò a casa sua dove viveva da solo e così, verso le tre del pomeriggio, mi ritrovai seduto accanto a lui su un divanetto ad ascoltare dei cd. Lui sui 60 anni, ma portati molto bene, aveva fama di essere un gran porco, cosa questa che mi eccitava da morire. Inutile dire che mentre ascoltavamo musica, immaginavo la scena di noi due completamente nudi, io a “lavorarmi” la sua grossa cappella turgida….. Però sempre per vergogna e per pudore, non riuscivo ad agire, nonostante morissi dalla voglia, ma quando improvvisamente ed inaspettatamente, guardandomi negli occhi, mi disse di essere attratto dale mie labbra carnose, chiedendomi se avessi voluto prenderglielo in bocca... il sangue prese a pulsarmi nelle tempie, perchè in realtà non chiedevo di meglio. Facendo cadere tutti i miei tabù e le mie paure, senza dire nulla, cominciai  ad accarezzargli il cazzo sopra i pantaloni. Lui mi guardava incredulo, ma eccitatissimo…… Dopo un paio di minuti di questo mio palpeggiamento, mi chiese se volessi limitarmi ad una sega sopra i pantaloni, al che io dissi senza più freni, che desideravo accontentarlo e sparargli un clamoroso pompino con ingoio….. e poi, chissà, farmi fare anche il culo. Lui rispose che lo desiderava da tempo, che fantasticava sullo spaccarmi il culo, di riempire la mia bocca della sua sborra. Mi chiese di spogliarmi, cosa che io feci immediatamemte, e completamente nudo, spogliai anche lui, vedendo con grande gioia, che era già in erezione e che aveva un uccello davvero enorme. Almeno 18 centimentri di nerchia nodulosa, una cappella a fungo turgida e violacea, due grossi coglioni che immaginai tra me e me, essere pieni di buona sborra calda. Ambedue completamente nudi, mi sedetti di nuovo accanto al maschio e ripresi in mano il grosso cazzo segandolo delicatamente. Poi, avvicinai la mia faccia al suo pube e comiciai a leccare dapprima la sua pancia per poi scendere sul cazzo pian piano, fino a leccare timidamente per poi prendere la grossa cappella in bocca. Con gli occhi chiusi, godendo da matti, andavo su e giù su quel grosso cazzo ritmicamente, con la mano sinistra lo impugnavo all’altezza dei coglioni e ciucciavo e succhiavo alacremente portandomi il cazzo in gola sentendo la grossa cappella che mi lambiva la gola nel più classico dei soffoconi, mentre lui, con gli occhi chiusi, mi dettava il ritmo della pompa con la mano sulla mia nuca. Sentivo il suo odore di sudore misto all’odore del cazzo, e questo mi eccitava ancora di più. Stringevo le labbra sulla cappella, assaporandola ed ingoiandola come un pazzo, senza più freni, senza alcun pudore, mugolavo di piacere mentre lo spompinavo consapevole di essere bravo e che lo stavo facendo godere tantissimo……. Ormai senza più alcun freno né vergogna, leccavo la grossa cappella durissima come fosse un gelato, ci sputavo sopra e tornavo ad ingoiarla voracemente, poi leccavo l’intera asta fino a prendere i grossi coglioni in bocca succhiandoli a turno e lappandoli con la lingua, con i peli che mi entravano in bocca e con un unico, insistente pensiero: farmi sborrare in bocca ed ingoiare tutto il prodotto del mio grandioso pompino. Improvvisamente mi inchiodò letteralmente sul suo cazzo divenuto ormai durissimo con la mano e, lanciando un prolungato, sordo ululato animalesco, il maiale venne….. Sembrava non finisse più, mi riversò in bocca così tanto sperma da mettermi in difficoltà. Mi usciva dagli angoli della bocca, facevo fatica a contenere quello zampillio incredibile, all'inizio provai un senso di nausea al pensiero della porcata che stavo facendo e per il forte sapore acidulo della sborrata, cosa questa che mi eccitava sempre più e, non volendo perderne neanche una stilla, la raccoglievo e, dopo averla assaporata per bene, la mandavo giù golosamente. Avevo la bocca impastata e satura di liquido seminale, saliva e sborra, la lingua inondata e completamente ricoperta di sperma caldo, denso e perlaceo, a formare degli archi di liquido aspro e salaticcio…. Avevo fatto il mio primo pompino ad un gran porco più grande di me, ingoiando una quantità incredibile di sborra calda….. Poi mi distrusse anche il culo, ma questa è un’altra storia….

Ciao, mi piacerebbe conoscerti
Ciao Aspirantebsx, dove vivi?
Io a Roma, tu?
Mi dai la tua amicizia?
Quanti anni hai aspirantebsx? Io sono di torino
Raf90 anni?
64 ben portati, sposato

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.