Seghe con gli amici

  • Scritto da Andrea Sada il 29/08/2020 - 09:44
  • 4.3K Letture

Io, Luca e Mario eravamo amici da una vita e ci conoscevamo bene come soltanto persone cresciute insieme poteva. Quando l'adolescenza prese a far bollire i nostri genitali, iniziò anche e inevitabilmente la masturbazione compulsiva tipica di quell'età, le chiacchiere volgari sulle ragazze e l'amore per i video erotici. Fu Mario il primo a farmi vedere un porno, che ci godemmo mentre, imbarazzati, ci tastavamo ognuno la propria erezione, senza però che nessuno dei due arrivasse all'orgasmo; mentre fu Luca a tirarselo fuori la prima volta per farmelo vedere, ed è con lui che mi feci la prima vera sega in compagnia. Tuttavia, fui io a farli incontrare e a iniziare la tradizione della sega di gruppo e ormai l'avevamo fatto così spesso che conoscevo i loro peni a memoria: Luca aveva il cazzo più lungo e grosso di tutti e tre, ma era leggermente storto e ciò lo rendeva un po' antiestetico; Mario era quello che l'aveva più corto, eppure era due volte più spesso di quello di Luca; c'ero infine io, con taglia e lunghezza media, ovvero diciotto centimetri di normalità.

Quando faceva caldo, il nostro posto speciale e privato era il giardino della villetta di Luca, tanto grande da avere anche una panchina dietro un boschetto di bambù su cui ci si poteva sedere ben nascosti senza essere visti da nessuno, sia da fuori sia dalla casa. Ogni volta che avevamo tempo, si andava lì e, tiratocelo fuori, andavamo avanti, con il venticello che ci sfiorava palle e cappelle, fino a venire una o due volte: non eravamo semplici ragazzi arrapati, eravamo anche veri e propri maniaci delle seghe, ci veniva davvero duro a guardare masturbarci a vicenda.

«Ci sono volte in cui vorrei scoparmi quella porca della prof. Lilla lì sulla cattedra e venirle dentro un paio di volte» amava ripetere Mario con i pantaloncini e le mutande alla caviglia, menandoselo forte e ad occhi chiusi alla mia sinistra.

«Io preferisco invece le tette di tua sorella» faceva invece alla mia destra Luca, che lo tirava fuori dalla zip, ma si toglieva la t-shirt per rimanere a torso e sborrarsi sul petto.

«Adesso, ho solo voglia che Chiara mi faccia un pompino» dicevo io, al centro tra i due, mentre con la sinistra mi massaggiavo le palle e con la destra mi massaggiavo lentamente la cappella. «Ha una bocca calda e umida, e sa usare la lingua veramente bene: me lo passa sopra, sotto e lungo tutta l'asta; e poi si fa venire in bocca…»

«Cazzo, oh cazzo» esclamò di colpo Mario muovendo più in fretta la mano. «Sto venendo!»

Si alzò allora per fare due passi avanti e grugnire il suo orgasmo: due grossi fiotti di sperma schizzarono fuori dalla punta del suo cazzo e caddero a un centimetro dai nostri piedi. L'unica regola che ci eravamo dati era mostrarci agli altri quando venivamo, soprattutto perché era la cosa che in realtà ci arrapava più di tutto. Finito di ansimare, Mario iniziò a pulirsi dallo sperma con un fazzolettino, di fronte a noi, senza rimettersi i pantaloncini e coccolandosi le palle.

«I pompini sono il mio punto debole, ma so quello di Luca» disse Mario sorridendoci mentre ci guardava i cazzi. «Ieri ho visto mia sorella appena uscita dalla doccia, bagnata e avvolta solo con un asciugamano. E quando si è chinata gli ho visto la fica…»

«Porca troia, bastardo!» urlò Luca diventando tutto rosso e inarcando il corpo in modo che tre lunghi fiotti di sperma gli ungessero petto e addome, per poi agitare e continuare a segare la sua bella mazza soddisfatto.

Io, dal canto mio, continuavo a masturbarmi lentamente, perché ero sul punto di venire ben prima di loro.

«E qual è il tuo punto debole?» mi chiese Luca mentre si puliva lo sperma che gli colava dai capezzoli.

«Non ve lo dico» risposi io ansimando.

«Dai, spara» fece Mario mettendosi a pisciare lì davanti a noi in un'aiuola dove non c'erano piante.

«Ho detto di no…» replicai io alzandomi.

Inarcai la schiena in modo che entrambi vedessero bene il mio cazzo e, andando a mano a mano più veloce, attesi il momento che più adoravo, quello in cui tutti e due mi avessero guardato segarmi. Solamente in quel momento, con due ultimi colpi, sborrai dove i miei due amici avrebbero potuto godersi il mio sperma volare.

«Porca puttana, che orgasmo fortissimo» balbettai, tremando per gli spasimi, con il cazzo da cui colava ancora altro seme.

Non avrei mai potuto ammettere di fronte a loro che il mio punto debole era semplicemente segarmi in loro compagnia, venire mentre gli mi guardavano e guardarli schizzare sperma in mia presenza.

Quando invece faceva freddo e all'aperto risultava difficile menarselo, preferivamo stare in camera mia, che si trovava nella mansarda della mia casa, perciò isolata rispetto al corpo e con un bagno privato. Lì, eravamo liberi di divertirci: una volta chiusa la camera a chiave e acceso lo stereo, potevamo tutti metterci di spalle al letto, seduti sul tappeto a terra, e guardarci insieme un porno sul mio televisore lcd tirando fuori i nostri tre cazzi eretti, pulsanti e duri.

Anche se, l'ultima volta, la cosa andò un po' fuori controllo.

Quel giorno ero già parecchio eccitato di mio ed erano alcuni giorni che, per un motivo o per un altro, non riuscivo a masturbarmi o a scopare con la mia lei. Ero tanto eccitato che, quando i miei amici si autoinvitarono a casa mia per la solita sega tra amici, avevo già un'erezione dolorosa quando bussarono per farsi aprire. Una volta chiusi nella nostra fortezza, perciò, andai del tutto su di giri.

«Scusate, ragazzi» feci io togliendomi la maglietta e spogliandomi completamente nudo, «ma oggi sono arrapato come non mai e mi voglio dare alla pazza gioia».

I miei due amici risero, ma non ebbero nulla da ridire. Messo su un bel video con una bambola bionda dalle tette giganti, ci sedemmo ai nostri posti e anche Luca e Mario sfoderarono i loro cazzi, che guarda caso erano già eretti come due bei pali ai miei fianchi.

«Vedo anche voi belli vogliosi» commentai per schernirli.

«Sarò il tempo» replicò Luca togliendosi la maglietta.

«O semplicemente siamo degli arrapati del cazzo» ridacchiò Mario portandosi i pantaloncini a mezza coscia.

Iniziammo a menarci i cazzi duri senza esitazione, e io in tre minuti ero già sull'orlo di una sborrata epocale da tre fiotti di sperma.  

«Cavolo, ma stai bollendo» mi fece Luca che aveva il fianco nudo a contatto con il mio corpo altrettanto nudo e lanciava occhiate più al mio cazzo che al porno in tv, cosa che mi eccitava.

«Chiara è in gita, perciò sono tre giorni che non scopo» risposi io balbettando e stuzzicandomi un capezzolo. «Quando tornerà, me la fotterò per una notte intera, proprio qui dove stiamo noi adesso».

«Mi stai contagiando…» mugugnò Mario scappellandosi per bene e mettendo in bella vista tutta la punta umida, per poi riiniziare.

«Spogliatevi anche voi se volete, tanto chi volete che ci veda, qui?» gli feci io noncurante, più per provocarli che sul serio.

Invece Luca non pareva aspettare altro e, fermatosi un attimo dalla sega con cui si stava tormentando il cazzo, si alzò per togliersi i pantaloni, rimanendo completamente nudo proprio come me.

«Se rimango vestito soltanto io, mi fate fare la figura del codardo!» sentenziò Mario per alzarsi e fare altrettanto.

I miei due amici erano entrambi ben messi con il corpo, ma Luca era chiaro di pelo e si depilava, mentre Mario era scuro e peloso.

Tornati a sedersi di fianco a me, le nostre gambe presero a stare pelle contro pelle ora che eravamo tutti e tre nudi e, allargandole per stare meglio, i miei piedi toccarono i loro. Intanto, gli occhi di Luca continuavano a saettare più con curiosità che con desiderio verso il cazzo che mi pompavo forsennatamente. E io lo lasciavo fare perché questo mi faceva arrapare troppo.

«Tu ce l'hai bello dritto…» commentò Luca a un certo punto.

«Non è uguale?» chiesi io retorico ansimando forte e fissando invece il porno, dove la bionda stava scopando alla grande, ma nel modo assurdo in cui di solito avviene in quelli americani.

«Non lo so…» replicò lui scappellandosi piano e cambiando posizione alla mano sull'asta per prenderselo meglio.

Mario, che si era preso una pausa per aggiustarsi le palle, riiniziando a segarsi energicamente, borbottò.

«Con il gel o l'umore di figa non cambia molto…»

Quand'ecco che Luca lo interruppe per fare la domanda fatidica.

«Posso toccartelo e vedere com'è?» chiese a me.

Per un secondo lo guardai mentre, nudo, si stuzzicava la cappella unta di umori con pollice e indice per poi riprendersi a segarsi. Ma ero così incredibilmente arrapato che non esitai a rispondere.

«Fa' pure» gli disse mentre con entrambe le mani afferravo la base della mia asta per raddrizzarla e puntarla verso il mio amico.

Luca avanzò la mano sinistra esitante e iniziò a stringermi il cazzo tra pollice e indice, vicino a dove il suo deviava verso destra, quindi lo mosse un po', e io lo lasciai fare godendomela. Pensai che sarebbe finita lì, ma invece me lo afferrò bene come fosse il suo e, lentamente, mi scappellò, quindi iniziò a massaggiarmelo con le dita e con tutta la mano facendomi letteralmente uscire fuori di testa.

«Oh, no, questo non dovevi farlo» mormorai io troppo eccitato per pensare, afferrandogli la mano che mi stringeva il cazzo e iniziando a masturbarmi con il suo palmo caldo a contatto con la pelle.

Pensai che Luca avrebbe ritirato la mano, magari ridendo, ma lui invece non esitò e assecondò il movimento; anzi, cominciò ad andare più veloce di quanto facessi io e a farmi una vera e propria sega.

«Oh dio, oh dio, oh porco… mi fai godere, mi fai godere!» urlai, ma l'avvertimento fu inutile: i miei genitali furono sconquassati da una scarica elettrica e dal mio cazzo eruttarono tre fiotti di sperma caldo che la mano del mio amico mi indirizzò sulla pancia.

«Se qui si sta finendo a farsi seghe a vicenda, è meglio se mi tolgo di mezzo» esclamò Mario allontanandosi un po', benché finì per mettersi dove avrebbe visto più noi nudi che la tv con il porno.

«Non fare lo schizzinoso» commentai, ansimando sudato e sporco di sperma, con la testa contro il mio materasso e le cosce sguaiatamente aperte, per rivolgermi poi a Luca e chiedergli divertito: «Me lo lasci o vuoi farmene un'altra?»

Luca stava infatti ancora stringendo forte, con le dita unte da parte del mio sperma, il mio cazzo tremolante per l'orgasmo, segandomelo delicatamente. Non che a me dispiacesse: il calore della sua mano me lo stava facendo rimanere duro.

«Ah, scusami» fece lui lasciandomelo e tornando al suo, che si era tanto ingrossato che pareva sul punto di esplodere seme.

«Sì, ma ora devi ricambiare» sghignazzò Mario, che parlava tanto, ma, ormai praticamente voltato verso di noi, pareva si stesse masturbando due volte più forte adesso che prima.

«O forse mi sa che ne vuoi una tu» risposi io allungando un piede verso il cazzo di Mario e toccandogli la cappella con le dita.

Invece di lamentarsi, l'altro mio amico emise un sospirone di piacere e smise di segarsi. Il mio gesto l'aveva quasi fatto sborrare.

«Hai capito, Mario» lo prese in giro Luca che nel frattempo si era così avvicinato a me che avremmo occupato una sedia in due se fossimo stati seduti. «Mi sa che gli piacciono i piedi oltre alla bocca».

«Oppure gli piace guardare» feci io dandogli una gomitata e spostandomi da lui per avere Mario di fronte. «Testiamo subito»

Dopo aver afferrato le mani di Luca, le riportai sul mio cazzo e ricominciai a farmi masturbarmi senza neanche essermi pulito dallo sperma del mio precedente orgasmo, e allungai quindi i miei piedi nudi fino a raggiungere con entrambi l'asta di Mario, puntellandomi con la schiena al mio letto. In questo modo, il mio amico aveva una perfetta visione del suo cazzo tra i miei piedi e il mio eretto e pronto per un'altra schizzata tra le mani di Luca.

«No, ti prego» mugolò lui quando i miei piedi si avvolsero intorno la sua asta scappellandola.

«Allora smettila di fare lo schizzinoso e dimmi cos'è che ti ha eccitato» gli intimai io mentre con il piede destro gli stuzzicavo le palle e con il sinistra la cappella.

«Dai, smettila» aggiunse lui, ma il suo bacino continuava a muoversi e a dire invece di non smettere.

«Confessa!» esclamai io su di giri, strofinando le piante tra di loro in modo che la sua cappella venisse torturata in senso orario e antiorario.

«Entrambe, entrambe le cose» urlò Mario, ma non in tempo.

Afferrati i miei piedi con entrambe le mani, cominciò a fotterseli e, ansimando pesantemente, in men che non si dica sborrò tre fiotti di seme che inondarono il mio pene e la mano di Luca che lo segava, mischiandosi al mio. Crollando di fianco a terra, ci maledisse, ma poi rise. E noi non esitammo a ridere con lui.

«Ora però tocca a me» fece Luca, che nel lasciarmi il cazzo mi aveva dato una massaggiata anche alle palle. «Inventatevi qualcosa».

«Mi pare facile» dissi io, riprendendo a masturbarmi lentamente, arrapato da tutta quella buona volontà. «Luca ha fatto sborrare me, io ho fatto sborrare Mario e ora Mario fa sborrare Luca».

Mario fece una faccia dubbiosa all'inizio, ma presto comprese che era giusto così e annuì.

«Ma come dovrei fare?» chiese lui con indecisione e forse un po' di imbarazzo, ma subito intervenni io.

«Vieni a metterti qui» gli ordinai io indicandogli il punto del tappeto davanti a dove stava seduto Luca.

Quando Mario eseguì, io feci in modo che si sedesse a gambe aperte davanti a Luca, anche lui a gambe aperte, e gli dissi di avvicinarsi finché le sue mani non fossero state in una posizione comoda. Quindi mi misi alle spalle di Luca, facendolo poggiare per metà sul mio petto e per metà sul materasso.

«Ora tu, Luca, chiudi gli occhi e tu, Mario, segalo».

Mario prese tra le mani il grosso cazzo dell'amico, che era eretto e duro come un palo della luce e pulsava come dovesse sborrare da un momento all'altro, e iniziò a segarlo: la sinistra ferma a metà asta e la destra sulla punta. Luca iniziò subito a mugolare e a leccarsi le labbra, mentre ad occhi chiusi si godeva le mani dell'altro e muoveva il bacino per seguirne il movimento. Dalla mia posizione vedevo tutto perfettamente e ci misi del mio quando cominciai a stuzzicare con le dita i capezzoli di Luca, cosa che sapevo di suo gradimento.

«Oh dio, più forte» ansimò Luca allargando ancora di più le gambe mentre si passava le mani dovunque.

Mario aumentò il ritmo ed era evidente che cominciava anche lui a prenderci gusto almeno quanto me, che con la sinistra mi segavo il cazzo unto di sperma mio e del mio amico, e con la destra titillavo i capezzoli di Luca o gli massaggiavo le palle.  

«Voglio sborrarmi sul petto, fammi schizzare sul petto!»

E Mario piegò leggermente il cazzo che aveva in mano verso il suo proprietario  per aumentare quindi il ritmo e dare i colpi finali

«Ecco, sto venendo. Sto godendo!» gridò Luca riaprendo gli occhi e agitandosi forsennato, sconquassato dall'orgasmo

Grugnendo di piacere e muovendosi, schizzò tre corposi fiotti di sperma proprio dove aveva chiesto. Tranne l'ultimo che, data la posizione un po' scomoda, finì dritto addosso a me: lo sperma di Luca era caldo, e si mischiò con il mio e quello di Mario.

Ansimanti, sudati e unti di sperma, ci dividemmo per ricomporci e pulirci, ma ancora non ci rivestimmo. Mario e io eravamo di nuovo arrapati: i nostri cazzi erano eretti e duri, potevamo ancora andare avanti. Neanche Luca pareva soddisfatto quando andò in bagno lasciando la porta aperta in modo che potessimo vederlo scappellarsi e mettersi una mano sul culo nudo, per fare una lunga pisciata. Io intanto, datami una pulita, cambiai porno e misi il video di una ragazza intenta a fare un oil massage a un'altra seminuda su un lettino, che ovviamente sarebbe finito in dita nella figa e sesso lesbico.

«Porca puttana, guarda quanto ce l'ho duro» si lamentò con voce eccitata Mario mentre aspettavamo Luca, sedendosi di nuovo accanto a me e sbatacchiando il cazzo contro la mia coscia. 

Io, che provai un brivido quando sentii il suo cazzo durissimo e la sua coscia pelosa accarezzarmi la gamba, ormai libero da ogni freno inibitore, allungai una mano e glielo tastai energicamente, per poi massaggiargli le palle e scappellarlo, prima di dargli due colpi di sega. Leccandosi le labbra e lasciandomi fare, Mario socchiuse gli occhi e si tenne ferma l'asta affinché io continuassi con più comodità.

«È vero, sei proprio arrapato» replicai io tornando a masturbarmi più eccitato di prima; quando poi anche Luca usci dal bagno e tornò a sedersi, chiesi: «Vi va di farlo ancora?»

Ovviamente, mi riferivo al farci venire a vicenda e i miei due amici, che capirono, accettarono immediatamente.

«Allora, fate come vi dico senza lamentarvi!» esclamai io, sbavando felice che avessero accettato.

Feci sedere Mario sul letto, con il sedere al limite del bordo e a cosce aperte. Io e Luca ci sedemmo uno di fronte all'altro a terra con i bacini il più vicino fosse permesso dalle nostre gambe spalancate, e avvolte intorno al sedere dell'altro. Messi in questo modo, il mio cazzo e quello di Luca erano a due centimetri di distanza l'uno dall'altro, e lui parve gradire molto la posizione visto che gli divenne duro a vista d'occhio, mentre quello di Mario stava così vicino al nostro viso che quando se lo scappellò riuscimmo a vederne ogni dettaglio della sua punta nei minimi particolari.

«Porca troia, iniziamo che ho le palle pronte» ansimò Luca.

«Dici queste palle?» replicai io ridacchiando, massaggiandogli i testicoli con una mano e scappellandogli il cazzo che avevo cominciato a stringergli, mentre lui mugugnava il suo assenso.

«Ehi, c'è anche il mio cazzo» si lamentò Mario facendo strusciare le sue gambe sulle nostre schiene.

Luca non si fece pregare: prese con una mano il cazzo che stava tra le nostre facce e iniziò a segarlo, facendo mugolare Mario. Io diedi il colpo finale: avvicinando il mio bacino a quello di Luca, misi i nostri cazzi caldi e duri a contatto in modo che riuscissi a segarli entrambi contemporaneamente, quindi poggiai la mia faccia sulla coscia pelosa di Mario così che il mio respiro eccitato gli stuzzicasse le palle e il mio naso gli toccasse l'asta. L'effetto fu immediato: respirando ancora più affannosamente, Luca cominciò a muovere il bacino per aumentare il ritmo della sega e Mario mi mise una mano sulla testa per spingerla più a fondo verso la base del suo cazzo.

Rimanemmo in questa posizione per alcuni minuti, commentando di tanto in tanto la situazione.

«Porca puttana, te lo ficcherei in bocca se fossi una ragazza» mi fece Mario muovendo il bacino per accelerare la sega di Luca.

«Io non mi lamento» disse invece Luca ansimante e incapace di togliere gli occhi dal mio cazzo che si strofinava con il suo. «Le mani di un altro sono così calde che sembrano una figa».

«E sapete che vi dico?» replicai io sull'orlo dell'orgasmo per quella situazione eccitante. «Che sto per venire!»

Tuttavia, non ero l'unico. I respiri di tutti e tre accelerarono d'improvviso a quella notizia, gli ansimi eccitati divennero quasi dei grugniti e dei guaiti di piacere, finché non giungemmo all'orgasmo contemporaneamente: gemendo insieme, lo sperma di tre cazzi eccitati iniziò volare e, mischiandosi in aria, ricadde comprendo i nostri corpi nudi.

Mario schizzò un fiotto bianco di fronte ai nostri occhi e Luca, che gli teneva l'asta, lo fece venire sul suo petto; il mio orgasmo unito a quello di Luca ricoprì completamente di sperma i nostri due cazzi allacciati insieme, finendo anche sulle mie mani; e come degno finale, Mario, che aveva le mani libere ed era ancora in preda all'orgasmo, dopo aver sborrato su Luca, accompagnò la mano dell'amico che gli teneva il pene verso il mio viso e mi ricoprì la faccia di sperma tenendomela per la nuca, mentre anche Luca, che evidentemente non voleva essere da meno, si riprese il cazzo e terminò il suo orgasmo sul mio petto. Io completai l'opera schizzando altri due fiotti di seme su di me.

Ansimanti e sudati, io ricoperto più di loro del nostro sperma mischiato, senza che questo mi desse particolare fastidio, potemmo infine rilassarci e ci risedemmo l'uno accanto all'altro, i nostri corpi ancora completamente nudi e a contatto.

«Domani alla stessa ora?» chiesi io.

«Sì» risposero all'unisono Mario e Luca.

 

 

Per commenti, idee o altro: Andrea Sada (Twitter, Skype); email000a@virgilio.it

Anche io da qualche mese faccio la stessa cosa con un mio amico di sempre, siamo sposati entrambi, x il momento siamo arrivati a segarci reciprocamente
Molto ma molto ECCITANTE! Bravo. È una situazione molto intrigante, ed al solo immaginarla mi viene il cazzo di marmo...fortunato te Andrea...

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.