SEsSOLOFOSSE - Capitolo 1, Silvia

  • Scritto da TicToc Heel il 26/03/2021 - 19:06
  • 855 Letture

"Puoi restare qui con me questa notte!" disse un angelo dagli occhi azzurri, mentre usciva dal bagno avvolto da un soffice asciugamano bianco, aveva appena fatto una doccia calda. Lui la vedeva così per quanto la riteneva bella, capelli di color biondo dorato, un corpo invidiabile. Una scultura classica scolpita nel marmo da quanto la vedeva perfetta fisicamente. La sua pelle liscia, l'aveva sentita più di una volta sotto i polpastrelli, lo faceva impazzire, aveva sentito più volte quel corpo essere percorso da forti brividi e fremiti.

"Se non hai da soddisfare qualcun'altra ovviamente", lo provocò sorridendo maliziosa sedendosi ai piedi del letto. Lui stava indossando di nuovo i boxer prima di andare in bagno per fare una doccia come l'angelo che l'aveva preceduto.

 

La camera in cui si trovavano era grande a sufficienza per ospitare un letto matrimoniale con i comodini dai quali spuntavano dei piccoli faretti led di colore blu, tutta la luce diffusa nella stanza aveva quello stesso colore, dava quella sensazione del 'vedo non vedo' ad un occhio abituato alla classica luce bianca che entrava in quella camera, era sufficiente un attimo di adattamento della vista e tutto tornava visibile. Accanto al letto un ampio armadio a due ante a specchio che riflettevano il letto stesso e la finestra che stava sul lato opposto. Attraverso la tapparella abbassata e le tende chiuse filtrava la luce del lampioncino esterno di forma sferica che illuminava chiaramente il numero 22, che distingueva il numero della stanza, stampato in rosso sul vetro che avvolgeva una forte lampadina.

Sul pavimento una moquette che solo alla luce bianca del bagno sembrava grigia, alle pareti una curiosa carta da parati di colore carta da zucchero.

Ai piedi del letto e addossato al muro si trovava un tavolino in mezzo a due poltroncine che stringevano il passaggio in quel punto. Sul tavolino, un grande televisore acceso sul quale scorrevano delle immagini di qualche film a luci rosse. Non era d'interesse per i due ragazzi presenti nella stanza, l'avevano trovato acceso al loro ingresso insieme alla luce blu diffusa nella stanza. Sul tavolino davanti al televisore, un depliant dell'albergo che illustrava tutti i servizi del motel era appoggiato su un posacenere, usato come soprammobile probabilmente, anche se quasi ovunque c'era indicato il divieto di fumare.

Sempre sul tavolino c'erano appoggiate delle banconote, era chiaro che non era una perché nonostante la luce soffusa ce n'erano almeno tre da cinquanta euro.

 

"Sai che non mi devi niente!" le ricordò il ragazzo andando verso il bagno incrociando lo sguardo della ragazza. Se lui vedeva la ragazza come una dea, lei guardava lui come se fosse l'unico uomo al mondo. Alto quasi due metri agli occhi della ragazza aveva il fisico ben scolpito, non da palestrato dove i muscoli esplodono al primo movimento, c'erano, eccome se c'erano, ma modellati nel modo giusto, la regola del non troppo in un senso o nell'altro. Perfetto pensava lei vedendolo come mamma l'aveva fatto. Complimenti alla mamma, aveva avuto modo di fargli notare qualche volta.

Erano stati in un'enoteca prima di dirigersi al motel, una cena poco impegnativa, a loro piaceva così, quasi come una sorta di rituale che anticipava la serata. Intima e grande al punto giusto per ospitare i clienti senza però essere intasata dalle persone e dalle loro voci che, verso la fine della serata, grazie al vino, si alzavano di volume inconsapevolmente dando spesso fastidio agli altri commensali.

 

Lei gli sfiorò il braccio sorridendogli dolcemente, lui si fermò ricambiando con un bacio fraterno sulla fronte della ragazza seguito da un sorriso altrettanto dolce. Andava matto per quegli occhi azzurro cielo luminosi nonostante la luce soffusa.

"Vorrei che non ti facessi la doccia" disse lei quando si rialzò dopo aver ricevuto il bacio sulla fronte. La guardò incuriosito da quell'affermazione, era la prima volta che diceva una cosa simile. Spesso capitava che prima di salutarsi la facessero insieme.

"Sai che adoro sporcarti con le mie scarpe" spiegò la ragazza sorridendogli maliziosamente sentendo dentro di lei un po' di quella voglia che l'aveva animata da quando si erano incontrati per la cenetta. Lui si fermò guardandola, pendeva dalle sue labbra come sempre e non sapeva cosa doveva fare.

Proprio da quando frequentava quel ragazzone, l'idea di sporcarglielo con le suole la faceva eccitare e ora il pensiero che andasse a casa con il pene ancora sporco la faceva sentire ancor più dominatrice.

"Mettiti a terra!" ordinò decisa. Sì, quando erano soli e in situazioni particolari lo faceva spesso e a lui questa sua autorità lo faceva impazzire.

"Ho ancora voglia di schiacciartelo!" spiegò le sue intenzioni. Non che ci fosse necessità di una qualsiasi spiegazione, era un ordine e non poteva far altro se non eseguirlo. Si abbassò i boxer e si sedette a terra con la schiena appoggiata al muro subito dopo la poltroncina. Divaricando le gambe proprio davanti a alla sua dea che aspettava seduta sul letto.

Dopo essersi scambiati uno sguardo, lui aveva abbassato lo sguardo sui candidi piedini numero 38, vide il passo che li avvicinò proprio dove si era seduto. Non aveva nemmeno notato che si era alzata. Il pensiero di averli ancora una volta su di lui lo eccitava.

Senza indugiare oltre la ragazza salì con entrambi i piedi su quella che si stava trasformando in erezione in attesa soltanto che ci fosse quel contatto.

Come tutto il resto del corpo anche quei piedini erano la perfezione ai suoi occhi, i suoi talloni tondeggianti stavano infierendo sulla sua erezione come in una marcia regolare, sapeva fin troppo bene che quel movimento dalla base del suo pene verso il glande era la sola preparazione che lo portava alla massima eccitazione.

Lei amava schiacciarglielo in particolare la cappella, lo faceva con tutta la forza che poteva, usando il tallone la sentiva ancor meglio compressa sotto il suo peso, si eccitava a farlo, andava oltre l'eccitazione e a lui amava lasciarglielo fare, il suo accanimento, la sua passione, la sua forza e l'aspetto sadico del gesto lo faceva impazzire, come se solo la sua presenza accanto a lui non fosse sufficiente a farlo.

 

Come previsto, la marcia raggiunse il punto critico, il tallone era ben piazzato e con forza comprimeva la cappella contro l'addome del ragazzo sotto di lei. Lei si accorgeva facilmente quando i suoi movimenti con i piedi gli provocavano eccitazione, sentiva la sua erezione in continuo rigonfiamento, una specie di cartina tornasole di quanto gli piacevano quei movimenti che faceva con i suoi piedini. Non c'era niente di più facile per farlo eccitare, bastava anche solo sfiorargli quella parte con un piede, con o senza scarpe, per far partire l'eccitazione in lui, se poi glielo schiacciavi con i piedi, l'eccitazione avveniva più rapidamente.

Contemporaneamente, la cosa eccitava anche lei, e lui stesso, attraverso i suoi piedi sentiva il suo fremere di eccitazione, soprattutto quando infieriva proprio in quel punto del suo membro in erezione premendo con forza con il tallone.

 

Per lei era stato un sogno che maturava fin da adolescente, la sensazione di avere un ragazzo sotto i suoi piedi in attesa di un suo ordine al quale lui avrebbe dovuto obbedire senza discutere la eccitava, in seguito il suo desiderio sembrava diventare sempre più preciso. Passando dalla voglia di toccare le parti intime semplicemente con il piede, fino ad arrivare a volere schiacciare il pene di un ragazzo con tutte le sue forze, usandolo anche come zerbino per pulirsi le suole delle scarpe quando le indossava.
Ci aveva provato con i due ragazzi che aveva avuto nel corso del tempo, senza successo, consideravano la cosa poco gradita, puntando a ben altro del suo corpo. Certo, non avrebbe mai voluto limitarsi a quella sua passione con loro, avrebbe concesso anche altre parti del corpo, ma il modo in cui era trattata in molte situazioni in loro compagnia, a lei non piaceva. Aveva guardato siti dove parlavano di questa sua stessa passione imbattendosi in video, foto e articoli che la eccitarono e guidarono in quella passione. Fin quando non incontrò l'annuncio, tra i tanti presenti, al quale decise di rispondere.

 

Lui, similmente, aveva già da bambino, alle elementari, sentiva questo forte desiderio di stare sotto i piedini delle compagne di scuola. Capitava spesso che in auditorio, al termine delle lezioni pomeridiane, in attesa che passassero i genitori per portarle i figli a casa, scivolava sotto le poltroncine fino ad arrivare sotto a quelle delle compagne per farle spaventare, con il solo scopo di avvicinarsi ai loro piedi sognandoli in contatto con il suo corpo.
Nato come scherzo, era stato preso dalle quattro ragazzine coinvolte come divertimento, durante il quale tutte e di buon grado, gli mettevano i piedi addosso, molto spesso chiamandolo loro stesse ricreando quel momento, bastava una di loro iniziasse, in genere sempre la stessa bambina, forse più maliziosa delle altre, così che tutte le amiche facenti parte del gruppetto ne volessero approfittare. Ripensandoci era sempre la stessa bambina a iniziare ogni nuova esperienza di questo tipo.
Fu la prima a mettergli i piedi addosso, accontentando il desiderio nascosto che inconsapevolmente il gesto di strisciare sotto la sedia portava. La prima che restò in piedi sul suo corpo, la prima a mettergli i piedi con le scarpe in faccia, la prima a ordinargli di baciarle le scarpe che indossava, fu sempre la prima, ma non lo seppe in quel momento, alla quale leccò le suole per sentire quale sensazione si provasse nel farlo. La prima, ancora una volta, che forse inconsapevolmente, gli schiacciò il pene con i piedi, e fu sempre la prima che capì che si divertiva a farlo.
Il resto del gruppo di amichette non era da meno, non erano le prime, ma per imitazione seguivano l'esempio provando la stessa esperienza dell'amica imitandola nei gesti e nei movimenti. Fu con loro che ci fu la sua 'prima volta' e non accadde perché si toccò dopo il piacevole trattamento come potrebbe essere facile pensare, accadde grazie alle quattro ragazzine dividendosi come sempre i compiti, una gli stava in piedi sulla faccia, uno per lato del naso, due si dividevano lo spazio dal collo alla pancia e la quarta gli schiacciava l'erezione, ai tempi ancora nascosta dai pantaloni, ma pur sempre piacevole.
Quella prima volta, quel ragazzone ormai adulto, se la ricorda ogni giorno come se fosse avvenuta quello precedente.
Quella particolare combinazione e situazione nel tempo si ripeteva sempre più frequente, diventando probabilmente un gesto consapevole da parte della ragazzina di turno in piedi proprio in quel posto. Situazione che cambiava soltanto se le protagoniste sceglievano una parte del corpo diversa da calpestare per quell'occasione.
Quella volta, fu forse la concomitanza dell'ordine della 'solita' amica che gli ordinava di leccarle le scarpe che fece scattare il patatrac. Sentì l'eccitazione salire, la prima volta che avvenne così rapidamente, sentì come se il suo corpo volesse fare quel goccio di pipì, cercò di controllarsi, senza riuscirci perché qualcosa uscì, e non era quello che pensava, nemmeno sapeva potesse accadere qualcos'altro.
Passato quell'attimo in cui sentì quella sensazione tutto proseguì come niente fosse, anche le altre ragazzine divertite, a turno, se le fecero leccare per gioco scambiandosi di posto e lui non si tirò certo indietro dal farlo. Ormai riconosceva quella stessa sensazione, gli piaceva, senza pensare alla reazione che il suo corpo aveva ed era contento che quella stessa situazione si ripetesse, e lo voleva con tutte le sue forze.
Purtroppo, con il bel tempo l'attesa dei genitori avveniva in giardino facendo sfumare la possibilità di continuare con gli stessi giochi che ai cinque protagonisti piacevano tanto.
Ancora giovane e ignorante, non sapeva cosa fosse quella reazione, così come nemmeno le sue amichette seppero di averla provocata con il loro atteggiamento e i loro piedini. Lui sapeva che gli piaceva e questo gli bastava, fin quando l'anno seguente non accadde più, per tante ragioni o forse per nessuna, semplicemente non accadde, lui non s'infilò sotto le loro poltroncine e tantomeno loro gli chiedevano di farlo, qualcosa era cambiato, ma cosa?

 

Un annuncio li aveva fatti incontrare. Uno di quegli annunci personali che con l'avvento d'internet facevano incontrare delle persone con lo scopo di divertirsi sessualmente. Lui ne aveva letti alcuni scritti da altri utenti, chiedendosi perché non dovesse farlo anche lui. Scrisse un messaggio semplice, quasi innocuo, effettivamente non sapeva cosa scrivere per non essere troppo esplicito o peggio offensivo. Ne scrisse e riscrisse una decina, eccitandosi al pensiero arrivando alla più semplice delle frasi 'cerco una ragazza per starle sotto i suoi piedi', senza nome, senza numero di cellulare e senza indicare alcuna tariffa, che in gergo era celata con altri termini tipo: omaggio, regalino o rose.

Il messaggio ebbe parecchie visualizzazioni nel corso dei mesi rinnovandosi automaticamente ogni mese, probabilmente infiniti curiosi che come aveva fatto lui cercavano di capire come funzionasse la cosa e soprattutto cosa scrivere. Più passava il tempo meno si convinceva che ci fossero ragazze consapevoli che potesse essere un divertimento comune.

 

"Ciao mi chiamo Silvia, potrei essere interessata al tuo annuncio, mi piacerebbe saperne di più, grazie" era il messaggio con cui quell'angelo biondo aveva risposto al messaggio. Il primo ricevuto come risposta alla sua ricerca.

Rispose quasi subito alla mail cercando di misurare le parole e usando i termini meno volgari che conoscesse per farle capire il senso del messaggio. Si scambiarono molti messaggi cercando di capire entrambi cosa volesse uno e cosa l'altra. Già rispondendo alla richiesta della ragazza specificò chiaramente che non cercava sesso e che, in caso, non avrebbe avuto necessità di spogliarsi se non lo desiderava, l'unico a farlo se fosse stata d'accordo sarebbe stato lui.

 

Si scambiarono mail per quasi un mese, era chiaro che entrambi andavano d'accordo sul cosa sarebbe piaciuto fare ad entrambi in un eventuale incontro. Fu lei a fare il passo seguente, chiedendo un appuntamento l'indomani sera. L'adrenalina si diffuse su tutto il corpo leggendo quella richiesta. Si accordarono per un incontro, in un luogo pubblico per garantire la sicurezza della ragazza tanto quanto la sua.

Lei splendida, indossava abiti sportivi, con jeans maglietta e Nike ai piedi, lui allo stesso modo lo era agli occhi della ragazza. Non successe niente quella sera, imbarazzata lei, impacciato e impedito lui, passarono una serata in compagnia parlando di tutto escluso dello scopo dell'incontro, si scambiarono i numeri di cellulare poco prima di salutarsi con la promessa di scriversi tramite messaggio.

Entrambi salvarono il numero dell'altro utilizzando i nomi che avevano usato nelle mail che si erano scambiate, nessuno dei due conosceva il nome dell'altro con certezza, in rete si tendeva a nascondere le proprie generalità con pseudonimi o nomi inventati.

 

Ci volle un secondo incontro qualche giorno dopo, nell'auto della ragazza, prima che accadesse qualcosa riguardo all'annuncio. Mentre lui era pronto a qualsiasi cosa al cospetto di una così splendida ragazza, lei, al contrario, sembrava imbarazzata e timorosa.

Avevano trovato un posto appartato, dove fermarsi con il veicolo, una volta parcheggiati, si erano trasferiti sul sedile posteriore, appoggiando la schiena alle portiere si trovavano uno di fronte all'altra, in attesa che qualcuno facesse la prima mossa.

Fu lui che prese entrambe le gambe distese della ragazza appoggiandole su una delle due gambe, nonostante l'imbarazzo di quel momento lei lo lasciò fare.

"Posso?" domandò lei quella prima volta attenta al movimento che stava per compiere. Quella domanda e in quel senso non la fece più. Spostò i suoi piedi tra le sue gambe appoggiandoli dove aveva sempre desiderato metterli.

"Ti sporco i pantaloni!" gli fece notare qualche istante dopo che li aveva appoggiati. Un altro problema che dopo quella prima volta scomparve per sempre.

A quell'affermazione le aveva chiesto se volesse che abbassasse i pantaloni e i boxer, per sentire la sensazione che si provasse nel farlo, curiosità che lei stessa aveva confessato in una delle mail che si erano scambiati.

Lei si preoccupò se gli facesse male quando iniziò a spingere con i piedi con indosso le Nike spingendo sul suo pene nudo. Lui la rassicurò di fare quello che voleva, in caso contrario l'avrebbe fatto notare. Anche questo dubbio in seguito scomparve.

 

Presa dall'eccitazione con l'adrenalina in circolo si stava divertendo a schiacciarglielo strofinando le suole sul suo pene in erezione, presa confidenza con la situazione cercava un modo per farlo con più forza. Prima iniziò a puntare la schiena sulla portiera dietro di lei distendendo le gambe, mentre lui si opponeva con il bacino spingendo allo stesso modo. Più aumentava la pressione più lui stesso si eccitava.

L'azione muscolare durò poco, era una faticaccia per la ragazza soprattutto se voleva far durare la cosa per lungo tempo. Si voltò, sempre attenta a continuare a schiacciarglielo, appoggiandosi al poggia-braccio della portiera con le mani cercando di caricare il peso su quello che sentiva indurirsi sotto le scarpe. A gambe distese il suo sedere sfiorava il tettuccio del veicolo, lui scivolò più in basso con il bacino cercando di mettersi proprio sotto la spinta delle gambe della ragazza. La nuova posizione che avevano assunto era piacevole per entrambi, lei sembrava che gli camminasse lungo tutta la sua asta con una marcia regolare. Lui sentiva il peso della ragazza che lo eccitava sempre di più, era bello sentire quel peso comprimerglielo.

Lei cambiò ancora posizione, considerando che quella che aveva assunto la costringeva a tenere la testa verso il basso, era capibile che la dovesse cambiare dopo un po'.

Sistemò bene la punta dei piedi sull'erezione saggiandone bene la posizione, poi si accovacciò spostando il suo peso completamente sul pene incastrandosi contro il tettuccio.

Si lasciò scappare un sospiro eccitato di piacere, lei lo colse come un'autorizzazione a continuare e facendo forza contro il tettuccio aumentò la pressione schiacciandoglielo sempre più forte. Lui si trovava in un'estasi di piacere, lei anche, e non si accorsero che si era fatto tardi e che lei aveva passato l'intera serata schiacciandogli il suo membro duro.

 

Si salutarono senza troppe parole, tantomeno ce ne furono di dolci, era chiaro che a entrambi era piaciuta la serata, ma nessuno dei due l'aveva confessato all'altra. Lì per lì non fissarono altri appuntamenti, salutandosi abbastanza freddamente.

 

"Ti va se lo rifaccio ancora?" domandò lei tramite messaggio vincendo l'imbarazzo qualche istante dopo che si erano allontanati.

"Ogni volta che ti va di farlo" fu la risposta al messaggio sorridendo dentro di sé felice.

"Credo di avertelo sporcato con le scarpe" scrisse nel messaggio seguente accompagnando le parole a una faccina intimidita con le guance rosse.

"Anche quello, se ti fa piacere, puoi rifarlo quando vuoi!" rispose con l'emoticon che le faceva l'occhiolino.

"Fantastica esperienza" aveva scritto lui dopo di averle augurato la buona notte, non inviò mai il messaggio, anche se era chiaro che era stata magnifica per entrambi.

 

Nessuno sapeva niente dell'altro e nessuno interessava entrare nel personale, per loro era come condividere una passione che coinvolgeva entrambi mente e corpo. Non si erano posti problemi chiedendosi se l'uno o l'altra avesse una compagna, fidanzata o qualsiasi legame sentimentale con qualcuno, quello che c'era tra di loro non era niente di sentimentale, anche se con il passare del tempo una sorta di legame si era creato.

 

Mario, il ragazzo, abitava da anni in un camper van, l'aveva trasformato in casa sua e nel suo ufficio. Lavorava seduto sul divanetto sistemando video e foto acquisiti con le sue attrezzature per conto dei suoi clienti. Nonostante avesse un mezzo di trasporto come casa, si spostava agli appuntamenti con Silvia utilizzando i mezzi di trasporto oppure a piedi se trovava un posto abbastanza vicino dove parcheggiare il suo van.

 

I primi incontri si svolsero nell'auto di Silvia, già dopo il primo incontro qualcosa era cambiato, in meglio a parere di Mario. Innanzitutto, la ragazza aveva smesso di farsi delle domande sentendosi libera di sperimentare con lui ogni suo interesse, dava degli ordini, sottomettendolo al suo volere, lui non chiedeva altro e la lasciava fare.

Nei locali in cui s'incontravano, quando trovavano un tavolo appartato, iniziava a stuzzicarlo appoggiandogli i piedi tra le gambe suggerendogli di toglierlo dai pantaloni prima che le suole li sporcassero. Timidamente cercando di essere sempre circospetto la accontentava lasciandolo a disposizione delle sue suole.

Aveva lasciato a lui la guida dell'auto per dirigersi in qualche posto appartato per continuare nei loro giochi, e mentre lui guidava, Silvia, gli appoggiava i piedi sulle gambe, impaziente di giocarci con i piedi già prima di arrivare a destinazione.

 

Era chiaro che l'eccitazione provata da entrambi era da scaricare in qualche modo e fu Silvia a cedere al piacere per prima accusandolo simpaticamente di averla fatta bagnare. Benché si divertissero sui sedili posteriori dell'auto di Silvia, era chiaro che la cosa in qualche modo li limitava, fu lei che propose di andare in quello stesso motel dove si trovavano in quel momento, offrendosi di pagarlo lei stessa, iniziando da quel momento a lasciare una mancia a Marco per il disturbo. Dal primo giorno Mario li rifiutò, spiegando che non stava con lei per denaro, ma perché gli faceva enormemente piacere. Le continuava a darglieli e lui a rifiutarli, sorbendosi dei rimproveri e tranelli che lo costringevano ad accettarli.

 

Ancora una volta lei continuava a schiacciarglielo con forza lui guardava i suoi piedini al lavoro sulla sua erezione, incrociando di tanto in tanto lo sguardo con quegli occhi azzurri fantastici.

"Mi faresti qualche foto con il cellulare ai piedi mentre te lo schiaccio?" domandò Silvia eccitata dalla sua stessa proposta.

"Prometto che non le mando a nessuno" aggiunse subito dopo per convincerlo. Mario allungò la mano e raggiunse la poltroncina accanto a lui sulla quale aveva appoggiato i suoi abiti insieme al cellulare.

"Fin quando non ci sono i nostri volti possiamo anche mandarli a chi vogliamo!" gli fece notare lui, preparandosi a fare le foto in attesa di un suo consenso finale.

"Hai ragione, fammi anche dei video!" propose ancora lei. Iniziò a fare qualche foto, il flash era il segnale chiaro che ne stava facendo parecchie di tanto in tanto anche qualche video inquadrava i piedi e l'erezione stessa che cresceva.

"Potresti allegare queste foto al tuo annuncio" suggerì mentre era impegnata a schiacciare eccitata maggiormente dal fatto che stava immortalando quella scena.

"Se lo faccio i tuoi piedi sarebbero visibili a tutti" disse lui con un po' di gelosia mentre continuava a scattare foto.

"Beh, credo che ci sia ben altro sotto i miei piedi che resterà visibile a tutti" gli fece notare lei insistendo con il tallone sul glande del ragazzo.

"Voglio che mi spruzzi sotto i piedi e che filmi ogni istante" ordinò. Eccitarlo al massimo schiacciandoglielo fino a farlo scoppiare di piacere era il divertimento di fine serata. Aveva imparato a farlo utilizzando dei movimenti accurati dei suoi piedi abbinati alla risposta che aveva dalla sua erezione attraverso le sue estremità mentre lo calpestavano.

Era diventato il suo divertimento farlo godere schiacciandoglielo con i piedini, una soddisfazione alla quale lui cercava di trattenere per far durare più a lungo i giochi e il piacere della ragazza stessa. Al suo ordine non si poteva certo rifiutare, così qualche minuto dopo di abili movimenti le spruzzò sotto i piedi filmando e fotografando tutto.

"Ora li pulisci" ordinò alzando il piedino destro sporco dei suoi fluidi fino al volto di Mario infilandoglielo direttamente in bocca, mentre gli aveva sistemato l'altro sull'erezione continuando a schiacciarglielo.

"Puoi anche non filmare" disse ridendo come per prenderlo in giro considerando che la posizione attuale non gli consentiva di farlo.

La sua linguetta golosa s'intrufolava tra le dita di quello splendido piede che aveva in bocca. Ancora una volta l'accontentò, a lui piaceva leccare quello che lui stesso aveva prodotto dai piedi della ragazza, allo stesso tempo lei si eccitava parecchio nel farseli pulire. Sapendolo aveva imparato a usare la sua linguetta nel modo migliore eccitandola a tal punto di farla bagnare.

 

"Pulisci bene!" lo rimproverava con voce chiaramente eccitata, si sentiva come la sua padrona e lo era. Di tanto in tanto, come in quel momento lo rimproverava anche se il suo schiavetto faceva sempre bene il suo lavoro di pulizia.

"Mi hai fatto bagnare" l'accusò poco dopo eccitatissima. Qualche goccia scendeva lungo la sua gamba che la sosteneva, percorreva la coscia, soffermandosi sul ginocchio qualche istante come se la goccia stessa avesse bisogno di un aiuto per percorrere un altro tratto della gamba. Un'altra la raggiungeva seguendo lo stesso percorso spingendo entrambi lungo il polpaccio rallentando il loro percorso sulla caviglia e fermandosi definitivamente sull'erezione sottostante.

 

Non fu mai un problema già dalla prima volta che accadde, anzi era una scusa in più per lei per farsi ripulire con la lingua dal piede fino alla fonte di tale piacere ripercorrendo il percorso inverso che avevano fatto le gocce.

Costretto, senza nessuna fatica, a pulire bene anche da quelle parti, lei aveva pian piano approfittato della sua lingua prima e la sua bocca poi per divertirsi a usarlo in altro modo per il suo piacere e divertimento.

Dal canto suo, Mario, aveva imparato a stuzzicarla giocando con le sue parti intime con la sua lingua, stimolandola con abili movimenti fino a farle raggiungere il piacere, ripulendola da ogni cosa in seguito ripetendo il ciclo presumibilmente eterno.

Per entrambi non era mai abbastanza quel gioco, padrona e schiavo, qualsiasi cosa lei facesse durante i loro giochi, la eseguiva calpestandoglielo, in quel modo immaginava che lo avrebbe costretto a fare ogni cosa, in parte era vero, l'eccitazione che lei gli creava tramite i suoi movimenti con i piedini ovunque fossero gli facevano perdere la testa, lei a prescindere gli faceva perdere la testa.

 

"Ora pulisci bene" ordinò ancora una volta, buttando l'asciugamano bagnato sul letto dopo che Mario le leccò accuratamente entrambi i piedini sporcati dalla cremina uscita. Spostò il piede dalla bocca alla spalla e flettendosi sulla gamba avvicinò il bacino alla sua bocca lasciandolo lavorare ancora una volta con la lingua.

"Fino in fondo" insistette facendo passare la gamba dietro al suo collo serrandolo maggiormente a sé invitandolo a entrare in lei con la lingua più che potesse. Lui la stuzzicava all'esterno entrando come aveva ordinato, stuzzicandola sapientemente ricevendo quello che era per lui un ambito premio.

 Spesso lei stessa usava il viso dei Mario per masturbarsi strofinandosi contro vigorosamente fin quando non gli regalava lo stesso premio.

Quella sera dopo tre ore si era dichiarata esausta, per quanto riguardava Mario avrebbe continuato a farselo schiacciare per sempre, se fosse stato possibile, diciamo che nei suoi sogni c'era stato quello di vivere sotto i piedi femminili, aggiornato dopo l'esperienza con Silvia, immaginando di nutrirsi della loro crema e del loro nettare dorato.

Qualcuno avrebbe potuto pensare che la cosa potesse far schifo con tutti gli annessi e connessi, ma quando avvenne, l'eccitazione del momento non fece pensare a queste cose.

 

In quell'occasione Silvia gli si era seduta sul viso strofinandosi contro raggiungendo un forte orgasmo, che volle far colare direttamente nella bocca di Mario, l'eccitazione che ne seguì, stimolata dalla sua lingua del ragazzo dentro di lei, si fece scappare qualche goccia dorata nella bocca del suo schiavetto.

Si scusò subito imbarazzata allontanandosi, ma vedendolo ancora a bocca aperta in attesa del suo nettare, qualsiasi fosse, si sentì autorizzata a liberarsi completamente facendogliela direttamente in bocca. Lui bevve tutto senza obiettare facendosi scappare solo qualche sorso di quel liquido, era chiaro che la cosa, ancora una volta piaceva a entrambi.

 

Silvia usava il corpo di Mario a suo piacimento e quando voleva, lo usava togliendosi tutte le voglie che si accumulavano tra un incontro e l'altro. Questo rapporto particolare che avevano instaurato, piaceva molto a Mario, cercando di trattenersi fin quando non fosse lei stessa a ordinargli e a gestirgli l'eiaculazione. Se dovesse capitare in un altro momento lo lasciava fare, obbligandolo una seconda volta quando, come e dove lo volesse lei .

 

Per quella sera decisero di andarsene senza restare a dormire in quella stanza, e come sempre, prima di uscire o comunque prima di separarsi, gli ordinava di aiutarla a indossare le scarpe, con questa scusa glielo schiacciava ancora una volta sotto le suole, oppure aveva iniziato a farglielo infilare contemporaneamente al suo piede nella calzatura comprimendolo al suo interno. Purtroppo quello era l'ultimo gesto che condividevano a chiusura del loro incontro.

 

Silvia quella sera lo convinse a non lavarsi dallo sporco che le scarpe avevano lasciato sulla sua cappella quando all'inizio dell'incontro gliel'aveva calpestato usandolo come zerbino, e lo costrinse a prendere il suo compenso per la serata. Prima di uscire, Mario, prima di uscire dalla stanza, aveva inviato quel centinaio tra immagini e video che avevano fatto poco prima.

"Fantastiche, mi eccito solo al pensiero" confessò Silvia sfogliandole mentre le arrivavano sullo smartphone.

"Prometti che le alleghi al tuo annuncio?" domandò fiera di averle fatte. Ascoltò il suggerimento e aggiornò in sua presenza il suo semplice annuncio con alcune delle foto che con lei avevano selezionato come più adatte.

 

Usciti dal motel, lo accompagnò nello stesso punto in cui si erano incontrati qualche ora prima, non fece a tempo a fare cento metri che arrivò un messaggio vocale dalla ragazza.

"Sei fantastico!" due parole che gli avevano stretto lo stomaco nel sentirle pronunciare dalla ragazza.

"Se lo sono, è grazie a te!" rispose aggiungendo un cuoricino al messaggio.

Arrivato a casa, il suo camper van, si preparò per la notte lavandosi velocemente quando sentì l'arrivo di una mail. Distrattamente inserì il notturno allo smartphone così che chiunque avesse chiamato o scritto non avrebbe disturbato il suo sonno rimandando la risposta il giorno dopo.

Ciao e benvenuto nella nostra community degli autori e lettori erotici. Complimenti per il tuo primo Post e per l'alta qualità del tuo modo di narrare, apprezzo estremamente anche l'alta qualità evocativa e tecnica dell'immagine prescelta. Ti vorrei dare alcune indicazioni che potrebbero tornare utili o interessanti. Visto che il racconto si presenta in Capitoli, ti consigliamo di inserirli con il giusto spazio temporale per non "rovinare" la suspance ma nemmeno per annoiare con l'attesa, abbiamo registrato che uno spazio temporale di un paio di giorni è più o meno l'ideale. Ancora, se alla fine dei Capitoli vorrai vedere inserito il tuo lavoro in un contesto più completo e personalizzato, saremo lieti di annoverarlo nella sezione LIBRI & RACCOLTE, che troverai nel menù Racconti. Infine se ti farà piacere approfondire qualche argomento con un taglio più giornalistico o redazionale, saremo lieti di ospitarti, in Prima Pagina del nostro Blog di Amaporn, che viene anche replicato nell'intestazione di questo sito. Cordialmente, Giovanna Esse.
Ciao... ieri ho pubblicato l'ultimo capitolo di questa raccolta, cosa ne pensi?
leggo... Ciao

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.