Su mia madre - Capitolo 2

  • Scritto da giorgioca il 04/09/2021 - 13:03
  • 1.6K Letture

DISCLAIMER: La seguente storia è frutto della fantasia dell'autore. Tutti i personaggi sono maggiorenni.

 

Dopo quell’episodio accaduto a inizio estate le settimane successive passarono in sordina anche perché gli impegni lavorativi ci tenevano sempre spesso impegnati e inoltre io avevo una fidanzata, Carla, che quasi giornalmente mi svuotava le palle facendomi togliere dalla testa la cara mamma Elvira.

Un giorno, precisamente il lunedì a pranzo mi disse che era stata invitata al compleanno di una sua collega e che si sarebbe svolto presso una villa privata il sabato della stessa settimana. Era in crisi perché non sapeva cosa mettersi e soprattutto non voleva andarci sola in quanto dopo essersi divorziata da mio padre non aveva avuto nessun tipo di relazione, almeno da quello che sapevo io.

E-“Gio ti andrebbe di accompagnarmi al compleanno?”

G-“Mamma mi secca, non conosco nessuno e in più sicuramente Carla vorrà passare con me il sabato sera”

E-“Digli che non ci sei, fammi questo favore di accompagnarmi e non te ne pentirai”

Rimasi spiazzato da questa frase, dopo quello che la mammina mi aveva detto al termine di quella sega di qualche settimana prima pensavo che non ci sarebbe stata più la possibilità di avere contatti di quel tipo con lei.

Mosso dalla curiosità accettai l’invito non ricevendo nessun tipo di risposta alla mia richiesta di chiarimenti.

La sera successiva avevo cenato nella mia stanza fino a quando sento bussare; la porta si apre e rimango spiazzato. Davanti a me avevo una donna che da casalinga in vestaglia si era trasformata in una femmina da urlo. Aveva un vestito color porpora abbastanza attillato che le arrivava a metà coscia, il davanzale della sua quinta coppa C di seno messo in bella mostra. Si era anche truccata.

E-“Giorgio, amore ti piaccio? Pensavo di mettere questo al compleanno della mia collega”

G-“Mamma sei una figa da urlo, ti invidieranno tutti”

E-“Prova superata quindi?”

G-“Assolutamente si, inoltre truccata così sembri proprio una che vuole attirare l’attenzione”

Lei rise come fece quella volta prima di baciarmi, io mi alzai con il cazzo eretto che si intravedeva dal pantaloncino e le presi la mano facendola girare su se stessa. La abbracciai facendole sentire il mio cazzo duro sulla sua pancia. Questa volta volevo scoparla. Presi per alzarle il vestito, infilando la mano nelle mutandine, la troia era bagnata.

Siamo in piedi e ci stiamo baciando. Mi abbassa i pantaloncini e inizia  a menarmelo con la bravura che solo una Milf esperta come lei sa fare.

G-“Mamma ti prego, voglio averti mia, voglio scoparti”

E-“Giorgio… non possiamo… accontentiamoci di questo…”

Le fermo la mano e mentre provo ad indirizzare il cazzo verso la sua figa lei mi blocca le braccia e mi fa sedere sul letto.

E-“Amore di mamma non avrai la mia figa, però avrai queste tette che tanto desideri”

Le tolgo via il reggiseno in modo violento e le vedo davanti a me: due tettone bianche color latte con due capezzoli turgidi, da vera pornostar. Si inginocchia e inizia a farmi una spagnola facendo scomparire il mio cazzo eretto come non mai.

G-“Mamma, oh…. Quanto sei vacca, quanto mi stai facendo godere”

E-“Si amore mio, la mamma ti sta facendo godere”

Quelle tette continuano a fare su e giù, su e giù. Sento che sto per venire, quindi mi alzo con lei inginocchiata, prendo il mio cazzo in mano e inizio a menarmelo come un forsennato, lei con le braccia raccoglie quelle sue tette stringendole

E-“Giorgio, figlio mio vieni sopra di me, vieni!”

G-“Mamma, ti spruzzo, ti inondo troia che sei, ahh…ahhh!”

Parte così un fiotto di sperma che le sporca tette, viso e capelli.

Elvira si alza, mi bacia con lo sperma che le cola dalla bocca.

“Sabato ci divertiremo, te lo prometto”

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.