Una fantastica reunion

  • Scritto da BlackJack68 il 11/09/2021 - 17:25
  • 606 Letture

Francesco era di ottimo umore, come non gli capitava spesso. A Milano era un bel Sabato pomeriggio di sole, e in programma c'era una reunion che aspettava da un po'. Dopo una lunga estate avrebbe finalmente rivisto Federica e Alessandro. Era da più di tre mesi che non li incontrava, esattamente da quando era finito quel master durante il quale li aveva conosciuti.

All'inizio dei corsi, i tre ci avevano messo poco a fare amicizia. Francesco ricordava benissimo il primo incontro coi due. Con Federica, a dire il vero, non si era partiti benissimo. "È bruttina...": aveva pensato quando l'aveva vista entrare in classe la prima volta:"Che tette però..."

Aspetto fisico a parte, Federica era davvero intelligente, e lo era anche Francesco. Per questo i due si erano trovati subito, esattamente come con Alessandro. 

Di origini napoletane, Alessandro aveva messo in chiaro sin da subito una cosa:

"sono bisex, molto tendente al gay"

Lo aveva fatto per spiegare perché si era infastidito alla parola "finocchio" appena pronunciata da un altro compagno. E a Francesco e Federica questa cosa era piaciuta molto. 

Il Master era durato sei mesi, abbastanza per permettere ai tre di conoscersi fino a volersi bene quasi come vecchi amici. E il tutto era rafforzato dal fatto che non ci fosse nessun interesse da parte dei tre ad avere nulla di più di un amicizia. Francesco non provava nulla nei confronti di Giulia, bloccato dall' impressione avuta alla prima vista. Federica ricambiava il mancato interesse, mentre Alessandro dal canto suo vedeva entrambi come amici. Ogni tanto aveva provato a proporre Federica a Francesco:

"Dai, ma hai visto che tette che ha?" 

"Sì Ale, ma al momento sto pensando ad altre

Andava sempre così. E a Francesco, con queste "altre", andava sempre male. L'ultimo fallimento in termini di ragazze era arrivato non più di due settimane prima della reunion che sarebbe avvenuta da lì a pochi minuti. Ed è anche per questo che era assai raro in quel periodo vedere Francesco di buon umore.

Un buon umore che aumentò ancora di più quando ciò che aveva atteso per tanto tempo si concretizzó. I tre amici si rirovarono per il più classico degli aperitivi milanesi: bar a pochi passi dai Navigli, e chiacchere su tutto e di più, tra una cinquina di Negroni e un'altra di Spritz. Per tre ore buone Francesco era riuscito a non pensare a niente, nemmeno a quella collega che l'aveva mandato in bianco pochi giorni prima. 

Anzi. Anzi...

Durante la tanto attesa reunion era successo qualcosa di strano, o quantomeno ambiguo. A metà dell'apericena, Francesco aveva dovuto cedere al magico richiamo dalla toilette, un bagno unisex posto alla fine di uno stretto corridoio che, per comodità dei clienti, ad un lato aveva un lavandino sovrastato da uno specchio. Uscendo, si era trovato davanti Federica. Federica, in tutta la sua prosperosità. Francesco non sapeva bene cosa gli fosse preso, eppure era accaduto: strusciandosi davanti a lui nel tentativo di passare nel corridoio, l'amica aveva potuto benissimo sentire un palese principio di erezione, partito in poco meno di due secondi. 

E ciò di cui il ragazzo era ancor più sicuro era che Federica, nel sentire la sporgenza, avesse sorriso. A renderlo palese era stato lo specchio, parallelo alla sua zona erogena proprio nel momento del magico impatto.

Piccola sorpresa a parte, Francesco aveva più o meno volontariamente rimosso il ricordo dell'accaduto per il resto dell'incontro. E non ci pensó nemmeno nel momento in cui propose:

"Sentite ragazzi, sono le 22, è sabato, chi ci obbliga a finire qui la serata? Venite da me, mi dovrebbe essere rimasta qualche birra da prima dell'estate."

A Federica e Alessandro -non era la prima volta- sembrò che Francesco avesse letto loro nella mente. Quindici minuti in cima alla 500L della componente femminile del gruppo, e i tre si ritrovarono a ridere e chiaccherare nuovamente insieme in camera di Francesco, come se l'aperitivo non fosse mai finito. Ridere fin troppo, dato che ad un tratto a Federica partí una risata fin troppo fragorosa. 

"Cazzo, non vorrei disturbare il tuo conquilino"

"Tranquilla, non c'è, ha preso le ferie tardi"

"Ti lascia la casa libera per poterti divertire, eh?"

La battuta di Federica non era altro che una piccola provocazione. Eppure fece scattare qualcosa in Francesco, come se qualcuno avesse premuto un interruttore all'interno del suo inconscio.

"Anche lui pensa porti chissà chi, ma ad oggi devo ancora sfruttarla"

ammise senza troppi problemi. 

"Lascia stare" replicò Federica

"Ormai ho dimenticato anche come si fa"

"Bhe, se vuoi un partner con cui recuperare io sono qua"

In un brevissimo climax fatto di botta e risposta, l'atmosfera era passata da innocua a effervescente. Alessandro stava lì, seduto sul letto, senza realizzare cosa stesse succedendo, mentre i suoi ex compagni si guardavano negli occhi, seduti uno di fianco all'altra su due sedie poste al fianco della scrivania. Gli impulsi ormai stavano esplodendo. 

"Per me si può fare anche subito, ma Ale?"

Chiese Federica, in un ultimo tentativo di mettere alla prova la determinazione dell'amico. 

"Oh stai tranquilla, ad Ale lo spettacolo non dispiacerà"

Francesco ricordava tutte le volte in cui Alessandro gli aveva decantato e raccomandato le tette di Federica, nonostante preferisse solitamente compagni dello stesso sesso. Per questo, e anche grazie ai fumi dell'alcol, non fu tanto insicuro nel lanciare un'occhiata d'intesa all'amico, ormai ripresosi dallo shock iniziale. Senza nessuna sorpresa, Alessandro rispose con un sorriso di piena approvazione, muovendo in orizzontale il braccio testo come per dire:

"Inizi lo spettacolo"

E così Francesco alzò il sipario. O meglio, abbassó il sipario, una volta alzatosi in piedi. Un gesto spontaneo, che però fece capire subito ai due altri amici tendenti scopamici perché era valsa la pena arrivare fino a quel punto. 

Francesco, nel suo metro e settanta per settantacinque chili, non era né alto, né prestante. Eppure, aveva appena sfoderato un arma che, seppur non enorme, andava in netto contrasto con le dimensioni e le fattezze del suo fisico:

"Sono 18 cm, prende o lasc..."

Federica non lasciò nemmeno finire la battuta. 

Non era abituata ad andarci leggero, e in questo caso, con uno spettatore presente, non sarebbe certo stata da meno. Senza avere il tempo di compiacersi per l'improbabile conquista, Francesco si ritrovò la lingua di Federica sotto le sue palle, mentre il suo cazzo era totalmente infilato dentro alla gola della ragazza. Lei non arretrò la testa trattenendo il respiro per 5 secondi, quando si staccò, per cominciare a succhiare con una veemenza invidiabile anche per un cucciolo assetato. Era ancora seduta sulla sedia, mentre Francesco, toltosi pantaloni e scarpe, aveva appoggiato un piede sulla scrivania, per dare maggior spazio di manovra alla neo scopamica nella parte sottostante lo scroto.

Alessandro, da parte sua, se ne stava lì sul letto, con una faccia compiaciuta. Si era trovato in quella situazione in pochi secondi, era tutto totalmente inaspettato, eppure non gli dispiaceva. Anzi: era la libertà che aveva cercato per così tanto tempo, fuori da quella realtà di provincia fatta di menti chiuse e ottuse. Inizió a stuzzicarsi da solo l'interno coscia e il pacco da sopra i pantaloni, mentre Francesco "ordinava" a Federica alzandole la maglietta

 "Sgancia le bombe"

I preliminari non durarono tanto: entrambi i due scopatori non vedevano l'ora di infilare e di farsi infilare, e il modo in cui lui iniziò a sbattere lei ne fu la perfetta dimostrazione. Arrivato al culmine dell'eccitazione, Francesco tirò semplicemente giù pantaloni e mutande a Federica, per poi piegarsi in un piccolo squat, infilare l'arnese e cominciare a darci dentro mentre questa era ancora sulla sedia. Fisicamente, un lavoro da campione di cross fit, che durò infatti non più di un minuto. Finita la foga iniziale, Francesco decise che era arrivata l'ora di fare le cose per bene. Infilò tutti i suoi 19 cm con una scoccata da schermatore, disse all'orecchio di Giulia "stringimi le braccia attorno al collo", e dopo un secondo sollevò la ragazza senza sfilare neanche un centimetro. 

"Scusa Ale, ci presteresti il letto e andresti sulla sedia?"

Alessandro, che nel frattempo si era ritrovato ad accarezzare quello che sembrava un Calippo infilato sotto ai pantaloni, non se lo fece ripetere due volte:

"Uh si, subito!"

Ottenuto lo spazio del letto, Francesco iniziò a sfogare tutti i sei mesi astinenza, annullando pian piano anche quelli che aveva accumulato Federica. Dalla posizione in piedi si passò al missionario, e da lì alla ragazza che cavalcava l'amico mettendogli le tettone in faccia, in modo che quest'ultimo potesse stimolargli i capezzoli con la lingua. Entrambi godevano come matti, e il letto ballava come se un terremoto scala Apocalisse si fosse appena abbattuto sulla città meneghina. Arrivato al limite del fiato, anche a causa dell'enorme seno di Federica appoggiato sulla sua faccia, Francesco chiese alla ragazza di girarsi per dargli la schiena. Un secondo di pausa, che gli diede il tempo di vedere ciò che più si aspettava: Alessandro, culo e scroto appoggiati sulla sua sedia, aveva liberato il Calippo, e si stava godendo la scena nel pieno delle sue facoltà. 

"Ebbravo Ale"

"Ua Fra, parite duje pornostar, nun song riuscìt a resistèr"

"Ma se proprio non vuoi infilarlo, almeno fatti fare una spagnola, giusto Fede?"

"Giustissimo"

Rispose Federica, facendo ballonzolare i due meloni. Per sentire uno scontato "Ma sì, perché no" si dovette attendere due secondi, durante i quali Alessandro se ne stava seduto con la faccia da ebete e col cazzo ancora duro in mano. Ma poi, finalmente, intre amici si riunirono tutti e tre insieme, per davvero.

Ale si levò la maglietta e saltó sul letto con uno scatto fulmineo, finendo l'acrobazia col cazzo turgido che faceva su e giù a un centimetro dalle tette di Fede. Di spalle a Fede, sdraiato sotto di lei, Francesco, che muoveva in alto e in basso il bacino con un ritmo invidiabile, alzando l'addome solamente per stuzzicare il clitoride dell'amica. Fosse stato presente il conquilino, probabilmente avrebbe lasciato l'appartamento per sempre quella notte stessa. I tre non mugugnavano, ma urlavano di piacere, in un trionfo di lussuria

"SI FEDE FATTI SCOPARE"

"PIGLIALO MMOCC FE!"

"MAMMA MIA RAGAZZI CHE BELLO È"

L'equilibrio era perfetto: Francesco aveva finalmente potuto sfogare la sua voglia matta di sesso, scoprendo per altro l'importanza dell'intesa mentale; Ale aveva soddisfatto una volta per tutte il suo fetish sulle tette di Fede; Fede stava avendo di gran lunga la scopata più bella e matta della sua vita.

Fu Francesco, improvvisatosi regista della scena, a decidere il finale: aumentando il ritmo della scopata e del lavoro di dita, fece prima venire Fede, per essere sicuro che nessuna venisse lasciare indietro. Poi, nonostante gli fosse rimasta un po' di carica, si sfilò, per mettersi davanti alla ragazza e di fianco a Alessandro, per poi esclamare

"IO PUNTO ALLE TETTE"

Il significato, è inutile spiegarlo. In pochi secondi, il seno di Federica si trasformò nel bersaglio di due liquidator, che scaricarono tutto il loro carico praticamente in contemporanea. Anche da queste cose si riconosce l'empatia.

Colata l'ultima goccia di sperma dal cazzo di Ale, i tre si guardarono l'un l'altro. Sorrisero per qualche secondo, fino a quando Francesco disse "Questa si che è vera amicizia", facendo esplodere tutti in una fragorosa risata. 

Ciao e benvenuto, grazie per il tuo racconto, molto gradito! Ti preghiamo solo di arricchire, la prossima volta la tua storia con una immagine di copertina a tuo piacere. E' brutto vedere in prima pagina una storia identificata da uno scialbo quadrato grigio, non trovi? Reply Edit Delete

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.