UNA SISSY IN SCHIAVITÙ 5 - COME UNA TROIA

  • Scritto da Lorenza il 01/01/2022 - 09:48
  • 1.4K Letture

Essere scopato da tre uomini mi aveva eccitato molto. Eppure, il giorno seguente, mettendo a lavare il vestitino leopardato pieno di macchie di sperma e saliva, provai una certa vergogna. Negli ultimi tempi mi ero comportata da vera troia. Ero persa nei miei pensieri, quando qualcuno suonò al campanello. Andai ad aprire frettolosamente, si trattava di Mauro. Col suo solito modo di fare autoritario entrò in casa mia e afferrandomi per le guance, disse:

"Mi hanno detto che ieri sera sei stata una vera troia, complimenti, Francesco era entusiasta".
"Chi è Francesco?", chiesi un po' confusa.
"Ma come rispose lui – il panciuto che ti ha fatto il culo stanotte, probabilmente quello che ti ha insultata di più. È un po' sadico".
"Ha chiesto di me?", dissi con stupore.
"Sì, ma perché ti sorprendi? Sei una schiavetta niente male", affermò, ammiccando, Mauro.

A quel punto, lo stallone, visibilmente eccitato, strinse ancora di più la mano sulle mie guance e, con forza, mi spinse sul divano. Mi ritrovai a gambe all'aria (indossavo il mio abbigliamento casalingo: leggings neri e delle pantofole rosa col pelo che, a causa della spinta, caddero sul pavimento).

"Quando ti fingi innocente, me lo fai venire duro come il marmo – disse il maschione – peccato non abbia tempo per fotterti adesso. Francesco, se vuoi, ti passa a prendere domani sera alle 22. Va bene?".
Non dissi nulla perché temevo di farlo arrabbiare.
"Intuisco che va bene", disse, e se ne andò. Lasciandomi solo con le gambe ancora all'aria e il culo pulsante.

La sera del giorno successivo ero pronta. Siccome Mauro mi aveva detto che Francesco era un dominatore, optai per un trucco e un abbigliamento da bambola: abbondante fondotinta, ombretto rosa sulle palpebre, ciglia finte molto lunghe, blush rosa sulle guance, labbra a cuore, lentiggini finte per darmi un'aria fanciullesca, autoreggenti bianche, come la camicetta, tacchi plateau rosa in tinta con la gonna. Decisi, per l'occasione, di infiocchettarmi il cazzo con un nastro, sempre rosa.

Infine, indossai un trench in pelle rosa shocking e andai ad aspettarlo sotto casa. Un Suv mi affiancò e salii. Il mio fottitore indossava un completo grigio e, per la prima volta, notai che assomigliava, in viso, al primo ministro ungherese Viktor Orbán. Il maschione, come immaginavo, fece una serie di commenti sarcastici:

"Mauro mi ha detto che sei uno studente, ops, studentessa universitaria. I tuoi genitori ti credono una brava ragazza".
"Sì", risposi.
"Potrei essere tuo padre", disse lui.
"Lo so e la cosa mi eccita", controbattei con aria maliziosa.

Arrivammo a casa sua, un villino in una rinomata zona residenziale. Mi tolsi il trench e Francesco iniziò a schiaffeggiarmi chiamandomi "troia" e "puttanella". Mi sbattè contro il muro e mi disse di tirare fuori il "cazzetto". Quando vide il fiocco si mise a ridere:

"Non so se mi fa più ridere il fiocchetto o le dimensioni. Sei proprio una checca". Poi, iniziò a darmi degli schiaffi al cazzetto e a pizzicarmi le cosce. Per farlo eccitare emisi dei gridolini e con una voce in falsetto dissi: "non mi fare male". La cosa, ovviamente, lo eccitò ancora di più e a quel punto mi chiese d'inginocchiarmi e di slacciargli i pantaloni. Cosa che feci con studiata lentezza.

Mi trovavo genuflesso sul tappeto di un salotto, tra le cosce di un uomo leggermente sovrappeso. L'ennesimo al quale mi sarei sottomessa con godimento.

Francesco mi chiese di tirargli giù i boxer con la bocca. Cosa che feci immediatamente, portandoli fino alle caviglie. A quel punto, mi afferrò la nuca e mi premette il viso contro i coglioni gonfi, dicendo: "annusami le palle, mignotta". Poi, mi schiaffò il cazzo in gola, spingendolo in fondo e facendomi lacrimare. Lo estrasse e iniziò a sbattarmelo sulla faccia. Me lo rimise in bocca, tenendolo premuto contro la parte interna di una guancia e disse:

"Ripeti: mi piace il cazzo, scopami papà". Ripetei la frase; poi mi chiese di dire: "sono una puttana senza dignità" e di nuovo replicai la frase, che uscì strozzata per via del cazzo nella bocca. Ancora più infoiato di prima, riprese a sbattermi con violenza la cavita orale. La saliva colava schiumosa e il trucco, che avevo preparato con cura, si stava disfacendo. Francesco mi venne sul viso, schizzandomi tutta la faccia di sperma –  una goccia mi colpì in pieno occhio destro –, poi ringhiò:

"Non ho finito con te, zoccola". Mi afferrò per i capelli, corti ma prensili, mi sollevò e con un calcio in culo mi disse di andare in fondo al corridoio, nella sua camera da letto. Lì, con strattoni e schiaffi, mi mise una paio di manette, una ball-gag e mi fece collocare "a pecorina". M'infilò nel culo delle palline anali. Lo fece con lentezza, facendomi godere. Se il mio ano ne respingeva una, lui la spingeva dentro insieme a mezzo dito indice. Nel frattempo, con un frustino mi dava dei colpetti sui coglioni, chiamandomi "finocchietto" e "femminuccia".

Stancatosi di giocare col mio buchetto e la palline, passò alla penetrazione vera e propria, durante la quale non smise mai di ripetere frasi come "ti riempio di sborra". Dopo l'inculata, lo sentii armeggiare alle mie spalle, poi avvertii una scossa attraverso il retto e la pancia. Emisi un verso simile a uno squittio e caddi in avanti. Francesco mi aveva messo nel culo una bacchetta elettrificata, di quelle che, a volte, si vedono nei film porno. Eccitato dalla mia reazione, mi diede la scossa sulle gambe, i capezzoli e sul cazzetto. La sua minchia era tornata dura. Mi tolse manette a ball-gag e mi chiese un nuovo pompino, che gli feci con piacere.

Pochi minuti dopo mi stava riaccompagnando a casa. Arrivati a destinazione, contro ogni mia aspettativa, mi mise in mano una banconota da cento euro e quasi mi spinse giù dall'auto. Non ero andato da lui per soldi né avevo intenzione di chiederli. Averli ricevuti, come una vera puttana, mi soddisfò. Entrai in casa ed ero distrutta: le gambe mi dolevano, il culo mi bruciava, la bocca era irrigidita, la camicetta lacerata. Ma come sempre ero felice.

E le parti precedenti dove si possono leggere ?
Nella sezione racconti di Amaporn. https://www.amaporn.com/members/222017/
Stupendo, incontrassi io un uomo così, diventerei la sua serva/troia, sempre pronta all'uso. 💋💋💋💋💋💋💋 Bai Lory trav cagnetta
Grazie 😘😘😘

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.