Il nonno mi fa la mattina

  • Scritto da italsex il 01/06/2020 - 06:55
  • 16.2K Letture

Quando avevo 16 anni ero molto vivace,si dice così.
Stuzzicare ma facendo finta di nulla era il mio piacere. Mio nonno era uno che in gioventù ne ha combinate tante e un giorno scopri che prendevo la pillola.
Da quel giorno notai che casualmente mi toccava ,io inizialmente pensai che era un caso ma poi un giorno capi che non lo era. Arrivo mia zia e porto mia nonna in ospedale per delle visite , io restai a casa con mio nonno, andai in camera mia ,era da un bel po' che vivevo con loro perché di notte non si sentivano sicuri.
Andai in camera per sdraiarmi e lui aspetto una mezz'ora e poi venne in camera mia,io lo senti ma feci finta di nulla. Entro sì avvicinò e sposto il lenzuolo, io dormivo con una semplice maglietta e slip, lui mi guardo e poi inizio ad accarezzarmi .
Pensavo ma cosa gli è preso per fare questo ,mentre lui mi toccava sempre più intimamente,senti che si slaccia a i pantaloni e se li abbassava ,io rimasi immobile,non sapevo cosa fare e dire. Lui si mise vicino e si iniziò a strusciare, sentivo che era eccitato , ma non sapevo cosa pensare ad un tratto disse tutto lui.....
Lo so che sei una troietta e prendi la pillola dunque adesso ti voglio ...non fini di parlare che mi entro dentro, inizio a toccarmi più forte e baciarmi ,mi disse..... apri gli occhi e godi con me adesso.....
Cosa potevo fare ....sentiva il mio corpo caldo e la mia figa bagnata...non avrei potuto dire che non mi eccitava. E lo lasciai fare era eccitatissimo e il suo pene mi entrava ed usciva con forza.
Lui sembrava impazzito fino a che mi disse ....questa è solo la prima volta ti verro a cercare ancora ....e spinse dentro tutta la sua sborra.
Si alzò e se ne andò contento perché aveva scopato quella troietta della sua nipotina. E così continuo per molto tempo.


2
Ogni occasione era buona per mio nonno, vivendo con loro tutto era più facile per lui. Ogni scusa ,ogni pretesto era buono per lui per allungare le mani sul mio corpo.
In quel periodo frequentavo un ragazzo che mi faceva impazzire, mi scopava continuamente e mio nonno se ne accorgeva sempre quando rientrando ,mi guardava e faceva un sorrisino come per dire .. ti ha scopata...
Un pomeriggio dopo essere stato con il mio ragazzo ed aver fatto sesso,tornai a casa,mio nonno era solo in casa e appena apri la porta si avvicinò subito.
...ti stavo aspettando...ed io dimmi che succede....lui succede che ho voglia....sì avvicinò e inizio a slacciare la camicia e a succhiarmi i capezzoli....mi disse hai appena finito di scopare con lui ,adesso tocca a me....
Dentro di me pensai che mi aveva preso per una puttana..... Restai lì e gli concessi di passare con le sue mani tra le mie gambe.
Continuava a dirmi cose che mi lasciavano immobile e lui sapeva che così io non mi sarei opposta e continuava. Mi levò gli slip e mi fece sedere con le gambe aperte e si inginocchiò, sentivo la sua lingua entrarmi dentro, non riuscivo a dirgli di smettere, perché mi piaceva .
Pensavo al mio fidanzato che mi faceva godere e mi eccitava il sentire mio nonno che me la leccava con gusto. Senti la voglia di godere e non riuscì a trattenermi , gli presi con le mani la testa e gliela strofinai forte e venni forte. Lui mi disse subito....sapevo che ti sarebbe piaciuto sei una troia....
Si abbassò i pantaloni mi mise a 90 e inizio a farmelo sentire,ogni colpo mi diceva che ero una troia, una puttana e più faceva e più mi piaceva ,ad un tratto senza neanche dirmelo mi sborra tutto dentro .....
Si alza e mi dice vai a lavarti tua nonna e tua zia stanno arrivando, prendo gli slip e mi da dei soldi in mano....lo guardo e mi dice li hai guadagnati... Lì presi e me ne andai nella mia stanza ,guardai quei soldi e mi senti usata ,ma mi era piaciuto come la prima volta.


3

Andare a vivere da sola è stato un grande passo, nonno non era molto contento perché ormai quasi tutte le mattine,aveva trovato la scusa che veniva a svegliarmi e ne approfittava, visto che le camere erano al piano superiore.
Il suo risveglio era sempre lo stesso,entrava spostava le coperte e metteva la sua lingua tra le mie gambe , con le sue dita spingeva fino a quando non godevo ,leccava e se ne andava , tranne qualche volta che mi apriva le gambe ed entrava dentro con il suo cazzo , mi sborrava ,ma la differenza era che in quel caso poi trovavo la mancia sul comodino.
Ma comunque dovevo andare il lavoro era scomodo e desideravo provare altre cose .
Promisi comunque che di tanto in tanto sarei andata a trovarlo così si poteva liberare.
I primi giorni furono un po' stancanti avevo un po' di cose in una casa e un po' nell' altra, ma la cosa che mi mancava nella nuova casa era godere alla mattina. Dunque con la scusa che non era ancora tutto a posto , spesso dormivo dai nonni.
Con la felicità di mio nonno, che pensava lui al mio risveglio. L ultima , diciamo, mattina e poi non avrei più avuto molte altre scuse se non ogni tanto per aiutarli, mio nonno arrivo in camera sposto le coperte mi apri le gambe e con mia sorpresa senti una cosa molto rigida penetrarmi... Come sempre non apri gli occhi e lo lasciai fare quello che gli piaceva, inizio a leccarmela e sentivo questo oggetto entrare ed uscire, mi sentivo caldissima e un grande piacere, spingeva sempre più profondamente fino a quando apri gli occhi e mi abbandonai ad un grande orgasmo .....
Mio nonno fiero mi dice ... buongiorno ti ho comprato un giocattolo così se la mattina non c'è nessuno che ti risveglia lo puoi usare ..
Senti che era eccitato e che aveva voluto pensare solo a me, gli slacciai i pantaloni e gli sali sopra ,lui non si sarebbe mai fatto fare un pompino, ma sapevo che una sborrata nella mia figa la avrebbe gradita, allora mi spogliai del tutto e lasciai che mi mordesse e leccasse,fino a quando senti il suo orgasmo entrare e lui fermarsi contento tra le mie tette

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.