L'uomo di casa

  • Scritto da italsex il 15/06/2020 - 09:00
  • 3.3K Letture

BEA, la mia ragazza, ha una zia: Concetta.

E la storia è andata così.

Cerco di non ripetermi troppo, ma Zia Concetta è la zia cinquantenne di Bea la mia ragazza, che viveva nel suo stesso appartamento con tutta la famiglia, dopo circa un anno che frequentavo quella casa, già mi ero scopato Barby la sorellina…storia già scritta…ed una volta, con Zia Concetta avevo avuto un rapporto orale devastante….non tanto per quello che aveva saputo tirare fuori dal mio uccello ed ingoiare, quanto per la frase che mi aveva lasciato inebetito….. La frase era questa “ DA OGGI SEI IL MASCHIO DI CASA, MI PUOI CHIEDERE TUTTO QUELLO CHE VUOI ..E SE NON LO CHIEDI TU, TE LO FACCIO IO…..”

Certo, una frase di questo genere detta dalla zia matura della propria ragazza, per un ragazzo di 19 anni…era una manna dal cielo, ma a me puzzava di guai…

  • Ciò premesso….-

Una sera eravamo in casa Io Bea e Zia Concetta, Noi facevamo i fatti nostri nel salone e la zia per conto suo era in cucina a preparare qualche manicaretto.. Noi ascoltavamo musica, io suonavo qualcosa e Bea cantante semi professionista …cantava appunto, ma sai come succede…!? Tra una canzone ed un’altra ci sbaciucchiavamo ci toccavamo e finimmo sul divano…. Quando facevamo l’amore…e noi scopavamo alla grande, non guardavamo in faccia a nessuno, mi hanno tirato non so quante volte su per il colletto della camicia perchè facevamo sesso sui divanetti delle discoteche…ecc.ecc… Comunque, quella sera iniziammo a darci dentro sul divano del salotto…bello in pelle largo e morbido…., ma mentre pompavo con goduria la mia ragazza, notai che la porta si era aperta e dal buio del corridoio ci spiava Zia Concetta…. Non mi persi d’animo e continuai a pompare pensando al mio amore, ma forse ancora più forte pensando alla zia che si toccava dietro la porta…. Appena Bea venne per la seconda volta ed ora stava per toccare a mè….l’arpia entrò e con fare distaccato…..ma deciso, come suo solito….

  • Dai Bea, adesso arriva Tuo padre e dovete andare… vatti a fare una doccia e a vestire… Lei, presa alla sprovvista, saltò giù dal divano in preda alla vergogna ed al panico di qualche ritorsione, coprendosi, subito corse verso il bagno e vi ci chiuse…. Io che già avevo visto la zia spiarci, rimasi in piedi con il cazzo teso e pronto ad esplodere… La Zia, con tanta cura e amorevole passione si avvicinò a mè e prendendomi, con delicatezza lo scroto fra le mani…..me lo carezzò e strinse…
  • Tesoro adesso tutto questo succo, lo dai alla tua Zia…. Aprì la bocca e dopo avermi slinguettato un po’la cappella, se lo infilo fino in gola , succhiava come un’idrovora faceva girare la lingua e le tonsille mi battevano in cima all’asta…..in tre minuti…ingoiò tutto lo sperma che volevo regalare al mio amore…. Devo dire però che la zia ci sapeva davvero fare, non potevo proprio lamentarmi….Si lecco le labbra e subito si diresse in cucina per portarmi un dolcetto a me ed alla sua amata nipotina …. Vado anche io in bagno, mi lavo velocemente, bacio la mia amata e scappo via,….. Ci siamo rifatti il giorno dopo a casa Mia , facendo l’amore per un paio di ore…………. Ma così non andava bene dovevo prendere in mano le redini della situazione e domare a dovere Zia Concetta.

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.