La trasformazione estiva di Diana - Introduzione

  • Scritto da Topless il 12/04/2020 - 19:30
  • 3.4K Letture

Con Diana ci siamo conosciuti in campeggio: lei usciva dalla doccia con una sua amica: aveva solo un asciugamano addosso, annodato alla meglio sopra le abbondanti tettone ma un pò troppo corto, nonostante la sua statura non proprio da modella. Beh, certo, non avevo davanti a me una strafica, ma una tipa graziosa e soprattutto molto arrapante in quel momento.

A distanza di qualche anno la mia opinione su di lei non è mai cambiata: non è una strafica, ma è graziosa... eppure non ha autostima: nonostante i miei apprezzamenti e le mie rassicurazioni, si sottovaluta troppo fino a trascurarsi, odia truccarsi, pettinarsi, vestirsi con scollature o trasparenze e non è mai entrata in un negozio di intimo per acquistare un completino sexy o un banale paio di collant: durante l'inverno si copre fino all'inverosimile con tute o jeans pesantissimi, felpe di pile o maglioni da Courmayeur... ma d'estate, soprattutto per farmi contento, si trasforma ed in certi momenti sa essere molto arrapante, soprattutto in spiaggia... e me ne accorsi subito, anche se in maniera molto soft, sempre in quella settimana di campeggio: ci eravamo già conosciuti meglio e la vidi uscire dall'acqua e avvicinarsi a me con un bikini arancione sfumato di dimensioni normali ma con un reggiseno inaspettatamente trasparente... di sicuro non ne era consapevole e non se ne era accorta, non aveva un atteggiamento di chi vuole provocare o sedurre, quindi ho fatto finta di nulla, non conoscendo quale reazione potesse avere, ma il fatto che non ero certo l'unico ad essermi accorto dei suoi capezzoli che trasparivano nitidamente dal reggiseno non mi dispiaceva affatto, in un misto di gelosia e goduria. Solo dopo esserci fidanzati, a distanza di qualche giorno, le rivelai che mi eccitava moltissimo vederla in spiaggia, soprattutto con un certo reggiseno arancione trasparente... lei cadde dalle nuvole, incredula, ma poi sorrise amaramente nel pensare di aver notato che con quel costume erano in molti a fissarla...

L'estate purtroppo finì presto ed i mesi freddi che arrivarono mi furono utili per farle capire che una delle mie maggiori fonti di desiderio sessuale era proprio il mare, le spiagge e tutte quelle piccole o grandi trasgressioni che vi si possono praticare senza uccidere nessuno. Lei non era felicissima delle mie fantasie, anche perché si considerava brutta e poco appetibile, non all'altezza di tutte le meraviglie che sfilano sui bagnasciuga con stacchi di coscia chilometrici, sederi di marmo e tette al vento e quindi l'idea di mettersi sul loro stesso piano la faceva sentire ridicola e criticata al solo pensiero.

Arrivò la primavera e con i primi caldi il desiderio del mare si fece molto forte per entrambi, seppur per motivi diversi. Decidemmo di anticipare le vacanze sia per risparmiare sia per evitare eccessivi affollamenti. Mentre preparava la valigia a casa dei genitori in cui abitava, mi chiese se potevo salire in soffitta e trovare una scatola che conteneva i suoi costumi e l'abbigliamento per il mare. Nel frattempo andò in cantina a prendere l'ombrellone.

Posata la scatola sul letto, la aprii e notai che oltre ai pochi costumi con cui l'avevo vista l'estate precedente, ce n'erano tanti altri, tutti normalissimi, tranne uno, molto carino, bianco e blu, ancora con l'etichetta e, con grande stupore, con un perizoma molto piccolo. Questa scoperta mi eccitò molto, sistemai di nuovo i costumi nella scatola e la richiusi facendo finta di nulla. Quando Diana tornò ero curioso di vedere quali costumi avrebbe scelto e mi sedei sul letto mentre faceva la sua cernita. Con molto dispiacere mi accorsi che ignorava e scansava di continuo quel bikini così sexy e allora mi feci avanti con innocenza e le proposi di portare anche quello perché era molto carino, in stile marinaro. Lei rifiutò di netto la mia proposta e mi mostrò che era un perizoma: rivelò di aver acquistato quel costume per errore, qualche anno prima, in un grande magazzino che stava per cessare la sua attività: mi disse che per abitudine non provava mai gli slip dei costumi prima di acquistarli e che per ragioni igieniche vuole prima portarli a casa e lavarli; in più quel giorno c'era la calca in attesa dei camerini e quindi decise di andare in cassa senza nemmeno aprirlo per provare il reggiseno, visto il prezzo irrisorio e la taglia che corrispondeva alla sua. Quando si accorse di essere stata troppo frettolosa nell'acquisto, provò a tornare per cambiarlo ma nel frattempo il negozio aveva chiuso i battenti per sempre. Mi sembrava sincera e convincente, eppure non ho mai voluto credere alla sua versione, forse perché in cuor mio mi intrigava l'idea che avesse voluto acquistarlo di proposito per una voglia di sano esibizionismo mai esplosa concretamente.

Non volli insistere, terminò di preparare la valigia ed andò a scegliere le scarpe nella cassapanca del corridoio; nel frattempo mi chiese di riporre in soffitta la scatola e non mi lasciai sfuggire l'occasione di impadronirmi di quel costume così seducente e lo nascosi nelle tasche dei miei bermuda: quando scesi in macchina a caricare la sua valigia, lo infilai definitivamente nella mia, che era già nel portabagagli.

Se volete posso continuare... ditemi voi!

X il momento è un bellissimo racconto , sto aspettando il resto 👍

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.