Sola sul treno senza green pass

  • Scritto da Giovannaesse il 30/01/2022 - 15:05
  • 7.2K Letture

Ciao, voglio mettere in guardia le ragazze che prendono il treno… ormai se ne sentono di tutti i colori!

Questa è la mia esperienza diretta, che non posso raccontare a nessuno, nemmeno alle mie amiche del cuore perché, lo so per certo, verrebbe subito riferita al mio ragazzo. Io sono molto giovane, te l’ho detta l’età… praticamente adolescente. Il mio ragazzo, il primo in assoluto, in 6 mesi siamo arrivati alla sega e al pompino, tutto questo raramente, non abbiamo dove andare. Lui voleva anche scopare ma io non mi sentivo ancora sicura e gli ho detto no!

E adesso? Adesso non so proprio come cavarmela, ecco perché chiedo consiglio a una donna esperta.

Non ho il Green Pass, con la mia famiglia abbiamo fatto questa scelta, ma avevo impellente bisogno di andare a Roma per il fine settimana. Mio padre voleva accompagnarmi e poi venirmi a prendere… un casino, ma poi un amico di famiglia ci ha detto che sulla ferrovie, se prendi il vecchio e lento interregionale, non ti caga nessuno, e che un sacco di gente si sposta così.

Così, venerdì sera, mio padre mi ha accompagnato fino a una stazione piccola e deserta, Villa Literno.

Il treno effettivamente era semivuoto, dopo un po’ che procedevamo lentamente mi ero anche tranquillizzata. Sai, Giovanna, detesto ammettere di essere “piccola” ma penso che lo sai, quando ti ritrovi da sola le prime volte hai veramente il cuore in gola. Dopo Formia era tutto tranquillo, una coppia di anziani era l’unica presenza nello scompartimento, anzi, dai sedili nemmeno si vedevano. Mi rilassai e mi misi ad ascoltare musica dalle cuffie.

Dopo qualche minuto mi sento ticchettare sulla spalla. “Cazzo, il controllore!” presa di soprassalto e smarrendomi… gli mostrai il biglietto che tenevo a portata di mano ma lui nemmeno lo guardò, però disse:

«E il Green Pass?» La carrozza era abbastanza oscura ma credo di averla illuminata io stessa diventando rossa. Balbettavo… non sapevo cosa dire, ero letteralmente nel panico.

«Clama, calma, signorina… semplicemente deve scendere alla prossima stazione, mi spiace.» sembrava gentile ma fermo, era anche un bell’uomo, in un’occasione meno tremenda io e le mie amiche lo avremmo spogliato con gli occhi…

«Aspetta… vedo che sei veramente spaventata, non fare così… quanti anni hai… sedici almeno, sì?»

«Sì! Per favore mi faccia la multa ma non mi faccia scendere… è già sera e non saprei come fare…»

Lui sedette nel seggiolino di fronte e mi scrutò dalla testa ai piedi. «Facciamo così, sei una bella ragazza, se te la senti possiamo trovare un modo per venirci incontro…» Capivo e non capivo. Il suo occhietto malizioso e il sorrisetto sulle labbra mi dicevano che non sbagliavo… «Cosa vuole?» dissi con fare seccato. «Se mi fai contento non ti faccio scendere, ok?»

Mentre parlava già si sbottonava la patta dei calzoni. «E cosa dovrei fare?» speravo di ottenere un effetto facendo la finta tonta; tra l’altro, in quei momenti di panico, ritornavo la ragazzina ingenua e sperduta che ero veramente.

«Toccalo un poco» disse lui e con naturalezza, tirò fuori il suo arnese dalla patta dei boxer. Avrei voluto gridare, offenderlo, chiamarlo “maniaco di merda”, ma poi pensavo anche tante cose… ai miei, alla figuraccia e, perché no? Al pericolo. Magari quel bastardo poteva veramente farmi scendere in una stazione sperduta… e fuori era buio già da un pezzo.

Senza dire niente ma con la faccia schifata, tesi lentamente la mano verso il suo inguine. Dopo tutto non era la fine del mondo, avevo già fatto delle seghe, sia al mio ragazzo che a un “vecchio” che mi aveva saputo eccitare, da piccola.

Il suo cazzo caldo, era gonfio ma non duro, non sapevo bene come comportarmi così mi lasciai un po’ andare, e fui spontanea. Lui non era brutto, credo non arrivasse alla quarantina, lineamenti decisi, virili, fisico asciutto. Vestiva di scuro e il cappello da ferroviere gli dava un chè di militaresco che scaldò un po’ la mia vagina.

Carezzandogli il pene fui sbalordita dai coglioni. Il suo scroto era una grande sacca, bollente e scura, e le palle fluttuavano libere sotto il tocco delle mie dita.

«Ti piace?» chiese a bassa voce, mentre il suo cazzo si intostava e cresceva a dismisura… non sono esperta, ma credo di poter dire che era un “superdotato”. Sono solo una ragazza, naturalmente quell’intimità iniziò a scaldarmi, nonostante facessi del mio meglio per non dimostrarmi condiscendente: lo odiavo!

Quando il cazzo, duro, fuoriusciva di buoni 20 cm. dalla patta, iniziai il classico movimento su e giù, per portarlo all’eiaculazione, sperando facesse presto, come Teo il mio ragazzo. Teo, amore mio! Ebbi un piccolo sussulto… cosa stava succedendo, cosa avrebbe significato questa sporca storia? Ero vittima di una violenza o lo stavo realmente cornificando?

Confusa ma eccitata, sperai comunque che quella manfrina finisse al più presto; dopo tutto un cazzo in mano non è poi la fine del mondo… Lui, di fronte a me era eccitatissimo e se la godeva con evidenza, Tese le mani e, senza intoppi, le ficcò sotto il magione raggiungendo i seni liberi, dove i capezzolini appuntiti tradivano la mia eccitazione. Avrei una terza, ormai, ma quando posso evito il reggiseno, mi piace sentirle ballonzolare quando vado in giro, mi fa sentire nuda e libera. Lo segavo sempre più veloce, ero di fronte e lui, ero scomoda per la masturbazione ma comunque cercavo di farla al meglio in attesa che venisse.

Allargai le gambe, magari aveva una spruzzata lunga e mi faceva schifo pensare di arrivare a Roma con la sperma sugli Jeans. Mi squillò il cellulare!

«Staccalo!» disse imperativo. Gli lasciai il pescione e presi il telefonino per spegnerlo. Lui si alzò, credetti volesse sedersi al mio fianco per finire la masturbazione.

Invece no, le cose si misero… diciamo male, anche se ormai c’ero dentro ed ero eccitata a mia volta. Il ferroviere, ora in piedi, si guardò intorno per assicurarsi che fossi alla sua mercé… la coppia, lontana sonnecchiava in attesa di giungere a destinazione.

Lui, senza vergogna, calo rapidamente calzoni e mutande e avvicinò deciso il suo cazzo al mio viso! “NO, pensai spaventata… questo no… non posso accettare tanta mortificazione…” e da un perfetto sconosciuto. Io ero fidanzata, anche se da poco, e…

«Fammi il pompino… o preferisci scendere a Priverno, nel nulla?» disse malizioso e prepotente, purtroppo la sua forza ebbe la meglio sul mio arrapamento. Non senza voluttà, gli presi il cazzo tra le mani e me lo avvicinai al viso. Non aveva fatto molti bocchini in vita mia, forse una decina. Alcuni al vecchio, di più a Teo, che insisteva per avere di più! Essendo ancora vergine, nei momenti di maggior insistenza lo accontentavo di bocca per non farlo incazzare. Il cazzo del ferroviere era anche molto spesso. Il solo pensiero di dovermi sottomettere al suo scettro, allargando la bocca al massimo per riceverlo dentro mi procurò un brivido elettrico e un eccitante senso di dominio.

Aveva la pellicina intorno alla capocchia rubizza come una fragola e tumida per effetto delle prime gocce del piacere. Lo leccai: leccai la testa, poi l’asta da sotto, lungo un gonfio canale (credo quello da cui poi sarebbe passata la sperma). Ero ipnoticamente attratta dalle palle ma non sapevo se prendergliele in bocca, sarebbe stato considerato come una resa incondizionata… ma ormai c’ero. Gli avevo masturbato e leccato il pesciolone, che onore avrei potuto cercare di salvare? Mi stava facendo tutto contro la mia volontà, ecco! Quindi la mia eccitazione “meccanica” non giustificava il fatto che lui rimaneva un pezzo di merda, lo odiavo… ma amavo già perdutamente il suo cazzo.

Scavai con la lingua sotto la pellicina, un gusto un po’ acido, arrapantissimo, invase la mia bocca e mi penetrò nel naso, pungente. Ora gli tenevo lo scroto in mano ma non osavo dirigere il pene più dentro la bocca. «Apri la bocca più che puoi…» disse, quasi roco. Guardava dall’alto la mia resa al bocchino. La aprii più che potevo… chissà? Forse intendeva mettermi le palle in bocca?

Invece lui, con estrema delicatezza, lento lento fece entrare il suo ...

Contginua a leggere...

https://giovannaesse.it/racconto/la-ragazza-sul-treno-senza-green-pass

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.